i 20 anni dell'associazione israeliana: "medici per i diritti umani"


Sintesi personale (solo elementi essenziali



Il Dr Ruchama Marton ei suoi colleghi si sono recati a Shifa Hospital nella Striscia di Gaza e sono rimasti sconvolti da quello che hanno visto .I medici vanno una volta al mese nei Territori Occupati con la loro "clinica mobile ed hanno curato circa 11280 palestinesi ,ma la situazione sta peggiorando a causa del muro di separazione e degli infiniti blocchi stradali. "Non siamo Medici senza frontiere, noi siamo coinvolti nelle violazioni di cui Israele è responsabile", ha dichiarato il presidente PHR Danny Filk Dr.,condannato nel 2004 per aver rifiutato di prestare servizio militare nei TO -"non siamo un 'organizzazione filantropica,.Offriamo servizi a una popolazione che lo stato ha classificato come non avente diritti ed è stata esclusa dalla società israeliana". Infatti l'organizzazione soccorre anche i lavoratori stranieri e i profughi. Filk racconta la storia di un bambino di 10 anni ,figlio di lavoratori colombiani. La compagnia di assicurazione non ha coperto le spese della sua malattia e la famiglia è stata costretta a lasciare il paese .Ran Cohen, non ha dimenticato la donna dalle Filippine ,giunto in clinica con la foto del figlio che non vedeva da 15 anni: ammalata di cancro ,non lo potrà salutare per l'ultima volta "Oggi assistiamo i i rifugiati, richiedenti asilo, privi di documenti , i detenuti per motivi di sicurezza , i criminali israeliani ai quali non viene garantita un'adeguata assistenza medica . La nostra è anche una lotta per cambiare la politica israeliana ,appellandoci all'Alta Corte Uno degli ultimi casi riguarda una ragazza beduina ,residente in uno dei villaggi non riconosciuti del NEGEV. Ha bisogno di aria condizionata per alleviare la sua sofferenza e di un frigorifero per i farmaci Questo richiede energia elettrica, ma il suo paese non è collegato alla rete. L'Alta Corte ha accusato i genitori perchè continuano a vivere in una situazione di illegalità aggiungendo di pregare per la sua salute. Un 'altra ragazza beduina ha bisogno del respiratore, anche lei abita in un villaggio non riconosciuto. Non è stata trovata alcuna soluzione Una recente ricerca ha sottolineato che il 30 % delle persone non possono comprare le medicine di cui hanno bisogno: sono ebrei e neanche i più poveri tra i poveri

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : Esame per Yom Kippur, giustizia e fedeltà tribale, etica e interesse

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri