I cristiani di Gaza aspirano a Betlemme

 

Un cristiano palestinese accende candele nella Chiesa di San Porfirios a Gaza City, 22 dic, 2013. (Foto REUTERS / Mohammed Salem)
 Sintesi personale
Suzy al-Najjar, Samer al-Salfiti e la loro figlia, Judy, guardano con desiderio l'albero di Natale che sta per essere illuminato dal vescovo Alessio, il pastore della chiesa greco-ortodossa, alla presenza di decine di parrocchiani della Striscia di Gaza   il 22 dicembre.
Suzy, 22, e Samer, 30   avrebbero voluto recarsi a Betlemme  per Natale lì. Suzy ha detto ad Al-Monitor, "  Questo sembra impossibile. C'è molto poco spirito di festa qui a Gaza a causa della situazione economica e della portata limitata delle celebrazioni ".
Due settimane fa la coppia ha chiesto il permesso di viaggiare attraverso il valico di Beit Hanoun (Erez), ma la loro domanda è stata respinta dalle forze di occupazione israeliane . "E 'il sogno di ogni cristiano  trascorrere le vacanze a Betlemme. Geograficamente siamo molto vicini alla città, ma è impossibile andarvi".

Le autorità israeliane impongono condizioni che impediscono  ai cristiani tra i 16 ei 35 anni di età di lasciare la Striscia di Gaza per le città della West Bank a pregare, celebrare feste religiose o visitare parenti. Jabr el-Jaldeh, che si occupa delle relazioni religiose della Chiesa greco-ortodossa di Gaza, ha detto ad Al-Monitor che   214 domande sono state respinte per le persone di età compresa tra i 16 ei 35 anni."
I cristiani  a Gaza sono circa  1.500, la maggior parte di essi è  greco-ortodossa. Va notato, tuttavia, che il loro numero, a metà degli anni 1990 era superiore ai 5.000.
ASuhair Saba, 65 anni, è stato concesso il permesso, ma lei molto probabilmente non andrà: "Il clima è freddo. E dopo la tempesta, la strada che attraversa Erez è difficile da percorrere e ha molte buche. "Lei lamenta anche  le nuove istruzioni che vietano ai viaggiatori l di portare dolci, timo o peperoni come regali.
Nonostante le denunce da parte della maggioranza dei cristiani perchè le feste si profilavano noioso e prive di gioia nel bel mezzo di una maggioranza musulmana guidata da un governo teocratico,  a Gaza  alcuni negozi sono stati decorati con alberi di Natale luminosi e ritagli di Babbo Natale.
Rawan al-Khoury, 21 anni, ha rivelato ad Al-Monitor che in una mossa senza precedenti, un gruppo di giovani ha deciso di presentare le richieste  di permesso per andare a Betlemme attraverso le organizzazioni   del patriarcato e dei diritti umani . "E 'ingiusto dover aspettare per più di 10 anni per essere in grado di andare lì e stare con le nostre famiglie." Ha  sottolineato che non è possibile viaggiare attraverso il valico  di Rafah verso la Cisgiordania fino a quando le carte di identità contengono la parola "Gaza".
Uno di quei giovani Abdallah Jahchan, 28,  ha dichiarato : "LE nostre speranze sono state deluse dal rifiuto israeliano a tutte le nostre domande ".
Egli ha inoltre spiegato ad Al-Monitor che sta contando i giorni PER ANDARE VIA  da Gaza, poiché la maggior parte dei giovani non ha speranza per il futuro,
Il Vescovo Alessio precisa : ."Ho vissuto a Gaza negli ultimi 12 anni. Ho visto tutte le guerre e ora sono una testimone del blocco duro imposto alla città e ai suoi abitanti. Chiedo  alle  potenze mondiali di consentire ai cittadini della Striscia di uscire ed entrare normalmente, perché l'amore è ovunque, ma dobbiamo vederlo nei nostri cuori ".. Egli ritiene che il problema principale risieda  nella guerra tra i due popoli, che porta a questo blocco.
A pochi metri di distanza si trova la Chiesa cattolica latina i cui membri  sono circa  200 . Anche lì abbiamo trovato Samer e Suzy, perché lei è cattolica.
La loro figlia, Judy, è andata a giocare nel cortile accanto alla chiesa.E' corsa tra le braccia di suor Nazaret . Lei ha scelto di venire a Gaza tre anni fa  e nei suoi 22 anni  di  suora, non si è sentita mai così felice come qui. Lisa al-Souri, 20  e suo marito, Tarek, 27 anni,  hanno espresso ad Al-Monitor la loro delusione per i festeggiamenti a Gaza. Lisa ricordò come, in passato, un grande albero di Natale era  stato eretto e illuminato al centro  della Piazza Gaza .  "Questo è stato otto anni fa. Invece di andare a Betlemme ,io  vorrei festeggiare  il Natale come  cristiano qui a Gaza con il resto del popolo, proprio come abbiamo fatto in passato ".




















Commenti

Post popolari in questo blog

Free Arabs, American Islamic Congress ( AIC) ,Weddady e lobby Pro-israele islamofobiche

ATTIVISTA ANTI-SIONISTA, EBREO israeliano, ARRESTATO PER "AVER RICORDATO COME ISRAELE TRATTA I PALESTINESI"

YUMNA PATEL :Il governo israeliano chiede ritorsioni e punizioni collettive in seguito alla sparatoria a Gerusalemme. La violenza dei coloni