C/S: L'esercito israeliano detiene due bambini palestinesi nei pressi del villaggio palestinese di At-Tuwani





Giovedì 30 Maggio 2013 23:54
Comunicato Stampa
L'esercito israeliano detiene due bambini palestinesi nei pressi
del villaggio palestinese di At-Tuwani, Colline a Sud di Hebron

At-Tuwani – Il 29 maggio intorno alle 11:00 due bambini palestinesi di 13 e 15 anni provenienti dal villaggio palestinese di Tuba sono stati trattenuti da tre soldati, due agenti della Border Police e due poliziotti, tutti israeliani, per circa un'ora sulla strada tra l'insediamento israeliano di Ma'on e il villaggio palestinese di At-Tuwani.
L'accusa era di aver rubato ciliegie da un frutteto vicino alla strada. I soldati ed i poliziotti sono stati chiamati da alcuni coloni che stavano lavorando in un altro campo di ciliegie di fronte al primo. I coloni hanno sostenuto di aver visto due ragazzini rubare dai suddetti alberi per poi scappare via. Altri sedici bambini, presenti sul luogo dell'incidente, hanno invece asserito che i due ragazzini erano completamente innocenti, e che non sarebbero neanche entrati all'interno del frutteto.

Ogni giorno i bambini attendono in questo luogo la scorta militare israeliana incaricata di accompagnarli a casa passando tra la colonia israeliana di Ma'on e l'avamposto israeliano di Havat Ma'on. Lungo questa strada i bambini sono stati ripetutamente aggrediti dai coloni. A volte i bambini devono aspettare molto tempo la scorta che ritarda, esposti al pericolo degli attacchi dei coloni. Questa non è la prima volta che vengono accusati di sottrarre ciliegie dal vicino campo: l'ultimo episodio è stato registrato il 20 maggio, quando i soldati hanno minacciato di arrestarli se li avessero scoperti a rubare.

Alle 12:10 i due bambini sono stati rilasciati. Ciononostante, secondo i ragazzini, i poliziotti prima di lasciarli andare li hanno avvisati che a partire da quel momento qualunque bambino fosse stato visto all'interno del frutteto avrebbe causato l'arresto dei due in questione, colpevoli o meno.

Ciononostante le comunità palestinesi delle Colline a sud di Hebron sono fortemente impegnate nello scegliere la nonviolenza come mezzo di resistenza all'occupazione israeliana.

Operazione Colomba mantiene una presenza costante ad At-Tuwani e nelle Colline a Sud di Hebron dal 2004.

Per informazioni:
Operazione Colomba, +9

2    C/S: La Border Police demolisce una o più strutture nell'avamposto israeliano di Havat Ma'on 
 Mercoledì 29 Maggio 2013 22:41
Comunicato Stampa
Durante la demolizione due pastori palestinesi sono stati picchiati dai soldati israeliani in un villaggio vicino e la scorta militare incaricata di proteggere i bambini palestinesi dagli attacchi dei coloni non si è presentata
At-Tuwani – Il 28 maggio, le forze armate israeliane sono entrate nell'avamposto israeliano di Havat Ma'on con l'ordine di demolire una o più strutture. La Border Police ha dispiegato ingenti forze militari in tutta l'area, compreso il vicino villaggio palestinese di At-Tuwani, mettendo in pericolo la quotidianità dei palestinesi e limitando la libertà di movimento della popolazione locale.

Dopo le 10 a.m., i volontari di Operazione Colomba hanno visto due pullman della Border Police, un bulldozer, due veicoli della DCO (District Coordination Office) e una massiccia quantità di agenti della Border Police entrare in Havat Ma'on. Nel frattempo alcuni internazionali stavano aspettando con i bambini di Tuba e Magayr Al Abeed la scorta militare israeliana che avrebbe dovuto riaccompagnarli a casa. Dopo numerose chiamate alla DCL (District Coordination Liaison), l'esercito israeliano li ha informati che la scorta non si sarebbe presentata. Due volontari di Operazione Colomba hanno dunque accompagnato i bambini a casa, passando da una strada più lunga ma comunque pericolosa e molto vicina all'avamposto israeliano di Havat Ma'on. I bambini sono stati esposti a un grave pericolo. dato che già in passato i coloni li hanno violentemente attaccati numerose volte.

