Richard Silverstein : il conflitto con l'Iran ha poco a che fare con il nucleare

  Sintesi personale

Stephen Walt   un giornalista israeliano  esperto del mondo arabo  e  Jackie Hugi  hanno spiegato   le vere ragioni della tensione esistente  tra l'Iran e l'Occidente e l'Iran e i suoi vicini regionali. In breve non si tratta di armi nucleari. Si tratta di potere.


... Il vero problema non è se l'Iran   avrà una bomba, il vero problema è l'equilibrio  di  potere nel Golfo Persico e nel  Medio Oriente. L'Iran ha molto più potenziale  rispetto a tutti gli altri Stati della regione: una popolazione più ampia, una classe media abbastanza sofisticata e ben educata, alcune buone università,  abbondante petrolio  e gas per rilanciare la crescita economica (se usata saggiamente). Se l'Iran   evita le sanzioni internazionali e pone   persone competenti e responsabili nel settore economico , la sua influenza  nella rergione si accrescerà . Tale prospettiva è ciò che sta realmente dietro le preoccupazioni israeliane e saudite circa l'accordo nucleare. Israele e l'  Arabia Saudita non credano  che l'Iran  lancerà una bomba o userà il  ricatto nucleare. No, sono solo preoccupati che un potente Iran eserciterà  una maggiore influenza nella regione come fanno  le grandi potenze . Dal punto di vista di Tel Aviv e Riyad l'obiettivo è quello di cercare di evitare  ciò  isolandola e indebolendola .Dal  punto di vista degli Stati Uniti è interesse strategico un equilibrio di potere in cui nessun singolo Stato domini . In una tale situazione gli interessi degli Stati Uniti  sono meglio serviti dall'  avere buone relazioni con il maggior numero possibile di Stati. Conseguentemente   il reinserimento dell'Iran nella comunità globale potrebbe  rafforzare  le  forze moderate  e rendere  meno  dirompente l'Iran  in altri contesti (ad esempio, Libano).Ciò  presuppone  il rassicurare gli alleati esistenti, ma  potrebbe anche costringere gli alleati attuali ad  ascoltare Washington con  un po 'più di attenzione  e questo  non sarebbe una brutta cosa.
Come dice Walt, anche i falchi anti-Iran israeliani o sauditi non credono alla possibilità di un bombardamento nucleare . Quello che davvero temono è il potere economico, politico, militare dell'  l'Iran  nella regione. Israele vuole la massima leva per dominare tutti gli Stati confinanti (Siria, Libano, Palestina, Giordania, ecc), mentre l'Arabia Saudita si crogiola nel suo ruolo di custode dei luoghi santi. La minaccia iraniana  consiste nell'eventuale schierarsi iraniano    con i nemici di Israele  o  nel minacciare l'egemonia saudita in tutto il mondo musulmano.
Lo "Stato ebraico" e lo stato musulmano vogliono un biforcato Medio Oriente in cui ognuno  domina la propria sfera di influenza. Non vogliono  una regione  dove il  potere diventa decentrato tra i vari Stati. E certamente non  si vuole condividere il potere con un rivale sciita .
  Hugi non si differenzia sostanzialmente da questa analisi : 
... Il riavvicinamento tra l'America e l'Iran porterà cambiamenti drammatici per l'equilibrio del  potere all'interno dell'intera regione. Potrebbe  l'Iran  ritornare ad essere  alleato degli Stati Uniti e ad eclissare il suo rapporto con gli altri stati arabi, primo fra tutti l'Arabia Saudita e l'Egitto. Questo è l'incubo degli arabi.
Se Israele teme la perdita del suo partner   se attaccasse  l' Iran, può essere confortato dal fatto che non è l'unico. Gli arabi, primo fra tutti l'Arabia Saudita, temono che entro un anno o due un riavvicinamento di Washington-Teheran sarà formalizzato e li ecclisserà . Per loro la "minaccia iraniana" non è né una bomba nucleare nè  il "punto di non ritorno." Per loro l'Iran è una potenza regionale  che tenta di acquistare influenza in ogni ambito possibile. Il  re del Bahrein  teme un colpo di stato militare che trasformerà il suo paese in una colonia iraniana. Nel mondo arabo c'è anche una parola per questo, tashayua, la diffusione della.“Shiia idea.
In ogni luogo della regione in cui vi aia  un conflitto sanguinoso, troverete la presenza iraniana con denaro, armi, o proxy. In Libano, Iraq, Siria, Yemen (!), Bahrain e Gaza ...
Il regno reale di Riyadh gode di uno status speciale a Washington e relazioni più strette con l'Iran sarebbe percepito dall'Arabia Saudita  come una minaccia.
Questo brano illustra il livello di isteria in Arabia Saudita verso gli iraniani  e ci ricorda esattamente le stesse dichiarazioni allarmistiche fatte 50 anni fa dai falchi statunitensi per la guerra in Vietnam:
"Per i sauditi, il programma nucleare iraniano e la guerra in Siria sono parti di un unico conflitto", ha detto Bernard Haykel, un professore di studi mediorientali alla Princeton. “One well-placed Saudi told me, ‘If we don’t do this in Syria, we’ll be fighting them next inside the kingdom.’ ” Israele, a sua volta,   con i negoziati in atto vedrebbe trasformato lo spauracchio del nucleare  in  rivalità  regionale  politica o commerciale  Non sarebbe più alimentato il sostegno dell'Iran  in Libano, Siria e Gaza. Che cosa resterebbe ? Israele starebbe in piedi sul palco, come l'imperatore senza vestiti. Sarebbe allora più chiaro alla comunità internazionale   che Israele dovrebbe  risolvere  il conflitto arabo-israeliano. Israele a tutti i costi cerca di evitare che venga evidenziata l'  occupazione davanti  alla comunità mondiale. Ha bisogno di distrazioni come la bomba iraniana per vestire se stesso e le sue azioni in modo ingannevole
E' evidente , come scrive Walt,  che non può che essere salutare per l'Iran giocare un ruolo di primo piano nella regione  per  evitare la  predominanza di una singola nazione o di più nazioni (come Israele e sauditi). Inoltre, l'Iran rappresenta un nuovo modello di governo  per la regione : una repubblica islamista che, almeno nominalmente,è una democrazia. Uno dei dilemmi più spinosi affrontati nella regione è come tradurre il fervore populista della primavera araba in una vera democrazia.L'  Iran (anche se non uno stato arabo) può offrire un modello adatto, o almeno un modello tra i tanti.
Questo è ciò che spaventa i nemici regionali dell'Iran. Preferiscono gli uomini forti della Vecchia Guardia. Preferiscono  leader autoritari  per affrontare le legittime aspirazioni di un intero popolo. Anche se il governo iraniano non è affatto perfetto, offre un modello di gran lunga più inclusivo  rispetto a paesi come l'Egitto, l'Arabia Saudita, la Giordania o la Siria.


Commenti

Post popolari in questo blog

Richard Silverstein : La mano nascosta di Netanyahu aleggia su Al Aqsa Pogrom

Orly Noy : Il vice sindaco di Gerusalemme all' attivista palestinese: è un `` peccato '' che non ti abbiano sparato in testa (video)

J Street : comunicato sugli sfratti di Gerusalemme Est e risposta al Ministro degli Esteri Israeliano

Dominique Vidal : perchè questa omertà su quanto accade a Gerusalemme Est?