Israele : una prigione tentacolare nel deserto per immigrati


Sintesi personale

PHOTO ESSAY: A sprawling desert prison, for thousands of refugees


Noam Sheizaf 





Giovedi 'ho viaggiato con un gruppo di giornalisti e blogger per vedere la costruzione delle nuove strutture detentive intorno a Ketsiot, vicino al confine con l'Egitto. Una volta completato le  quattro prigioni della zona saranno  in grado di contenere più di 16.000 detenuti  doventando  la più grande struttura di detenzione per gli immigrati in Occidente.  Il  viaggio è stato organizzato dall'  ASSAF - Organizzazione Aiuti per i rifugiati e richiedenti asilo in Israele, con la partecipazione dei  Medici per i diritti umani, la Hotline per i lavoratori migranti e  Amnesty International. Gli operatori umanitari e giornalisti non sono stati  ammessi nelle prigioni, quindi siamo stati solo in grado di entrare nel cantiere della struttura Sadot  sotto la giurisdizione del Comune regionale. Abbiamo osservato  le altre tre  strutture dall'esterno.
Ci sono circa 60.000 richiedenti asilo africani in Israele, la maggior parte proveniente dall' Eritrea e dal Sudan. Molti di loro hanno subito   atrocità non solo nei loro paesi d'origine ma anche lungo il percorso per arrivare in Israele . Particolarmente nota è la situazione nella penisola del Sinai, dove i rifugiati sono soggetti, per il riscatto, a rapimenti, torture, stupri e omicidi. Coloro che arrivano in Israele sono i più forti e fortunati.Pur avendo firmato Convenzione del 1951 sui rifugiati Israele non esamina   le domande di asilo di eritrei e sudanesi e non concede loro diritti di residenza. Il governo  li protegge dalla deportazione, ma non dà loro il diritto di lavorare o l'autorizzazione ad accedere ai servizi sociali . Politici israeliani hanno promesso un approccio più severo per i rifugiati come  mezzo per dissuadere altri dal tentativo di attraversare il confine con Israele.


All'inizio di quest'anno la Knesset ha approvato la modifica della legge sulla  prevenzione della infiltrazione  che sancisce la detenzione di tutti coloro che entrano illegalmente , compresi i minori, per un minimo di tre anni. Un migrante  di uno stato nemico (per esempio  se proviene da  Sudan) può essere imprigionato indefinitamente. La costruzione dei campi di prigionia ha lo scopo di consentire l'attuazione della legge anti-infiltrazione.
L'area Ketsiot è uno degli angoli più remoti in Israele, un deserto  a sud di Gaza sul confine israelo-egiziano. Abbiamo viaggiato il 1 ° novembre  e il caldo è diventato insopportabile verso mezzogiorno.Le temperature sono molto alte in estate  e le notti invernali  molto fredde.
I richiedenti asilo sono stati portati prima nella  prigione Ketsiot ,dove Israele  ha imprigionato  migliaia di  palestinesi (500 di loro sono ancora lì). Accanto ad esso Israele ha costruito l'impianto Saharonim.   A un paio di km a est si possono vedere file di tende che compongono il "Nachal Raviv" holding campo costruito su un terreno militare, al fine di aggirare i comitati locali di zona e  e le obiezioni del  Consiglio regionale  che  considera inadeguarìe  per gli esseri umani  questo luogo . La capacità prevista è  compresa tra i  2.000 e  i 4.000 detenuti. Attualmente i lavori sono fermi

Il sito  di Sadot  sarà in grado di ospitare fino a 8.000 persone. Il Consiglio regionale ne ha approvato la costruzione . E' bene ricordare che  le persone  detenute vi saranno rinchiuse per  periodi di tempo indefinito senza aver commesso alcun reato.
Bisogna anche considerare l'effetto di tenere una popolazione enorme in queste condizioni per mesi e anni. Anche se le malattie possono essere evitate  i problemi sociali, dalla violenza alla droga, quasi certamente non si potranno controllare
.Ketsiot si trova accanto a Sadot. Scattare foto è quasi impossibile (è una base militare), ma qui  ci sono  500 palestinesi e circa 800 richiedenti asilo.  Nel  carcere  Saharonim  vi sono 1.700 richiedenti asilo, tra cui donne e bambini (inclusi i neonati). Alcuni detenuti sono qui  da anni. Saharonim può ospitare fino a 3.000 persone. Il pensiero dei bambini che crescono tra sbarre e filo spnato è straziante Una nuova  clausola permette la  detenzione di africani   che sono stati arrestati per  atti criminali, anche dopo che tali accuse sono decadute .









Commenti

Post popolari in questo blog

Liliana Segre Ho firmato la mozione per dare la cittadinanza italiana a Patrick Zaki con profonda convinzione.

Richard Silverstein Il Mossad ha danneggiato l'impianto nucleare di Natanz per sabotare la politica iraniana degli Stati Uniti e l'accordo JCPOA

Aziza Nofal Le famiglie di agricoltori in Cisgiordania si ritirano nelle caverne mentre i coloni circondano la terra

In ricordo di Vittorio Arrigoni : testimonianze di Lamis Andoni,Ibrahim Nasrallah ,Amira Hass, Gad Lerner, Moni Ovadia, Comunità Cattolica di Gaza (seconda parte )