Aluf Benn :il "negazionismo" di Abu Mazen e gli sforzi di Netanyahu per perdere tempo

Sintesi personale
   Netanyahu è forte, nessuno sta minacciando il suo potere. Ogni tanto è gravato da una crisi, come il raid flottiglia,un congelamento qui, qualche costruzione di insediamenti lì, il tempo passa senza che conceda un pollice alla Cisgiordania. Le loro dichiarazioni ricordano la linea ufficiale dei governi di Golda Meir e Abba Eban:gli insediamenti non sono la causa del conflitto, i palestinesiistigano e sostengono il terrorismo, Israele lotta contro "una campagna di delegittimazione", che mira a smantellare lo stato e inviare gli ebrei in Polonia e in Marocco.La scorsa settimana Lieberman ha mostrato ai giornalisti una copia della tesi di dottorato del presidente dell'Autorità palestinese Mahmoud Abbas 'dove cercava di mimetizzare la portata della Shoah. Lieberman ha scagliato il libro sul tavolo, dicendo che il lavoro di Abbas 'paragonava il sionismo al nazismo. Tale persona, Lieberman ha urlato, non può essere un partner per colloqui di pace.Nel suo ultimo intervento prima della Knesset, Netanyahu ha descritto la recente serie di tentativi di delegittimare Israele, ispirati dall' Iran, dalla sinistra europea e da professori radicali in Israele. Secondo il primo ministro, questa campagna è iniziata con la conferenza di Durban contro il razzismo nel 2001 ed è proseguita a ritmo sostenuto. In altre parole,non è la politicadi Netanyahu a scatenare l' ostilità verso Israele. I suoi predecessori .La conclusione di Netanyahu è semplice: nessun processo diplomatico aiuterà Israele nella sua lotta contro il nemico, che cospira per distruggerlo, è necessario quindi concentrarsi sull' unità interna .Netanyahu è talmente preoccupato del passato, che non ha tempo per affrontare il futuro. Qual è la sua visione? Che tipo di Stato vuole per Israele? Dove colloca i suoi confini? Quale posto occupa fra le nazioni? mistero. O forse semplicemente gli insediamenti resteranno fin quanto lui rimarrà al potere. Un politico deve impostare un percorso, non solo mettere in guardia contro i pericoli e le calunnie di un avversario, come il primo ministro sta facendo.Ora Netanyahu ha la possibilità di correggere il suo errore. Se ad Obama , quando si recherà negli usa, si limiterà ad affermare che non c'è nessuno con cui parlare, che Abu Mazen è un negazionista dell'Olocausto che i professori di sinistra sono il nemico, meglio che resti a casa a continuare il sua futile governo fino alla prossima crisiMa . Se intende effettivamente a fare una mossa, ha una straordinaria opportunità di farlo. L'amministrazione americana non ha idea di come far avanzare il processo diplomatico e prevenire lo scoppio di un'altra guerra nella regione. Invece di citare le dichiarazioni ostili tratte dagli archivi della liberazione della Palestina, Netanyahu deve presentare con una proposta pratica che può essere ben confezionata e commercializzata . La sua attuale formula - "uno stato palestinese smilitarizzato accanto a uno Stato ebraico" - fa sbadigliare . Un tale messaggio noioso e pesante non riceverebbe un voto in alcun corso di marketing. Frasi come come ""pace", "fine del conflitto", e "disimpegno" elettrizzano i governi del mondo .Il primo ministro è al culmine della sua potenza e in grado di scegliere tra diverse opzioni ,al contrario egli guarda indietro, ai tempi di Yitzhak Shamir e dei suoi sforzi per guadagnare tempo e rinviare una scelta. Netanyahu - stop blaming and start leadingNetanyahu - stop blaming and start leading

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : Esame per Yom Kippur, giustizia e fedeltà tribale, etica e interesse

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri