Il settore delle costruzioni di Gaza ancora schiacciato dall'assedio


The Electronic Intifada
26.09.2013
http://electronicintifada.net/content/gazas-construction-sector-still-crushed-siege/12801 

Il settore delle costruzioni di Gaza ancora schiacciato dall’assedio.
Pochissimi camion carichi di merci possono entrare o uscire da Gaza, strangolando la sua economia. 
di Rami Almeghari
“Dal 1975 al 2007, la nostra azienda è stata abbastanza sostenibile e redditizia. Dal 2007, è stata duramente colpita dal blocco israeliano,” ha dichiarato Ahmad al-Breim, un commerciante in forniture edili di Gaza, mentre lunedì aspettava la sua spedizione di materie prime provenienti da Israele, la prima da più di sei anni a questa parte.


La settimana scorsa, le autorità di occupazione israeliane hanno deciso di consentire il passaggio di ulteriori cinquanta camion carichi di materiali da costruzione a Gaza, e in primo luogo cemento, acciaio e calcestruzzo, ma in quantità di gran lunga inferiori alle esigenze del territorio. In precedenza, per il settore privato, Israele dava il permesso a soli venti camion al giorno. 
“Abbiamo fatto affidamento sui tunnel sotterranei dall’Egitto, ma i prezzi e la disponibilità dei materiali sono stati fluttuanti,” ha riferito a The Electronic Intifada al-Breim. 
Dall’inizio del mese di luglio, quando il regime militare egiziano ha dato inizio a un rinnovato assalto ai tunnel sotterranei, il prezzo di una tonnellata di cemento ha infilzato i 280 dollari, ha detto al-Breim. 
Al 21 settembre, solo una decina delle trecento gallerie erano ancora in funzione, secondo il rapporto dell’Ufficio di Coordinamento per gli Affari Umanitari delle Nazioni Unite (OCHA) (“L’impatto umanitario dell’accesso diminuito tra Gaza e l’Egitto,” 23 settembre 2013 [pdf]). 
Questo stava a significare che arrivavano meno di 100 tonnellate di provviste al giorno a confronto delle 7.500 tonnellate di prima della campagna d’Egitto. 
I prezzi delle merci in arrivo da Israele con i settanta camion carichi giornalieri saranno determinati dalle autorità locali di Gaza. Una tonnellata di cemento, per esempio, sarà venduta a clienti del posto a 155 dollari circa, mentre una tonnellata di acciaio lo sarà a 900 dollari, ha spiegato al-Breim. 
Al-Breim ha rammentato che prima dell’assedio israeliano era uso avere scorte permanenti di centinaia di tonnellate di materia prima per l’edilizia e che la sua attività non si è mai fermata. 
Nel corso degli ultimi cinque anni di blocco e di rifornimenti precari attraverso i tunnel , ha riferito che “si è esaurito tutto ciò che avevamo ricevuto.” 

Non all’altezza 

Mentre l’aumento delle spedizioni da Israele fornisce un certo sollievo, l’offerta è ancora molto al di sotto delle necessità e delle carenze croniche che riguardano sia i progetti pubblici che privati a Gaza, ove risiedono quasi 1,7 milioni di palestinesi 
Con la grave penuria di forniture per l’edilizia a Gaza, per esempio, si è interrotta la costruzione di 13 scuole statali e sono state rinviate le gare d’appalto per altre 26, secondo quanto riportato dall’agenzia delle Nazioni Unite OCHA. 
Questa ha aggiunto che probabilmente è pure stato rimandato o differito il ripristino di 76 scuole materne danneggiate durante gli attacchi israeliani del novembre 2012 su Gaza, ed è bloccata la costruzione di un nuovo edificio dell’Università Al-Aqsa. 
“Settanta camion al giorno rappresentano dal 25 al 30 per cento dell’effettivo fabbisogno della Striscia di Gaza,” ha detto a The Electronic Intifada Nabil Abu Muailek, capo dell’Unione degli Imprenditori Palestinesi a Gaza. 
Dal 2010, Israele ha concesso pure l’autorizzazione di limitate forniture a Gaza per i progetti di costruzione delle agenzie internazionali come l’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite che gestisce scuole e ospedali per i profughi palestinesi. 
“Prima dell’assedio, più di 250 camion di materie prime da costruzione solevano entrare a Gaza ogni giorno attraverso una serie di valichi commerciali israeliani sul confine. Ora è in funzione, e in modo discontinuo, solo il valico commerciale di Kerem Shalom a sud,” ha aggiunto Abu Muailek. 
Egli riteneva che negli ultimi sei anni abbiano funzionato solo la metà delle 300 ditte appaltatrici di Gaza e faceva affidamento nella riapertura di altri valichi commerciali con Israele 
“Ci sono centinaia di progetti di costruzione in corso a Gaza, tra cui molti di edilizia abitativa di assoluta necessità. 

