B'Tselem : Raccolta delle olive 2013: testimonianze sui casi di abuso

  Ziad Sawan of Immatin went in coordination with the military, to harvest olives on his land located near the settlement outpost of Havat Gilad and found that the branches of seven of his trees had been broken. Photo: 'Atef Abu a-Rub, B'Tselem, 13 Oct. 2013
  Ziad Sawan di Immatin  ha scoperto che i rami di sette dei suoi alberi erano stati rotti. Photo: 'Atef Abu a-Rub, B'Tselem, 13 ottobre 2013
 Sintesi personale

Nel corso della recente raccolta delle olive  i ricercatori di B'Tselem hanno documentato 27 episodi di violenza dei coloni nei confronti dei palestinesi . In sei degli incidenti i coloni hanno attaccato i  mietitori con le pietre, minacciandoli con le armi o fisicamente aggredendoli . Il caso più grave è stato un attacco ai volontari di  B'Tselem :  Yasser Na'asan e suo zio, Ghatib Na'asan, mentre stavano raccogliendo le olive. Gli altri 21 incidenti hanno comportato danni alla proprietà.I settler hanno abbattuto , bruciato  e avvelenato ulivi, spezzato  i rami, rubato olive e attrezzature agricole.
La stagione di raccolta delle olive inizia ufficialmente il 10 ottobre 2013 e  dura  circa 40 giorni. Tuttavia, come negli anni precedenti, i coloni hanno vandalizzato uliveti di proprietà palestinese ancor prima dell'inizio della stagione..  La  maggior parte degli agricoltori non può recarsi nei propri terreni  senza accordo preventivo con i militari   e l' accesso è consentito solo per alcuni giorni . Così gli agricoltori hanno scoperto il danno recato  ai loro boschetti solo al momento di  raccogliere le olive.
Otto dei 21 casi di vandalismo sono avvenuti  in aree in cui l'esercito nega l'accesso ai  palestinese per la maggior parte dell'anno  perchè in  prossimità o all'interno di aree definite come parte di insediamento  Al fine di raccogliere le loro olive  gli agricoltori devono coordinarsi  con i militari attraverso il DCO  per avere una scorta militare  durante la vendemmia. In sette degli otto casi  i proprietari hanno scoperto il danno solo una volta che si sono recati a raccogliere le olive . Nell'ottavo caso  il proprietario terriero  aveva  appreso del vandalismo attraverso i media. La sofferenza degli agricoltori  è duplice. In primo luogo viene negato loro l'accesso alla propria terra per la maggior parte dell'anno, per cui  gli  alberi di olivo trascurati  producono poco . In secondo luogo  nei  pochi giorni all'anno in cui  possono recarsi nei i propri boschetti, scoprono i loro alberi  così danneggiati  che non ci sono le olive da raccogliere.
Ibrahim Salah del villaggio di Far'ata ha descritto i danni causati ai suoi alberi: "Io vivo in Far'ata e possiedo circa 19 dunams [1.9] ettari di terreno agricolo. Nel 2002 i coloni hanno innalzato tende e roulotte  sulla mia terra  diventando parte  dell' avamposto di  Havat Galaad. Negli ultimi anni i coloni hanno vandalizzato i miei raccolti più volte ... Ad esempio hanno  vandalizzato una cinquantina di alberi.e poichè io non riesco a prendermi cura degli alberi, essi  sono diventati improduttivi .Avevo circa 180 alberi, ora ne  ho solo  130.
Dal 2002 al 2008  l'esercito non mi ha permesso di accedere ai miei campi . Dal 2008 mi è stato permesso  solo due volte l'anno  e solo se io mi coordinavo  con i militari durante la stagione del raccolto e dell'  aratura.

