Akiva Eldar: il doppio Standard europeo di Netanyahu




Sintesi personale
 Prima dei colloqui tra il P5 +1 (i cinque membri permanenti , la Germania  e il Consiglio di sicurezza dell'ONU) con i rappresentanti iraniani a Ginevra il 15 ottobre e il 16, il primo ministro Benjamin Netanyahu aveva cancellato la sua agenda affollata per una serie di colloqui con i maggiori media dei tre paesi membri europei del forum.Aveva  concesso interviste ai giornali dalla Germania (Frankfurter Allgemeine Zeitung), Francia (Le Monde) e Regno Unito (Financial Times) e alle  tre reti televisive di questi Paesi: ARD TV, France 24 e Sky.


ndard
Autore: Akiva Eldar
Inviato il: 21 ottobre 2013
Tradotto da: Sandy Bloom
Categorie: Originals Israele Palestina Iran,includeva  citazioni selezionate allo scopo di fare pressione sui  tre governi occidentali  perché non allentassero   le sanzioni contro l'Iran . "Essere rigorosi, essere forti  contro "il fascino  dell' offensiva iraniana." Egli evidenziava  che il regime di Teheran aveva violato tutte le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per quanto concerneva l' 'arricchimento dell'uranio e ora chiedeva  allentamento delle sanzioni per  "tattiche strategie e concessioni cosmetiche ."
Quando si tratta del programma nucleare iraniano improvvisamente  il continente europeo diventa rilevante e corteggiato. Eppure, meno di due anni fa, nel dicembre 2011, il ministero degli Esteri israeliano aveva annunciato che questi tre paesi (Germania, Francia, Regno Unito insieme con il Portogallo ) "avevano  perso  credibilità  diventando   irrilevanti."
Questo è successo per  una dichiarazione ,nello  stesso mese, dei  loro ambasciatori presso le Nazioni Unite dove veniva condannata  la costruzione degli insediamenti e il "tag price"  nei territori della Giudea e della Samaria. Il ministero degli Esteri  aveva  avvertito che "interferire con la storia nazionale di Israele" avrebbe danneggiato  la posizione dell'Europa (la Cisgiordania non fa parte dello stato o sovrano di Israele).
In una dichiarazione che può essere rintracciata  sul sito web del Ministero degli Esteri, Israele aveva dettato un programma dettagliato per i membri europei del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Netanyahu auspicava che  avrebbero dovuto  "concentrarsi sul processo di pace in punti caldi come la Siria e l'Iran ...  sulla promozione della democrazia e la moderazione nei paesi arabi ." E per quanto riguarda le aspirazioni del popolo palestinese per la libertà ?
Proprio come ai tempi dell'ex presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad  Netanyahu, dopo che il presidente iraniano Hassan Rouhani  aveva ritrattato la negazione dell'Olocausto e l'appello per la distruzione di Israele, continuava  a considerare  l'Iran come  la Germania nazista con  riferimenti grossolani all' ingenuità dei leader del continente  portati fuori strada durante la Seconda guerra mondiale. .
Per  decine di anni l'Europa ha fornito contributi a istituzioni educative e sanitarie israeliane, ha firmato accordi commerciali e culturali , finanziato  gli  apparati di sicurezza palestinesi che contribuiscono a contrastare il terrorismo contro gli israeliani. Eppure, dopo tutto questo, ogni volta che l'Europa osa alzare un dito nelle  Nazioni Unite contro gli insediamenti o levare una voce flebile contro l'occupazione, Gerusalemme solleva un polverone  contro "l' interferire con gli affari interni di Israele."
Israele piange e l'Europa ,come gli Stati Uniti, si adegua.  La prova è data  dalle  decine di avamposti edificati   nonostante le proteste europei ,dagli  ordini di demolizione e rimozione di contadini palestinesi dalle loro case e terre, sotto il naso dei diplomatici di tutta l'Europa.
L'Unione europea non è riuscita a raggiungere un consenso per quanto riguarda la marcatura dei prodotti fabbricati negli insediamenti . Su  uno scaffale di prodotti kosher in un quartiere parigino ho trovato il halvah  prodotto da una delle fabbriche  di Barkan in  Cisgiordania. L'indirizzo corrispondeva a  una cassetta postale d Tel Aviv. A questo punto non vi è alcun significato pratico nelle  misure adottate contro le aziende europee  che mantengono  i legami con gli insediamenti.
Alti funzionari delle istituzioni dell'Unione europea mi hanno  detto che la questione del  "doppio standard"  è emersa spesso nei colloqui   che si tengono a New York con i membri della delegazione iraniana presso l'Assemblea generale delle Nazioni Unite e non solo per quanto riguarda la nuclearizzazione. "Perché tenere una lezione sulla violazione delle risoluzioni dell'ONU, mentre si ignora la violazione israeliana  del diritto internazionale e delle risoluzioni dell'ONU nei territori occupati?" .
La risposta formale a tali questioni e argomenti è sulla falsariga di: ". Proprio in questi giorni, siamo coinvolti attivamente nel portare avanti i negoziati tra Israele e i palestinesi" Tuttavia, nei colloqui privati ​​con circa una dozzina di funzionari e diplomatici europei a Bruxelles e  aTel Aviv, tutti  hanno espresso emozioni che vanno dal dubbio alla completa incredulità che i negoziati possano  condurre alla fine dell'occupazione. La frase più positiva che ho scritto per me stesso è stata: "Per la prima volta ho sentito Saeb Erekat (l'inviato palestinese per i negoziati) dire qualcosa di positivo circa i colloqui con Tzipi Livni  invece delle solite lamentele"
Nei colloqui di sfondo con un funzionario europeo altolocato ho ricevuto ulteriore conferma circa l' informazione che ho pubblicato in Al-Monitor per quanto riguarda il legame creato dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama tra il canale di trattativa con gli iraniani e i negoziati tra Israele e i palestinesi. Mi è stato detto, "La fine del conflitto  e un accordo di pace con i paesi arabi, sulla base dell'iniziativa di pace della Lega Araba ,sono un fattore chiave, se non il fattore decisivo, negli sforzi per eliminare la minaccia di nuclearizzazione iraniana. "
Come sempre la chiave principale è nelle mani degli Stati Uniti. Tuttavia, la crisi in Siria ha aperto la porta a giocatori aggiuntivi  come  la Russia, le Nazioni Unite , l'Europa - tutti e tre membri del Quartetto. This is the same Europe that “lost its credibility and made itself irrelevant,” the same Europe that Netanyahu turns to today and demands that it “be strict, be strong” toward a country that does not obey international law, a regime that belittles the accepted position of most of the international community.

L'Europa si dovrebbe decidere  a "essere  rigorosa  e forte " verso il governo di destra ei coloni guidati da Netanyahu ?

Netanyahu's European Double Standard

Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu demands that Europe "be strict, be strong” vis-a-vis Iran and its nuclear project, while his government continues to violate international law in the occupied territories.

Posted on: Oct 21, 2013

Commenti

Post popolari in questo blog

Gad Lerner : commento sulla vicenda del piccolo Eltan sequestrato dal nonno materno e ora in Israele

Sophia Goodfriend : Quando il discorso politico palestinese è "incitamento". Mohammad Kana'neh

Haaretz : Israeli Grandfather Absconded 6-year-old Survivor of Italy Cable Car Accident on Private Jet

Over 100 international law experts sign letter against West Bank annexation