Hebron : l'IDF arresta un bambino di 5 anni(video)




1 WATCH: IDF detains 5-year-old Palestinian in Hebron, blindfolds father

 
I soldati  lo hanno portato, piangendo e urlando, su  una jeep dell'esercito a casa sua. Sua  madre ha fatto presente che non poteva essere portato  altrove  prima dell'arrivo del padre . (Video filmati B'Tselem volontari Manal al-Jabri e Imad Abu Shamsia .) Quando  il padre, Karam, è tornato  a casa, i soldati li hanno condotti   al Checkpoint 56, dove  hanno bendato e ammanettato il padre .
  Hanno aspettato per mezz'ora fino a quando un tenente colonnello del DCO (District Coordination Office of Civil Administration) è  arrivato. Egli ha chiesto al bambino perché avesse gettato pietre e poi si è voltato  verso i soldati e li ha rimproverati  per aver detenuto un minore  davanti alle telecamere. Egli ha riferito che "si stanno recando danno all' Hasbara [PR] aggiungendo  che quando ci sono  telecamere  i militari dovrebbero trattare i detenuti "bene." Finalmente sono state prese in considerazione le richieste  della polizia palestinese: il padre e il bambino sono stati prevelati  da loro  e poi  liberati.
B'Tselem ha scritto una lettera urgente al consulente legale dell' IDF in Samaria e Giudea , tenente colonnello Maurice Hirsch, chiedendo spiegazioni per quello che sembra essere la procedura di routine nel  detenere illegalmente bambini. Un bambino al di sotto dei 12 anni non  può essere detenuto  o arrestato secondo la legge israeliana . Inoltre, secondo il portavoce B'Tselem Sarit Michaeli,è evidente la discriminazione   iniqua  dell'   IDF verso i palestinesi :
"Abbiamo una vasta documentazione di violazione della legge da parte di bambini israeliani a Hebron. I bambini dei coloni  hanno spesso gettato pietre contro i palestinesi impunemente. Non stiamo certo sostenendo che i minori israeliani di 12 anni siano  arrestati - al contrario - ma il trattamento discriminatorio è lampante ".
 
Allegato : Bambini sotto occupazione

Penso che la cosa più sconvolgente di questo incidente - a parte il fatto scioccante  che i soldati trattengano  un bambino di cinque anni,è come tutto avvenga in una atmosfera calma 
I soldati, non sembrano pensare che ci sia qualcosa di sbagliato in quell'arresto,  l passanti palestinesi non mostrano  sorpresa. Arresti di questo tipo sono  parte della routine quotidiana dell' occupazione. Alcuni di loro cercano di documentare quanto avviene : la fotocamera è in realtà il loro unico strumento di difesa.
I seguenti video mostrano diversi momenti della detenzione. Il primo mostra il bambino   portato via dai soldati in una jeep senza il padre, gridando e piangendo (a circa 3:00 minuti), ilsecondo  mostra il bambino  accompagnato  al posto di blocco con il padre, il terzo mostra il padre e il figlio in attesa al Checkpoint 56.

L'arresto di un bambino è lo specchio della follia del regime



adminSito
sabato 13 luglio 2013 11:02

Il piccolo Wadi viene fatto salire sulla jeep dell'esercito

di Ami Kaufman - 972mag.com

Gerusalemme, 13 luglio 2013, Nena News - C
L'arresto di un bambino è lo specchio della follia del regime

Chiedo ai lettori di guardare bene le foto e i video che mostrano la detenzione di un bambino di cinque anni ad Hebron (guarda i video dell'arresto sul sito di B'Tselem: Clicca qui). Come sottolinea il mio collega Mairav Zonszein, l'intero processo è molto calmo. Molto abitudinario.
Vorrei aggiungere un altro aggettivo: è molto razzista.

Guardate quei soldati compiaciuti, che non battono ciglio o pensano due volte al fatto di detenere un bambino di cinque anni. Come se non ci fosse il modo per uno degli eserciti più potenti al mondo di affrontare un ragazzino che ha tirato una pietra.

Guardateli, mentre lo circondano, quattro o cinque militari armati fino ai denti con lucide armi nere d'assalto, con i genitori che non vedevano (E qui parte tutto il ritornello della hasbara - propaganda - israeliana: "Che tipo di genitori lascia che il figlio bla bla bla?". Ok, ditelo pure, ma lasciateci in pace presto).

Una dei miei figli ha la stessa età. Provo a pensare cosa un evento del genere potrebbe provocarle, e rabbrividisco. (Propaganda: "Ami, non ti accadrebbe perché tu sei più responsabile di un tipico genitore palestinese". Zittitevi, razzisti che non siete nemmeno sotto occupazione).