I militari hanno stabilito il 13 e 14 ottobre per la raccolta  delle olive  nel mio villaggio  .  Il 7 ottobre ho visitato la terra con un rappresentante del nostro paese per controllare lo stato del terreno . Ho scoperto che le olive erano state raccolte da quasi tutti i 130 alberi della mia proprietà . Solo tre alberi avevano ancora olive ,ho ottenuto meno di un sacco pieno  di olive  Prima che il vandalismo iniziasse , quando potevo andare a lavorare la terra tutto l'anno,potevo  ottenere quaranta a cinquanta sacchi di olive all'anno.
In 13 casi documentati gli alberi sono stati oggetto di vandalismo,le attrezzature agricole rubate in aree in cui i militari non richiedono agli agricoltori di coordinare il loro arrivo in anticipo. Il 3 novembre 2013, Salah Radwan di 'Azzun  ha così testimoniato: 
Saleh Radwan. Photo: 'Abd al-Karim Sa'adi, B'Tselem
Mi guadagno da vivere come agricoltura e pastore . Io e i miei fratelli abbiamo cinque dunum [0,5] ettari di terreno a est di 'Azzun, in una zona chiamata Khallet Khalil. Nel 2008 abbiamo piantato 130 alberi di olive lì. Quest'anno  abbiamo prodotto 26 lattine di olio d'oliva. 
Giovedi, 31 ottobre sono arrivato alle 8:00 per innaffiare gli alberi. In un primo momento ho pensato che il vento avesserotto gli alberi, ma quando mi sono avvicinato ho visto che una sessantina di alberi erano stati abbattuti con una sega.
Ero in stato di shock. . Sognavo che  quegli alberi fossero una fonte di reddito per me e i  miei fratelli, ma quel sogno si è infranto  Giovedi mattina.
Un ufficiale dell'Amministrazione Civile ha  fotografato il tutto. Poi mio ​​fratello Ibrahim ha presentato una denuncia alla polizia palestinese a Qalqiliya.
Residents of 'Einabus went in coordination with the military to harvest olives in land located near the settlement of Yitzhar and They found that approx. 300 of the grove's 500 trees had been burnt down. Photo: Salma a-Deb'i, B'Tselem, 29 Oct. 2013
  I residenti di 'Einabus  in coordinamento con i militari  sono andati a raccogliere le olive  vicino alla colonia di Yitzhar e hanno scoperto che . 300 dei 500 alberi errano stati bruciati. Foto: Salma un Deb'i, B'Tselem, 29 ottobre 2013


 Il 14 agosto 2013, prima che la stagione del raccoltoiniziasse   , B'Tselem e altre organizzazioni per i diritti umani hanno scritto al Central Command e al consulente legale in Giudea e Samaria per chiedere che le forze di sicurezza facessero accordi  e si schierassero in quelle aree  dove erano avvenuti  ripetuti attacchi dei coloni contro gli agricoltori palestinesi e le loro proprietà. 

La violenza dei coloni è aggravata dalla perdita dei mezzi di sussistenza causati dalle  restrizioni dei militari in materia di accesso imposti agli agricoltori  I militari citano  la necessità di salvaguardare i coloni come giustificazione . Tuttavia la politica di ampie restrizioni  si applicano ai palestinesi soltanto e  le esigenze di sicurezza non possono ledere  i diritti degli agricoltori. Il militare deve fornire agli agricoltori palestinesi un accesso sicuro alla loro terra. per tutto l'anno   Il militare deve anche offrire una soluzione alternativa per soddisfare le esigenze di sicurezza.

Olive harvest 2013: Israeli military did not adequately prepare to protect farmers and their groves


Foto: Olive harvest 2013: Israeli military did not adequately prepare to protect farmers and their groves.

To our special interactive map: http://www.btselem.org/settler_violence/20131225_olive_harvest

We documented 27 incidents in which Israeli settlers attacked Palestinians, stole olives and vandalized groves. Although the military made arrangements to protect Palestinians and their property during the olive harvest, its preparation was insufficient. In addition, it should be noted that Palestinians’ source of livelihood is harmed also by restrictions on access to groves located in or near settlements. The military must find alternative means of protecting settlements and ensure Palestinians' safe access to cultivate their lands year-round.


Commenti

Post popolari in questo blog

2300 rabbini condannano la decisione di etichettare i gruppi palestinesi per i diritti umani come terroristi.T’ruah attacca NGO MONITOR

Rasha Abou Jalal : I tribunali tribali governano la Palestina con tradizioni spietate

Gideon Levy Non c’è destra o sinistra in Israele, solo sionismo e non sionismo

Jonathan Pollak : B'Tselem, Yesh Din, è ora di chiudere