C'ERA UNA VOLTA UN RAGAZZO DI NOME VITTORIO ARRIGONI da Ashraf Al Shakah

      Caro Federico, figlio mio,
c’era una volta un ragazzo di nome Vittorio Arrigoni, il cui spirito - nato nel Nord Italia a Besana in Brianza - vagava tra Napoli e Haifa, finché ha scelto di vivere a Gaza da dove ci ha lasciato.
Vittorio ha scelto di vivere nel mezzo della tragedia. I teneri corpi martoriati dalle nuove tecnologie delle armi di “difesa” - dalle bombe a grappolo e al fosforo oltre ai tradizionali strumenti di morte - questi corpi salivano al cielo, forse terrorizzati da questa prematura partenza ma rassicurati, perché i loro cuori - come quello di Vittorio – hanno scelto di portare la fiaccola dell’amore nella Striscia. La maggior parte dei suoi abitanti è stata sradicata dagli aranceti, dai villaggi e dai paesi, la sua gente è stata schiacciata in un limbo, in attesa di vivere l’inferno, l’inferno dell’assedio e dell’occupazione dei fratelli e dei vicini.
Vittorio si recava con i contadini nei campi al limite delle zone di confine; fiero, Vittorio offriva il petto ai cecchini per proteggere con il suo corpo il diritto alla semina e alla raccolta, perché la terra di Canaan restasse fecondaVittorio, caro Federico, era un eroe nei campi e nel mare: il suo sangue italiano combattivo e il suo cuore palestinese significano molto per te, non perché Napoli e Nablus si mischiano nei tuoi geni, ma perché i geni di Vittorio - come lui stesso diceva - sono i geni della lotta e della battaglia contro l’ingiustizia. I nonni di Vittorio e i tuoi nonni, Federico, hanno combattutto l’occupazione, la doppia occupazione nazi-fascista, hanno lottato contro un oppressore ignaro del proprio corpo e un altro oppressore estraneo alle proprie idee, hanno fronteggiato una doppia occupazione che per anni ha soffocato il calore e l’ospitalità degli italiani.
L’occupazione dei tuoi nonni, Federico, non è diversa dall’occupazione sionista che si è mescolata all’ideologia oscurantista, definita jihad ideologica. E di nuovo ritrovo le radici di questa continua occupazione nella lotta comunista italiana, caduta nel dimenticatoio a vantaggio del denaro – il piano Marshall – e dell’imperialismo. Il partito “nazionale” comunista, che avrebbe meritato di guidare il paese, è stato tagliato fuori da una linea rossa perché i decisionisti negli Stati Uniti non potevano accettare un partito comunista al governo nel cuore dell’Europa.
La radice di questa occupazione - con alcune aggiunte, quali il petrolio che guida le ideologie oscurantiste e l’approvazione degli Stati Uniti - non differisce da quella dei nazisti tedeschi che nella forma e nell’agire si avvicinano ai nazisti sionisti di Deir Yassin, passando per Sabra e Shatila, Qana 1-2 e Gaza.
Vittorio sapeva bene tutto questo, ed ecco perché ha preferito la determinazione dell’idea e la tenerezza del cuore. Il nostro Vittorio non ha scelto di stare al fianco delle vittime ma di vivere con loro. Poi la situazione si è evoluta tragicamente e lui, sì, lui, Vittorio dal grande cuore, è diventato la vittima.
Torniamo, Federico, alla questione dei geni; non i geni biologici che vengono studiati ed esaminati in laboratorio, bensì i geni di cui parlava Vittorio e cioè la mitologia umana, da cui derivano l’immortalità e la distruzione, la gloria e la vergogna; quei geni che ti portano verso l’oscurità, o che ti fanno stare sotto il sole tra le onde e nei campi.
Iniziamo dal tuo nome, con il suo bagaglio di significati: perché «Federico»?Federico Garcia Lorca non ha scelto i mercati finanziari e lo splendore di Broadway, bensì Harlem, la lotta, amando gli zingari, e combattendo contro “l’occupazione”; ed è stato ucciso nell’incarnare questa tragedia.
Federico Fellini, forza ispiratrice e creativa al di fuori dei canoni della morale cattolica.
