di Amira HassL'attacco a Gaza non è contro Hamas, è contro tutti i palestinesi


Alle 3:19 P.M. di domenica, ho potuto sentire attraverso il telefono il rumore di un missile in arrivo. E poi un altro, insieme alle urla di paura dei bambini. Nel quartiere di Tel al-Hawa a Gaza City gli alti edifici residenziali sono stretti gli uni agli altri, con dozzine di bambini in ogni edificio, centinaia in ogni isolato.Loro padre, B., m'informa che del fumo si solleva dalla casa del suo vicino e termina la chiamata. Un'ora dopo mi dice che sono stati colpiti due appartamenti. Uno era vuoto; non sa chi vivesse lì. L'altro, in cui ci sono stati dei morti, appartiene ad un membro di una cellula che lancia razzi, ma nessuno di alto grado o importante. A mezzogiorno di domenica, la Israel Air Force ha bombardato uno stabilimento appartenente alle forze di sicurezza nazionali di Gaza. Esso ospita la principale prigione di Gaza City. Tre prigionieri sono stati uccisi. Due sembra fossero membri di Fatah; il terzo era imprigionato con l'accusa di collaborare con Israele. Hamas aveva evacuato gran parte delle altre prigioni della striscia di Gaza, ma riteneva che questa fosse al sicuro. Alle 12 A.M. di domenica, una telefonata ha svegliato S. "In ogni caso non dormivo", ha detto. "Ho sollevato il ricevitore e ho sentito un annuncio registrato in arabo: 'Questo è per avvertirti che bombarderemo l'abitazione di chiunque abbia armi e munizioni in casa'".
Tre membri di una famiglia di vicini sono stati uccisi, tutti giovani uomini sui vent'anni. Nessuno di loro possedeva armi o munizioni; stavano semplicemente camminando per strada quando la IAF ha bombardato una macchina di passaggio. Un altro vicino ha perso una figlia sedicenne, e sua sorella è stata seriamente ferita. La IAF aveva bombardato un edificio che in passato ospitava la Forza di Sicurezza Preventiva dell'autorità palestinese, e la loro scuola era collocata la porta a fianco. S. ha visto i risultati di alcuni dei bombardamenti di sabato quando ha fatto visita ad un amico il cui ufficio è collocato vicino al quartiere generale della polizia di Gaza City. Una persona uccisa in quell'attacco era Hassan Abu Shnab, il figlio maggiore dell'ex funzionario anziano di Hamas Ismail Abu Shnab. Il vecchio Abu Shnab, che Israele ha ucciso cinque anni fa, fu uno dei primi politici di Hamas a parlare in favore di una soluzione a due Stati. Hassan lavorava come impiegato all'università locale e suonava con la banda della polizia per divertimento. Sabato stava suonando ad una cerimonia di diploma della scuola di polizia quando la bomba ha colpito. "70 poliziotti sono stati uccisi lì, non tutti membri di Hamas", ha detto S., che è un oppositore di Hamas. "E anche quelli che appoggiavano Hamas erano giovani in cerca di un lavoro, di un salario. Volevano vivere. E perciò sono morti. 70 in un colpo solo. Questa aggressione non è contro Hamas. E' contro tutti noi, l'intera nazione. E nessun palestinese permetterà che il suo popolo e la sua patria vengano distrutti in questo modo".

Commenti

Post popolari in questo blog

Comprendere la minacciosa ascesa dell'ultranazionalista partito di Israele

Nir Gontarz : I palestinesi potrebbero morire per mancanza d'acqua. 'Non posso aiutare. Sono occupato'

Ben Caspit :Mentre continuano gli attacchi israeliani a Gaza, la Jihad islamica risponde con i missili