Amira Hass: un paragone sbagliato


M., un’ottantenne piena di vita, era amica dei miei genitori. Sabato mi sono offerta di accompagnarla al pronto soccorso di uno degli ospedali di Gerusalemme Ovest (la parte israeliana) perché era stata colpita da un’infezione.L’addetta all’accettazione era una palestinese di Gerusalemme Est. L’infermiere che le ha misurato la pressione aveva l’accento russo, come il medico che ne ha ordinato il ricovero. Era palestinese anche l’infermiere che le ha somministrato l’antibiotico.Passava da un letto all’altro, da un paziente anziano a uno giovane, da un ebreo ortodosso a una donna con il velo. E tutti ricevevano lo stesso cibo. Altri medici parlavano tra di loro in arabo, passando all’ebraico per farsi capire da un collega dall’accento anglosassone.È una scena tipica degli ospedali israeliani, soprattutto a Gerusalemme. E andrebbe tenuta sempre in mente quando si fanno dei paragoni con l’apartheid sudafricana . Sì, Israele sta sviluppando un sistema giuridico a doppio binario: uno per i cittadini ebrei e un altro, con meno garanzie, per i palestinesi (divisi tra cittadini di Israele, residenti di Gerusalemme, abitanti di Gaza, cisgiordani delle aree A, B e C).Ma il sistema è privo della componente biologico-razzista tipica del Sudafrica. Lì pazienti e medici “misti” erano impensabili, come sarebbe stato impensabile questo avvertimento dell’infermiere palestinese alla paziente ebrea: “Dovrò legarla, se continua a staccarsi la flebo”.1 Un paragone sbagliato

2 Amira Hass: Israele e Apartheid

Commento: nel primo articolo si descrive di quanto avviene in Israele, nel secondo di quanto accade nei TO: due realtà decisamente diverse come confermano gli articoli postati qui : allegato : Israele e l' apartheid


Commenti

Post popolari in questo blog

Hilo Glazer : Nelle Prealpi italiane, gli israeliani stanno creando una comunità di espatriati. Iniziative simili non sono così rare

La carta degli insediamenti israeliani in Cisgiordania e a Gerusalemme Est dal 1967 a oggi

Joel Swanson : Opinion | Wake up, Jewish establishment: Seth Rogen speaks for a lot of us young Jews

Il Giorno della Memoria è il momento di tradire la nostra israelità (FONTE EBRAICA ISRAELIANA)