Freddy Mercury, o Faruq Bulisari, che ha unificato l’Inghilterra e il mondo intero con il suo amore per la musica e per la bellezza. La razza, la religione e le preferenze sessuali appaiono cose futili di fronte alla sua aura di bellezzaMa il tuo nome arabo «Farid» è tutta un’altra storia. Farid Dhamrah è nato a Kifl Haris, tra le colline di Ramallah e Nablus; da qui il suo educato spirito rivoluzionario, la detenzione, la deportazione e gli arresti domiciliari, poi l’esilio vero – regalo dell’occupazione – che gli è stato imposto negli anni della giovinezza. Nel tempo si sono aggiunte le confische, il rinnovo del passaporto in Giordania durato dieci anni, il rifiuto dell’autorità di Ramallah, l’Iraq non più disposto a ospitarlo; tutto ciò ha spinto Farid con la sua valigia verso l’austerità del paese dei soldi, la Svizzera, dove fino ad ora e’ una creatura emarginata.Se, da un lato, il tuo nome contiene il peso della bellezza e dell’ispirazione, lo spirito della poesia e lo spazio del teatro, la magia del cinema e la forza della musica, dall’altro tutto ciò defluisce nella durezza della lotta e nella vittoria del diritto e degli oppressi, e nei valori che Vittorio ha incarnato nella sua vita e nella sua sconvolgente morte.
Federico lascia che ti parli di Napoli che tua madre ama tanto. Ricordo ogni passo della nostra prima visita a quella città che si culla nel seno del Mediterraneo. Appena siamo scesi dal pullman, abbiamo visto un gruppo di lavoratori che manifestavano per i loro diritti, scena che dalle nostre parti si inizia a vedere solo ora in questa primavera dei popoli. Una tazza di caffè espresso che ti scotta le labbra (cazz’ comm’ coce, dicono a Napoli), nei negozi immagini di Maradona, di Handala e bandiere palestinesi. Sì, il popolo di Napoli ogni anno attende che il sangue di San Gennaro si sciolga e che Maradona ritorni, ma amano Handala e la Palestina. A prima vista sembrano scommesse senza speranza, che amplificano i danni di gente come Berlusconi, il Salvatore di Napoli dai suoi rifiuti! Ma tale scommessa, anzi la fede nella bellezza e nel diritto dà più soddisfazioni delle vittorie ottenute grazie al controllo delle persone e sorte sul dolore dei deboli. Tua madre ha studiato a Napoli all’Orientale; lì il suo spirito ha scoperto e iniziato ad amare Istanbul e il Cairo, ma non ha accettato Dubai né tantomeno ha ospitato Amman. Dai vicoli della Napoli storica, dove ha sede l’Università, tua madre ha partecipato a dimostrazioni e sit-in in favore del popolo palestinese; invece, nell’Università di tuo padre non sono mai state organizzate manifestazioni a sostegno della Palestina, perché è previsto che la nostra attività si limiti agli affari interni. Benché ci siano più di due milioni di rifugiati palestinesi in Giordania registrati all’UNRWA, questa vicenda non è considerata un problema “interno” o localeSappi, Federico, che gli anni Settanta e Ottanta del secolo scorso hanno visto il pensiero italiano di sinistra e comunista evolversi su posizioni intimidatorie a causa dell’opera delle Brigate Rosse. Vittorio veniva dal Nord Italia, non come il compagno siciliano e combattente Peppino Impastato, che è stato assassinato nell’epoca della “demonizzazione” della sinistra. Ma, sicuramente, Vittorio non ha votato per Bossi, la voce dell’odio di destra, del razzismo, che sostiene il diritto a sparare sugli immigrati che arrivano sulle imbarcazioni.L’uccisione di Vittorio ha un solo compito quello di rendere disumano il popolo palestinese e abbattere la sua causa. Non lasciamoci trascinare dalla purezza dello sciovinismo  dopotutto noi stessi non possiamo chiamarci fuori dalla nostra rovina - e dall’occupazione interna generata dalle idee oscurantiste, impregnate dell’odore del petrolio.
Vittorio ci ha lasciato giovane e splendente, con la kefiah ad aggiungere un particolare fascino rivoluzionario alla sua persona, e sul braccio il tatuaggio «Muqawamah» (‘resistenza’) scritto in una calligrafia araba dal tratto robusto; Vittorio è morto e con lui si sono spenti i battiti della sua lotta per la Palestina. Ma i geni di Vittorio continuano a vivere; ora tocca a te, Federico, fare la tua scelta.






29/04/2011 Il Manifesto

Commenti

Post popolari in questo blog

Gad Lerner : commento sulla vicenda del piccolo Eltan sequestrato dal nonno materno e ora in Israele

Sophia Goodfriend : Quando il discorso politico palestinese è "incitamento". Mohammad Kana'neh

Haaretz : Israeli Grandfather Absconded 6-year-old Survivor of Italy Cable Car Accident on Private Jet

Over 100 international law experts sign letter against West Bank annexation