Il diritto fondamentale di vivere 

Consentire l’ingresso a Gaza di materie prime da costruzione per il settore privato qui viene considerato un buon passo in avanti. 
Tuttavia, molti abitanti di Gaza sono delusi in quanto non è sufficiente. 
“Domandiamo la riapertura completa di tutti i valichi di confine e la concessione dell’autorizzazione a tutti i generi di prima necessità in modo che si rispetti il diritto fondamentale del popolo palestinese a vivere,” ha detto a The Electronic Intifada il docente universitario Rani Ehmaid in un bar della città di Gaza. 
“Le materie prime da costruzione costituiscono una parte dei nostri bisogni fondamentali.” 

L’immagine “abbellente” di Israele 

La crisi nel settore delle costruzioni è parte di una crisi economica e sociale più ampia determinatasi con il giro di vite dell’Egitto sui tunnel e altri provvedimenti messi in atto fin dal colpo di stato militare del 3 luglio. 
Questi comprendono rigide restrizioni sul numero dei palestinesi cui è permesso entrare e uscire da Gaza attraverso il valico di Rafah. 
Le autorità egiziane hanno accusato Hamas, che governa entro Gaza, di sostenere il partito dei Fratelli Musulmani del deposto presidente egiziano Mohammed Morsi – accuse che non sono state supportate da prove. 
Haidar Eid, analista politico indipendente e ben noto professore universitario di Gaza, ha minimizzato l’allentamento israeliano delle restrizioni sulle forniture per l’edilizia. 
“L’immagine di Israele nel mondo è stata danneggiata soprattutto a causa del blocco e per i crimini di guerra compiuti contro Gaza negli ultimi anni, che includono la guerra del 2009 e l’attacco del [novembre] 2012,” ha dichiarato Eid a The Electronic Intifada. 
“Pertanto Israele vuole abbellire l’immagine – e sta tentando di inviare il falso messaggio alla comunità internazionale secondo cui Gaza non vive sotto assedio.” 
Eid ha sottolineato che Israele ha fatto un gran chiasso per aver introdotto lussi quali il cioccolato svizzero, “ma questo non è ciò di cui ha bisogno Gaza. Gaza necessità di medicine e di altre provviste importanti.” 
Sottolineando questo punto, l’OCHA ha riportato questo mese che presso il magazzino farmaceutico centrale del Ministero della Sanità di Gaza le scorte del 30 % del farmaci essenziali e del 51% dei sanitari monouso sono nulle. 

Riaprire i valichi 

“L’unica soluzione per Gaza è la riapertura dei sei valichi, “ ha aggiunto Eid, imputando a Israele – la potenza occupante, secondo il diritto internazionale – di aver “fatto di Gaza la più grande prigione a cielo aperto del mondo”. 
Oltre alla punizione collettiva della popolazione da parte di Israele, ora l’Egitto castigava i palestinesi di Gaza per il fato che il nuovo regime del Cairo è contrario ai Fratelli Musulmani dei quali Hamas è , ideologicamente parlando, un “gemello”, ha affermato Eid. 
Il capo dell’unione degli imprenditori palestinesi, Abu Muailek, ha detto che la carenza estrema di materiali per le costruzioni ha portato alla creazione a Gaza di una nuova industria dopo l’invasione israeliana del 2008-2009: la frantumazione delle macerie per riciclarle al fine di riutilizzarle in edilizia 
“Ma ora è la fine della strada per tali alternative, “ ha detto Abu Muailek. 
Per Gaza sembra non esserci una luce alla fine del tunnel. 
Rami Almeghari è giornalista e docente universitario residente nella Striscia di Gaza. 
(tradotto da mariano mingarelli)



Commenti

Post popolari in questo blog

Comprendere la minacciosa ascesa dell'ultranazionalista partito di Israele

Nir Gontarz : I palestinesi potrebbero morire per mancanza d'acqua. 'Non posso aiutare. Sono occupato'

Haaretz: continua l'attacco a Gaza, missili in Israele e 25000 riservisti