Ci vuole un regime razzista per produrre tali esemplari di mascolinità a cui non importa niente dello stress e il trauma che può provocare ad un bambino. Bisogna essere in un estremo stato di apatia verso quel bambino per trattarlo in quel modo. Un'apatia come quella può solo essere il prodotto del razzismo.

Il sangue freddo per spingere un bambino così piccolo in una jeep dell'esercito.

Per bendare e ammanettare suo padre, davanti ai suoi occhi.

E per peggiorare le cose, serve un colonnello razzista che richiami i suoi soldati per quello che hanno fatto ad un padre e un figlio.

Ma non perché hanno causato un danno psicologico al bambino, no.

Non perché le loro azioni sono illegali (solo bambini sopra i 12 anni possono essere detenuti in Cisgiordania, secondo la legge militare). Dio ce ne guardi, no.

No, quell'ufficiale era arrabbiato (siete seduti?) perché i soldati stavano "danneggiando la propaganda". Sì. Era arrabbiato perché non aveva tenuto conto delle telecamere che stavano riprendendo l'intera scena.

Le pietre possono essere pericolose, sì. Anche per l'incredibile velocità a cui il braccio di un bambino di cinque anni può arrivare. Di sicuro era una bella palla veloce.

Ma se questi eventi, che accadono ogni giorno in Cisgiordania da 46 anni, non sono per voi malati, non c'è speranza. Siamo totalmente senza speranza.

Traduzione a cura di Nena News

Il Post
12.07.2013
http://www.ilpost.it/2013/07/12/bambino-palestinese-fermato-esercito-israeliano-hebron/

Il bambino palestinese di 5 anni fermato dall’esercito israeliano

7 video che hanno fatto molto discutere: il bambino era accusato di avere lanciato una pietra contro una macchina di un colono israeliano

Da giovedì sta girando molto online un video che mostra un bambino palestinese di cinque anni portato via da sette soldati israeliani, con l’accusa di avere lanciato una pietra contro la macchina di un colono israeliano a Hebron, in Cisgiordania. Il video, che è stato messo online dal gruppo B’Tselem - organizzazione che si occupa di diritti umani nei Territori Occupati e che fornisce le videocamere a diversi palestinesi per filmare episodi di questo tipo – è stato girato martedì insieme ad altri sei filmati brevi, anch’essi pubblicati sul sito dell’organizzazione, e in breve tempo è stato molto commentato, discusso e criticato.


Sul sito di B’Tselem l’incidente testimoniato dai sette video è stato diviso in due parti: nella prima parte, girata dal ricercatore di B’Tselem Manal al-Ja’bari, si vede il bambino, Wadi Maswadeh, tenuto per mano dal padre, Karam Maswadeh, mentre cammina per le strade di Hebron, seguito da alcuni soldati israeliani. Secondo il padre i militari sarebbero arrivati a casa della famiglia Maswadeh quando lui non c’era, e avrebbero cercato di convincere la moglie a consegnare il bambino alle autorità. La moglie si sarebbe rifiutata, e all’arrivo del padre a casa i militari avrebbero spiegato ai due genitori che Wadi aveva lanciato una pietra contro una macchina di un colono israeliano vicino al checkpoint di Abed, poco distante dalla Tomba dei Patriarchi a Hebron, e per questo dovevano fermarlo e interrogarlo.
VIDEO: http://www.youtube.com/watch?v=dl6YGt7O9eM&feature=player_embedded
Nella seconda parte, girata da un altro volontario dell’organizzazione, ‘Imad abu-Shamsiyeh, si vedono padre e figlio seduti su una panchina di un checkpoint israeliano, con il padre ammanettato e bendato.

VIDEO: http://www.youtube.com/watch?v=TLf1cjSxQp8&feature-player_embedded   
Secondo B’Tselem le forze di sicurezza israeliane avrebbero accompagnato Wadi e Karam a un checkpoint militare israeliano, dove, come detto, il padre sarebbe stato ammanettato e bendato. A un certo punto, ha raccontato il padre a B’Tselem, sarebbe arrivato anche un alto ufficiale dell’esercito israeliano, che avrebbe ripreso gli altri militari per avere arrestato padre e figlio in presenza di una videocamera. Solo dopo questo episodio al padre sarebbero state tolte le manette e la benda.
VIDEO: http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=rEK3HcrkWGw


PS :naturalmente per la destra pro settler e annessione della Samaria e della Giudea  ci sono pietre e pietre

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Gideon Levy : Nessun cambiamento a Gerusalemme o a Gaza

Gerusalemme : Il parlamentare Ofer Cassif - l'unico membro ebreo della Lista Unita "i giudeo-nazisti urlano "Muhammad è morto", "Morte agli arabi" e "Che il tuo villaggio bruci".

ENTSAR ABU JAHAL :iniziati I campi estivi per i bambini di Gaza traumatizzati dalla guerra

Approvata la Marcia delle Bandiere per Gerusalemme nonostante le minacce di Hamas