Israele: la manipolazione di Netanyahu su Mandela


 

Sintesi personale

Nel suo omaggio a Nelson Mandela  il primo ministro Benjamin Netanyahu lo ha descritto come "un combattente per la libertà che ha respinto la violenza . "Davvero ?Ecco un estratto dalla dichiarazione di Mandela alla corte durante il suo processo 1964 per sabotaggio e tradimento : " Ci hanno messo in una posizione in cui abbiamo dovuto  scegliere  tra il permanere in uno  stato   di inferiorità  o  sfidare il governo . Abbiamo scelto di sfidare il governo . In primo luogo abbiamo infranto la legge in modo da evitare qualsiasi ricorso alla violenza , quando questa forma  di lotta è stata legiferata illegale  e quando il Governo è ricorso ad una dimostrazione di forza per schiacciare l'opposizione alla sua politica , solo allora abbiamo deciso di rispondere alla violenza con la violenza . "Motivando nello stesso discorso sul perché lui  i suoi compagni avessero fatto ricorso alla violenza , Mandela ha detto : "Non ho pianificare ciò con  incoscienza , né perché ho alcun amore per la violenza. Ho programmato ciò  come un risultato di una valutazione calma e sobria della situazione politica che si era creata dopo molti anni di tirannia , sfruttamento e 'oppressione del mio popolo  da parte dei bianchi . "
Per Mandela , la violenza è un mezzo , non un fine . Ha operato pacificamente finché ha potuto, fino a quando il regime dell'apartheid  non ha impedito ogni soluzione pacifica . Quando non aveva altra scelta , ha adottato la  resistenza violenta  e ha scontato  27 anni di carcere duro . Tornò a negoziati pacifici , non appena fu in grado e la sua leadership è stata determinante nel prevenire la guerra civile in Sud Africa .Mandela non  ha mai rinunciato all'  uso della violenza , ma nel 1990 non era più necessario:  il regime dell'apartheid aveva bisogno di lui  . Sanzioni internazionali , cambiamento demografico inarrestabile e  i costi paralizzanti del mantenimento dell'apartheid avevano portato il Sud Africa in ginocchio . Il regime ha trascorso diversi anni a negoziare la migliore offerta  , ma la fine dell'apartheid era ormai sancita . Aveva fatto il suo corso .Nelson Mandela sapeva che c'era un tempo per la violenza , inevitabilmente seguito da un tempo di pace. FW de Klerk , il primo ministro del Sud Africa , in  un drammatico discorso al parlamento il 2 febbraio 1990 , annunciò sia il rilascio di Mandela  sia  la fine imminente dell' apartheid .Riflettendo su quel discorso a distanza di 20 anni , De Klerk ha detto: " I ​​bianchi volevano aggrapparsi a quanto potevano ed erano troppo avidi ...Siamo stati coinvolti in una lotta armata   dove non  ci sarebbero  stati vincitori. La decisione chiave  era se fare un cambiamento di paradigma . "Sia De Klerk e Mandela hanno affrontato la profonda divisione nei loro ranghi da parte di quelli  che erano contrari a fare concessioni ,  incapaci di vedere i loro avversari come esseri umani con le stesse aspirazioni ,  speranze e  paure .L'ala destra del partito di De Klerk e il reazionario partito conservatore alla sua destra accusarono il primo ministro di tradimento e ingenuità ( suona familiare ? ) I manifestanti gridavano " Hang de Klerk , appendere Mandela ", e , per buona misura , " Hang gli ebrei . "Ma la causa della pace aveva trovato due campioni in Mandela e  in De Klerk . Rimasero fermi  di fronte alla irrazionalità  dell'odio e della violenza , risolsero le differenze tra loro in  trattative strazianti che   i politici israeliani  definiscono ( anche se mai li faanno ) "concessioni dolorose . " Il nuovo Sud Africa era nato .E 'un peccato che Netanyahu , volgare e trasparente  come al solito , abbia cercato di manipolare Mandela per i suoi scopi .  Entrambe le parti esercitano violenza in un conflitto armato e la violenza di stato non è meno letale rispetto a  quella di  tipo irregolare .Se l'analogia del Sud Africa viene applicato a Israele , Netanyahu può giocare il ruolo De Klerk . Egli può continuare ad essere il signore della guerra etnica sanguinosa con un potente esercito a sua disposizione o può superare il tribalismo atavico del suo background e sottoporsi a quello che De Klerk  ha descritto nel suo discorso di accettazione del Premio Nobel come "un processo di introspezione , di ricerca interiore , di  pentimento , di realizzazione della futilità del conflitto in corso , di riconoscimento di politiche fallimentari e dell' ingiustizia che  ha portato con sé " .Come ha detto De Klerk nello stesso discorso : "La domanda che dobbiamo porci è se stiamo facendo progressi verso l'obiettivo della pace universale  o stiamo  girando  storicamente  sempre sull'asse di  un' aggressione insensata e autodistruttiva La repressione , l'ingiustizia e lo sfruttamento sono ostili  alla pace . La pace è gravemente minacciata dalla paura , dall' invidia e dallo  scatenamento di aspettative non realistiche . Intolleranza e pregiudizi razziali  di classe e di religione sono i suoi nemici mortali . "La scelta è di Netanyahu . 

Roy Isacowitz è un giornalista e scrittore che vive a Tel Aviv .
 Articolo in lingua originale

Commenti