Combattenti per la pace – Newsletter N. 1

Combattenti per la pace – Newsletter N. 1
Redazione 28 novembre 2012 1
Print Friendly


Combattenti per la pace – Newsletter N. 1

di Combatants for Peace – ottobre/novembre 2012

Homepage della newsletter in parte riadattata.



Chi siamo?

Il movimento dei ‘Combattenti per la Pace’ (Combatants for Peace) è stato fondato congiuntamente da palestinesi e israeliani che hanno preso parte attiva al ciclo della violenza, gli israeliani da soldati dell’esercito israeliano (IDF) e i palestinesi prendendo parte alla lotta violenta per la libertà palestinese. Dopo aver impugnato le armi per così tanti anni ed essendoci visti reciprocamente unicamente attraverso il mirino di un’arma, abbiamo deciso di riporre le nostre armi e di combattere per la pace.




Cessate il fuoco! Manifestazione bi-nazionale per la cessazione di tutte le ostilità a Gaza e nel Sud di Israele

“Per ricordare costantemente le parole del poeta Yehuda Amichai ‘anche un pugno era una volta un palmo con le dita aperte’. I pugni possono distruggere, ma le mani possono stringersi reciprocamente, costruire case, piantare alberi, cullare un bambino.” (dal discorso del membro dei CFP Udi Gur, nel corso della manifestazione)Raccolta delle olive

Sabato 13 ottobre 2012 a Yanun, situato nel distretto di Nablus, palestinesi e israeliani membri dei Combattenti per la Pace hanno raccolto insieme le olive, mangiato insieme e si sono preparati insieme ad affrontare possibili attacchi dei coloni.

La stessa idea è stata ripetuta una settimana dopo, venerdì 19, con gli agricoltori di Al Walaje, un villaggio vicino a Gerusalemme, in quella che sembra l’ultima raccolta delle olive in cui gli agricoltori di Al Walaje possono accedere liberamente alla loro terra prima il muro di separazione li escluda completamente da essa.

(Vedere le foto)



“Mantenere la pace non è un compito facile. (…) Se fosse facile lo farebbero tutti.”

“Non abbiamo usato le nostre risorse per portare la pace in Medio Oriente” ha detto Jones, riproponendo una delle opinioni preferite del leader dei diritti civili Malcom X: “Sono per la verità, indipendentemente da chi sia a dirla. Sono per la giustizia, non importa a favore o contro chi.”
Susya per la pace

Questo evento riuscito è stato parte di una serie di iniziative attuate a Susya, come parte della lotta condivisa contro la sua demolizione. Per il CFP è stato di notevole importanza notare quanto facilmente possano essere organizzate azioni sul campo che attirino sia israeliani sia palestinesi. Questo modello di attività relativamente “miti” su piccola scala (simili, per esempio, a ciò che abbiamo fatto in una scuola di Susya o in dimostrazioni a Ma’asara e Shufa) può è dovrebbe essere attuato in tutte le aree d’azione dei CFP.  (Foto dell’evento).


Incontro con il primo ministro palestinese
Venerdì 20 ottobre membri israeliani e palestinesi dei CFP hanno incontrato il primo ministro palestinese Salam  Fayyad a Izbet Tabib, vicino alla città di Qalqilya. Il gruppo Tul Karem – Tel Aviv ha inscenato uno spettacolo basato sul metodo del Teatro Degli Oppressi.

(vedere le foto)


Nell’occhio del ciclone

‘Nell’occhio del ciclone’ racconta la notevole storia di Bassam Aramin (palestinese) e Rami Elhanan (israeliano), due membri dei CFP che hanno perso le figlie nel conflitto israelo-palestinese e che, contro ogni probabilità, da nemici si sono trasformati in ‘fratelli’.

La prima proiezione del film sul muro di separazione a Betlemme è stata rimandata in conseguenza della recente intensificazione della violente a Gaza e nel Sud di Israele.

Invitiamo a visitare il sito del film, dove è possibile trovare tutte le informazioni relative.


Commenti

Post popolari in questo blog

Israele scompare dalla mappa: diplomatici palestinesi censurati a Londra

Richard Silverstein : La mano nascosta di Netanyahu aleggia su Al Aqsa Pogrom

Dominique Vidal : perchè questa omertà su quanto accade a Gerusalemme Est?

Bradley Burston : La Giornata di Gerusalemme mi ricorda: gli estremisti e i fanatici di Israele non sono il mio popolo ebraico