Mentre i volontari accompagnavano i bambini a Tuba, i palestinesi li hanno informati di un abuso di potere compiuto da parte di alcuni soldati a Tuba, un villaggio palestinese vicino a Havat Ma'on: due pastori palestinesi sono stati picchiati da due soldati dell'IDF durante la detenzione, durata all'incirca 30 minuti.

Infine, qualche ora dopo la demolizione, due check-point presidiati dalla Border Police hanno bloccato la strada per At-Tuwani da Al Birkeh e viceversa, causando disagi al movimento di persone e veicoli. I check-point sono tuttora in corso e non hanno visto pause.

Secondo il Sasson Report, pubblicato nel marzo 2005, Havat Ma'on (Hill 833) è stato costruito per la prima volta nel settembre 1999, evacuato e demolito nel dicembre 1999 e poi ricostruito di nuovo all'inizio del 2000 all'interno di un boschetto. Da quel momento in poi l'avamposto si è espanso anche al di fuori del confine degli alberi attraverso la costruzione di almeno dieci strutture, secondo quanto documentato da Operazione Colomba. Dal 2000 questa è la prima azione concreta intrapresa dallo Stato israeliano contro l'espansione di Havat Ma'on.

Ciononostante le comunità palestinesi dell'area temono un'aumento della violenza dei coloni come conseguenza della demolizione di ieri.

Le comunità palestinesi delle Colline a sud di Hebron sono fortemente impegnate nello scegliere la nonviolenza come mezzo di resistenza all'occupazione israeliana.

Operazione Colomba mantiene una presenza costante nel villaggio di At-Tuwani e nell'area delle Colline a sud di Hebron dal 2004.

3  
Tu mi proteggi? 
 
"Francesco, tu mi proteggi?"

Non ho trovato parole per rispondere. Ali ha 15 anni e la scorta che accompagna lui e altri 10 fra ragazzini e bambini oggi non è arrivata, hanno deciso di non mandarla.

"Tu mi proteggi?"

Hanno deciso di non mandarla, la sicurezza di quei 10 bambini è passata in secondo piano, l'esercito di occupazione israeliano oggi era tutto troppo occupato, forse un'importantissima emergenza, o forse no, è stata una scelta.

"Tu mi proteggi?"

Non ho trovato parole per rispondere, non ne ho trovate né nella mia lingua né in nessun'altra, inglese, arabo, non sono riuscito a dare una risposta a questa voce.

"Tu mi proteggi?"

Hanno deciso di non mandarla. Sono stati indifferenti al loro dovere, indifferenti davanti alle nostre chiamate, sono arrivati perfino a deriderci fingendo di non sapere l'inglese davanti alle nostre frasi di rabbia, frasi a cui pretendevamo una risposta.

"Tu mi proteggi?"

Non ho trovato parole per rispondere. Non ho trovato parole per chi, fino ad un minuto prima, aveva trattenuto i bambini più piccoli perché non si incamminassero da soli aspettando ancora e ancora, chi non sarebbe mai arrivato. Non le ho trovate per chi ogni giorno mi saluta e riferendosi a chiunque sia presente spiega : "He is my friend!", mi guarda e mi regala un sorriso dal cuore.

"Tu mi proteggi?"

Hanno deciso di non mandarla. Mi chiedo a cosa sia servito, che colpa potessero avere da espiare questi 10 bambini. Mi chiedo perché abbiano deciso di sottrarsi ad una situazione di cui sono i responsabili. Mi chiedo dove, dentro di loro, possano nascondere l'immensa vergogna che devono provare verso se stessi.

"Francesco, tu mi proteggi vero?"

Non riesco a perdonarmi per non aver trovato quelle parole. Non riesco a perdonarmi all'idea di non riuscire a trovarle in futuro. Forse l'unica cosa che saprò fare sarà allungare la mano, come l' ho allungata oggi, sarà provare a guardare in quegli occhi di paura chiedendo di lasciarmi condividere il cammino, condividere questo tratto di strada.


Commenti

Post popolari in questo blog

Gad Lerner : commento sulla vicenda del piccolo Eltan sequestrato dal nonno materno e ora in Israele

Sophia Goodfriend : Quando il discorso politico palestinese è "incitamento". Mohammad Kana'neh

Haaretz : Israeli Grandfather Absconded 6-year-old Survivor of Italy Cable Car Accident on Private Jet

Over 100 international law experts sign letter against West Bank annexation