Israele : coloni ebrei attendono distruzione del villaggio beduino nel Negev



 I coloni si sono accampati in un insediamento illegale nella foresta Negev per due anni e mezzo, in attesa che Umm al-Hieran sia  rasa al suolo in modo che possano accedervi (Adalah)

Sintesi personale

  Nel profondo della foresta Yatir nel Negev (Naqab), al "di qua" della linea verde  30 famiglie di coloni aspettano  il momento promesso :  il villaggio beduino di Umm al-Hieran   sarà distrutto , i suoi circa 500 abitanti sfollati. Qui sorgerà  la loro città esclusivamente ebraica di Hiran .

Nel corso degli ultimi due anni e mezzo che ho vissuto in Israele ho passato un bel po 'di tempo ad imparare le strade di villaggi che, secondo ufficiali mappe israeliane, non esistono. Io so i nomi dei villaggi storici che Israele chiama "illegali", ho parlato con numerosi cittadini israeliani che lo Stato ha l'etichettato "trasgressori criminali" per vivere sulle loro terre ancestrali. Io non ho  familiarità con l'universo alternativo del Negev (Naqab)  e  tuttavia, la settimana scorsa mi sono trovato  a vagare in uno stato di smarrimento totale.C'erano state voci che tale accampamento  dei settler esisteva,ma  com insediamento temporaneo - chiamiamolo un avamposto -istituito in spregio del Master Plan Regionale, nemmeno gli abitanti di Umm al-Hieran erano stati  in grado di individuarlo.
Nei  tribunali israeliani è stato riconosciuto che   Umm al-Hieran   è stato creato da ordine militare nel 1956  e  lo Stato ha riconosciuto che   il 28 agosto  del 1957 gli abitanti  hanno  affittato  7.000 ettari di terra per la residenza, l'agricoltura e la pastorizia. L'Avvocatura dello Stato, pur ammettendo i fatti, ha sostenuto che come erano beduini, lo Stato si aspettava che "vivessero  sotto le stelle" e non  costruissero abitazioni con  veri mattoni e malta  . Questo è  considerato  illegale. In tribunale Giovedi scorso,il  procuratore Suhad Bishara di Adalah ha definito  questa ipotesi "disumana".Nel corso degli ultimi 57 anni gli abitanti di Umm al-Hieran hanno infatti costruito case, strade lastricate, scavato pozzi per la raccolta dell'acqua piovan  e coltivata la terra avuta  in leasing da Israele. Ma, come uno dei 35 "non riconosciuti" villaggi beduini, lo Stato ha volutamente negato alla gente di Umm al-Hieran - cittadini di Israele - l'accesso a tutti i servizi di base tra cui l'acqua,l' elettricità e le fognature, al fine di indurli ad abbandonare la terra e la loro vita rurale 
Come Farhoud ha dichiarato in una testimonianza resa a una delle commissioni di pianificazione "La vita  è stata dura, ma ho lavorato duramente per far fronte alla situazione e gli abitanti hanno creato   un villaggio bello e meraviglioso . "
Secondo Shmuel,portavoce dei coloni Hiran, i settler si stanno   preparando per il passaggio verso la terra di Umm al-Hieran . Da due anni  vivono  in un avamposto nella foresta - dotato di acqua, di  energia elettrica e  di altri servizi . Questo è il racconto fantastico fatto  per il canale per bambini di Hiran dai settler.
  Con la sua apparente dono della profezia  Shmuel ci dice che i pionieri Hiran vivranno sulla loro terra promessa entro un anno. Non importa se l'  udienza della  Corte Suprema israeliana  per decidere sulla costituzionalità di spostare un gruppo di persone e  sostituirlo con un altro sia prevista  per settembre 2013. 
And it seems that the rest of this story, a disturbing microcosm of the Zionist ethnocratic plans for all historic Palestine, is just another soon-to-be-forgotten (or, better yet, never-learned) detail.

Nadia Ben-Youssef è un avvocato dei diritti umani  e collabora  come consulente internazionale per  Adalah - Il Centro legale per i diritti delle minoranze arabe in Israele.
 
 

Articolo

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Tom Pessah : Chi ha combattuto nel 1948? Un libro sfata l'usuale narrazione

Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

Odeh Bisharat : l nuovo antisemitismo israeliano: un ginocchio sul collo di un vecchio