G: Levy: la tragica storia di Salah ,ucciso per errore dall'IDF

SINTESI(punti per me essenziali)
Questa è una storia tragica che simboleggia l'arroganza israeliana verso i Palestinesi.E' una storia che non sarebbe dovuta accadere . E' la storia di Mohammed Salah .Aveva deciso di diventare poliziotto dell'Anp, non poteva più continuare a lavorare nella costruzione di Ma'aleh Adumim a causa del mal di schiena
Nulla più giustificare il comportamento brutale di una dozzina di soldati israeliani, dal volto coperto . I militari guidavano un furgone commerciale per le vie di Betlemme , come se fosse loro la città.A un certo punto si sono fermati ,hanno sparato e ucciso un poliziotto innocente, che non metteva in pericolo la loro vita, voleva solo controllare se trasportavano merce rubata o illegale.Hanno continuato a sparare anche quando è caduto per terra.
"abbiamo pensato che fosse un automobile palestinese-racconta Anati, il comandante del reparto di Betlemme i cui uomini avevano cercato di fermare il veicolo.
La versione dell'IDF "ha aperto il fuoco contro di noi" è stata smentita da numerosi testimonianze(,riportate con nome e cognome da G. Levy ).Il comandante Anati e i suoi 200 uomini controllano sia il contrabbando delle merci sia la scadenza dei prodotti commenstibili . Israele vende la propria immondizia ai commercianti palestinesi : pollame ammalato, carne marcia ,caramelle e cioccolata scaduta I soldati israeliani spesso umiliano i poliziotti davanti alla gente, costringendoli a togliersi la divisa e il berretto . Se arrestano commercianti israeliani, colpevoli di vendere merce avariata, sono costretti a liberarli subito ORA i poliziotti, dopo quanto è avvenuto, hanno paura a fermare automobili sospette. Il comandante della divisione di Samaria e di Judea, Noam Tivon e il Yoav Mordechai, si sono messi in contatto con i loro colleghe palestinesi sia per evitare il ripetersi di simili "incidenti" sia per creare una commissione mista di indagine
Noi arriviamo nel villaggio di Dar Salah, insieme a Suha Zeyd ed a Karim Jubran, ricercatori di B'Tsem e ci rechiamo nella casa del poliziotto ucciso. Ci sono gli uomini del villaggio, la vedova con i suoi quattro bambini, mancano i genitori, in pellegrinaggio alla Mecca , nessuno ha avuto il coraggio di avvertirli. Un amico di infanzia ci chiede: " Che cosa fareste voi ,se uno entrasse a Betlemme e uccidesse senza motivo"
La sua domanda rimane senza risposta fra le tazze di caffè amaro e i datteri.
ARTICOLO

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : Esame per Yom Kippur, giustizia e fedeltà tribale, etica e interesse

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri