Israele e Palestina : una settimana in foto (gennaio)

Un richiedente asilo africano si trova all'interno di un bus delle autorità dell'immigrazione israeliano prima di lasciare il centro di detenzione Holot, Tel Aviv, Israele, l'autorità di immigrazione Israele convocò un paio di decine di richiedenti asilo ordinando loro di arrivare oggi al centro di detenzione Holot solo 12 arrivati. Secondo le organizzazioni per i diritti umani, oltre 1700 i richiedenti asilo africani hanno ricevuto ordine di comparizione analoghi previsti per le prossime settimane, informandolo che il suo visto di corrente viene annullato. (Foto: Keren Manor / Activestills.org)


Un richiedente asilo africano si trova all'interno del bus delle autorità dell'immigrazione israeliano
 Foto: Keren Manor / Activestills.org)

 I richiedenti asilo che vivono a Tel Aviv e attivisti israeliani tengono una visita di solidarietà fuori dal centro di detenzione Holot, portando cibo e vestiti, 25 gennaio 2014. (Foto: Oren Ziv / Activestills.org)

  attivisti israeliani  hanno organizzato una visita solidarietà fuori dal centro
 di detenzione Holot, portando cibo e vestiti, 25 gennaio 2014.
  (Foto: Oren Ziv / Activestills.org)



Gli studenti provenienti da Ort High School, insegnanti e sostenitori prendere parte a una veglia di solidarietà con l'insegnante Adam Verete, a Kiryat Tivon, 25 gennaio, 2014. Verete è un insegnante il cui contratto è in prima linea in seguito ad una denuncia presentata da uno studente di destra sopra il punto di vista di "sinistra" ha espresso in aula. (Foto: Oren Ziv / Activestills.org)
Studenti , insegnanti e sostenitori partecipano a  una veglia di solidarietà 
con l'insegnante Adam Verete, a Kiryat Tivon, 25 gennaio, 2014
. Verete è un insegnante  denunciatoda uno studente di destra 
per aver espresso punti  di vista di "sinistra"  in aula. (Foto: Oren Ziv / Activestills.org)

 
Centinaia di persone hanno manifestato vicino a Teatro Habima a Tel Aviv contro l'abuso di mucche e vitelli nel settore lattiero-caseario. Israele, 25 gennaio 2014. La dimostrazione è avvenuta in seguito alla pubblicazione di un'inchiesta dall'organizzazione per i diritti degli animali "Let Live", che ha rivelato le condizioni difficili e abuso di mucche e vitelli in un fienile a Ramat Hasharon. I manifestanti hanno distribuito cibo vegan a passanti e chiesto loro di evitare di comprare e consumare prodotti lattiero-caseari. (Foto: Keren Manor / Activestills.org)

Centinaia di persone hanno manifestato vicino a Tel Aviv 
contro i maltrattamenti inflitti a mucche e vitelli nel settore lattiero-caseario.
  Israele, 25 gennaio 2014. . I manifestanti hanno distribuito cibo 
vegan ai  passanti e chiesto loro di evitare di comprare e consumare
 prodotti lattiero-caseari.
  (Foto: Keren Manor / Activestills.org)

Un uomo soffoca dal gas lacrimogeno sparato dai soldati israeliani durante la manifestazione settimanale a Kafr Qaddum, un villaggio della Cisgiordania situato a est di Qalqiliya, 24 gennaio, 2014. Kafr Qaddum iniziato ad organizzare manifestazioni regolari nel luglio 2011, per protestare contro il blocco della strada principale che collega il villaggio di Nablus. (Foto: Yotam Ronen / Activestills.org)
Un uomo soffoca per il gas lacrimogeno sparato dai soldati israeliani durante 
la manifestazione settimanale a Kafr Qaddum, un villaggio della Cisgiordania 
situato a est di Qalqiliya, 24 gennaio, 2014.
  (Foto: Yotam Ronen / Activestills.org)

 Giovani palestinesi riparo durante gli scontri con le forze israeliane dove il muro di separazione cinge la Tomba di Rachele vicino campo profughi di Aida a Betlemme, Cisgiordania, 24 Gennaio 2014. Le forze israeliane in questa zona sono solitamente usata munizioni come arma di controllo della folla contro campo giovani, portando a lesioni gravi nelle ultime settimane. (Foto: Ryan Rodrick Beiler / Activestills.org)


Giovani palestinesi si riparano durante gli scontri con le forze israeliane nel  campo profughi di Aida a Betlemme, Cisgiordania, 24 Gennaio 2014. Le forze israeliane in questa zona sono solitamente usare  munizioni come arma di controllo ferendo  gravemente i manifestanti . (Foto: Ryan Rodrick Beiler / Activestills.org)

 Attivisti palestinesi confrontano i soldati israeliani durante la manifestazione settimanale contro la barriera di separazione israeliana nel villaggio in Cisgiordania di Al Ma'sara, 17 gennaio 2014. La barriera di separazione avrebbe tagliato fuori il paese dai suoi terreni agricoli se è costruito come previsto. (Foto: Ryan Rodrick Beiler / Activestills.org)

Attivisti palestinesi si confrontano con i soldati israeliani durante la manifestazione settimanale
 contro la barriera di separazione israeliana nel villaggio in Cisgiordania di Al Ma'sara, 17 gennaio 2014.
  La barriera di separazione  taglierebbe fuori il paese dai suoi terreni agricoli se costruito
 come previsto. (Foto: Ryan Rodrick Beiler / Activestills.org)

 La casa della famiglia palestinese Adgluni è demolita dalle autorità israeliane, Gerusalemme Est, 27 gennaio 2014. Le autorità israeliane hanno sostenuto la casa è stata costruita su terreni che non appartengono alla famiglia. (Foto: Tali Mayer / Activestills.org)

La casa della famiglia palestinese Adgluni  demolita dalle autorità israeliane, 
Gerusalemme Est, 27 gennaio 2014. Le autorità israeliane hanno sostenuto 
 che la casa è stata costruita su terreni che non appartengono alla famiglia.
  (Foto: Tali Mayer / Activestills.org)

 Un giovane palestinese utilizza una fionda per lanciare indietro un lacrimogeno lanciato dai soldati israeliani durante una protesta contro l'occupazione israeliana nel villaggio in Cisgiordania di Nabi Saleh, 24 Gennaio 2014. (Foto: Oren Ziv / Activestills.org)


Un giovane palestinese utilizza una fionda per lanciare indietro un lacrimogeno lanciato
 dai soldati israeliani durante una protesta contro l'occupazione israeliana
 nel villaggio in Cisgiordania di Nabi Saleh, 24 Gennaio 2014.
  (Foto: Oren Ziv / Activestills.org)

Attivisti israeliani onda come richiedenti asilo africani seduti in un autobus delle autorità dell'immigrazione israeliana lasciando al centro di detenzione Holot, Tel Aviv, Israele, 29 gennaio, 2014. L'autorità di immigrazione israeliano ha convocato decine di richiedenti asilo, ordinando loro di arrivare al centro di detenzione Holot. Intorno al 40 arrivati. Secondo le organizzazioni per i diritti umani, oltre 1.700 richiedenti asilo africani hanno ricevuto ordine di comparizione analoghi previsti per le prossime settimane, informandoli loro visto corrente viene annullato. (Foto: Oren Ziv / Activestills.org)

Attivisti israeliani  esprimono solidarietà  ai  richiedenti asilo africani del centro 
di detenzione Holot, Tel Aviv, Israele, 29 gennaio, 2014. 
(Foto: Oren Ziv / Activestills.org)

Photos of the week: Palestinians find themselves homeless






Commenti

Post popolari in questo blog

Il probabile sabotaggio di Nord Stream e altre notizie interessanti Vedi Cartina

Rapporto OCHA 30 agosto – 12 settembre 2022

Ahmad Melhem Israele minaccia Gaza, mentre aumenta escalation in Cisgiordania. Il dilemma dell'Autorità Palestinese

Amira Hass : Decine di soldati sono entrati in un villaggio palestinese nel cuore della notte per un “Tour Selichot”