Gideon Levy: minaccia demografica e razzismo


SINTESI( i punti dell'articolo per me più interessanti)
Se abbiamo raggiunto,in Israele, "la fine di sionismo", titolo dell’articolo di Nehemia Shtrasler, ciò non dipende dalla demografia

Il discorso di una "minaccia demografica" non è legittimo. Immaginate quello che avverrebbe se una discussione del genere fosse tenuta negli Stati Uniti o in Europa. La minaccia veramente pericolosa è la discussione in se stessa. Testimonia lo sviluppo nella nostra società di norme profondamente razziste verso le minoranze
Haredim o Arabi - sono figli e figlie di questa terra. Non c'è alcun mezzo democratico per impedire a loro di diventare una maggioranza. Le campagne per ridurre le nascite sono oltraggiose quanto i concetti di trasferire la popolazione e di pulizia etnica . Sia la sinistra che la destra sono afflitte da questo razzismo letale, che scaturisce dall’arroganza e dalla paura dell'altro. La destra sta provando a spaventarci con previsioni disastrose sull'aumento naturale degli Arabi .. La sinistra, ugualmente razzista, sta provando a spaventarci con previsioni disastrose sulle conseguenze dell’aumento della popolazione ultra-ortodossa . Da certi punti di vista, il razzismo contro gli Haredim è, in effetti, più grave: Utilizza la terminologia antisemita e non ha l’alibi dell'ostilità nazionale contro gli Arabi.
Il discorso razzista è diventato la norma in Israele e del mondo ebraico in generale. È iniziato con il "pericolo di assimilazione" e "la mescolanza di matrimoni" - con il "pericolo della maggioranza araba". Un puzzo putrido emana dai discorsi sulle "tendenze di fertilità" e sull’istituzione di un "consiglio pubblico per la demografia", tutto ciò dimostra la profondità della patologia nella quale siamo affondati.
È veramente importante se 3.5 milioni di palestinesi risiedono nei territori, invece dei 2.4 milioni,come vorrebbe un gruppo Americano-Israeliano ? In un modo o in un altro, Israele non sta concedendo diritti civili a loro. Il futuro della società israeliana sarà determinato di gran lunga dai rapporti tra le sue comunità piuttosto che dal rapporto numerico esistente tra loro.
Israele è una società costituita da immigrati, mescolata con i nativi , un mosaico multiculturale con la potenzialità di diventare una società giusta. Se gli Haredim non prestano servizio militare o non sono abbastanza produttivi, la responsabilità è nella tradizione che permette questi fenomeni. Se gli Arabi non contribuiscono abbastanza o sono anche ostili , lo stato ha molte responsabilità per questo. Il futuro è nell’emergere di un ethos israeliano ,condiviso da tutti gli elementi della società, indipendentemente dal loro numero e questo vuol dire rifiutare la contabilità razzista .
Fonte

Allegati 1 2 3 4 5 6

Commenti

Post popolari in questo blog

Judy Maltz : In un tranquillo sobborgo israeliano, la lotta per la sinagoga riformata diventa negativa

Oren Ziv .Il presidente israeliano accende la prima candela di Hanukkah per l'apartheid

Ben Caspit : Mentre i colloqui di Vienna continuano, Israele si prepara a una possibile guerra contro l'Iran, Hezbollah

Haaretz : Spyware NSO israeliano trovato sui telefoni dei funzionari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti