G.Levy: morire a 78 anni in un checkpoint controllato da guardie private

SINTESI
"Per la prima volta nella mia vita non ho potuto aiutare mia madre . Così dice tristemente il figlio che aveva cercato di portarla , con il furgone , da Barta'a all'ospedale di Jenin. Ma è morta in un checkpoint.
Quante volte l'IDF ha spiegato che "i casi umanitari"usufruiscono di una procedura più rapida ,ma la realtà contraddice continuamente questa affermazione .Questo è accaduto a Kamela Kabha, di 78 anni a Reihan (Barta'a), mentre il suo figlio Tawfik ha inutilmente supplicato per la sua vita. La situazione in Barta'a è particolare . Ci sono circa 5.000 residenti nella parte orientale della città e circa 3.500 nella parte occidentale - residenti dei territori e cittadini israeliani, .'Israele ha costruito la recinzione di separazione ad est della città, per annettere più insediamenti , ciò ha determinato un certo benessere a Barta'a - shopping il sabato e dentisti poco costosi per gli israeliani . Ma la città è stata separata da Jenin e si è trasformata in in una zona franca. Ai residenti non è permesso recarsi in 'Israele ed è difficile raggiungere Jenin a causa dei posti di blocco controllati da guardie private con cani e fucili, il trattamento,così, è diventato ancora più disumano
Quella sera Kamela non si sentiva bene,aveva sofferto recentemente di pressione alta e il medico, chiamato daTawfik ha consigliato il ricovero immediato . Ma era già tardi ed il posto di controllo di Dotan sarebbe stato chiuso per tutta la notte . Il medico quindi ha suggerito di attendere fino alla mattina. ma Kamela continuava a peggiorare a allora il figlio ha telefonato al centro di coordinazione di Salem per chiedere urgentemente un'ambulanza,solo così avrebbe potuto passare il posto di blocco di Reihan. Finalmente alle 7 a.m l'ambulanza è arrivata ,ma gli addetti alla sicurezza non l' hanno lasciata passare . Questa è la testimonianza dei medici riportata sul sito Web di B'Tselem: "
Faiz, che parla bene l'ebraico , si è avvicinato al cancello per provare a convincere l'ufficiale a far passare il mezzo di soccorso... ma lui non ha accosentito...e. quindi,i medici sono stati costretti a tornare indietro
Nel frattempo la respirazione del Kamela è diventata sempre più difficile. La situazione era disperata. In assenza di qualunque altra soluzione, Tawfik si è rivolto a uno degli uomini del villaggio, che ha un furgone Volkswagen,per portare la madre morente in ospedale .Al posto di blocco la guardia ha chiesto i documenti e Tawfik l'ha implorata di accelerare la procedura gridando :" mia madre sta morendo" intanto sono trascorsi 20 minuti
Quando l'ufficiale ha visto lo stato della donna, egli stesso ha chiamato l'ambulanza da Jenin ,ma per Kamela era troppo tardi. Al rientro a casa le guardie di sicurezza hanno di nuovo richiesto i i documenti e i permessi, compresi quelli della defunta
Dice Tawfik: "non sono interessato a capire chi sia il responsabile ... è importante per me che non accada più che il mondo veda che cosa ci stanno facendo" Ibrahim Habib, a nome dell'associazione per la difesa dei diritti umani, ha inviato una dura lettera di protesta .
Il portavoce dell'IDF ha dichiarato : "è vero l'ambulanza è stata bloccata per più di un'ora,ma non è dimostrabile il collegamento tra quanto è accaduto e la morte della donna " ma questo non è il solo caso.Una donna ha partorito al posto di controllo ,un uomo ha avuto un infarto per la lunga attesa . Leila Ibrahim, appena dimessa dopo un parto cesareo, è stata costretta ad attraversare il posto di blocco a piedi ed a rimanere in piedi per ore nella stanza adibita al controllo dei documenti
Hayfa Kabha, all'ottavo mese di gravidanza , dichiara di aver atteso un'ora senza potere sedersi.
ARTICOLO

DOMANDA: le guadie private da chi dipendono? Chi li controlla? Quali funzioni hanno? perchè sono stati assunti e con quali criteri ? giuridicamente come vengono definiti?





Commenti

Post popolari in questo blog

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Yuval Harar : Esame per Yom Kippur, giustizia e fedeltà tribale, etica e interesse

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri