Chi ha cancellato Gaza?





SINTESI  PERSONALE

In un recente  articolo  del New York Times sul World Economic Forum tenutosi presso il Mar Morto il mese scorso,  si evidenziava il tentativo del Segretario di Stato John Kerry  di rilanciare i negoziati tra Israeliani e Palestinesi  attraverso  un piano di investimento  di circa  4 miliardi dollari al fine di  sviluppare l'economia della Cisgiordania.
. C'è un problema: la parola 'Gaza' è mancante. La sua assenza  elimina quasi il 40 per cento della popolazione palestinese  e probabilmente una  porzione del problema politico percepito nella regione. Eppure non è stato  Kerry  a eliminare  Gaza. Anche se ha usato il termine "Autorità palestinese", che è presente  solo nella  West Bank,  probabilmente  lo ha fatto perché la politica americana non prevede un  riferimento alla "Palestina" o  a uno stato palestinese. Indubbiamente aveva  chiaramente entrambe le regioni in mente: ha parlato di investimenti nell'economia palestinese ( testo completo qui ),   in Cisgiordania e a Gaza    e ha  concluso il suo discorso chiedendo di  migliorare la vita su entrambi i lati citando come esempio, "le bambine che ho visto giocare tra le  macerie a Gaza." Eppure qualcosa è stato perso nella relazione  fornita  da diverse agenzie di stampa: la Palestina è diventata  la West Bank. Chi ha cancellato Gaza? La risposta  è prevedibile. Quando mettiamo  insieme gli aspetti apparentemente inconciliabili della politica del precedente governo Netanyahu, il  quadro diventa chiaro: parlare  dei due Stati per soddisfare gli  alleati , garantendo al tempo stesso che il popolo palestinese e la terra siano  irrimediabilmente frammentati al punto che nessuno sia capace di immaginare uno stato, anche i palestinesi stessi  e vendere  il messaggio di separazione di Gaza dalla Cisgiordania  . Tre destinatari possono essere individuate per il messaggio : gli israeliani, la comunità internazionale e ,non meno importante, gli stessi palestinesi. Netanyahu  ha accettato a malincuore l'idea del " Bar Ilan discorso "all'inizio del suo mandato e  ha  creato insostenibili pre-condizioni, come pretendere che i palestinesi riconoscano Israele come Stato ebraico
 prepetuando, così, il trucco del vecchio partito laburista :  continuare a costruire, istituzionalizzare gli insediamenti, ostacolare  lo sviluppo programmato  in  Cisgiordania, screditare l'Autorità palestinese.  attuare   la separazione concettuale e fisica di Gaza. Visto in questo modo, diventa molto chiaro: col senno di poi, l'idea ridicola il blocco avrebbe determinato la ribellione  palestinese contro  Hamas. Invece l'obiettivo  era probabilmente  garantire la separazione chirurgica permanente di Gaza dalla Cisgiordania .L'isolamento di Gaza e il  governo autoritario hanno portato ad un ambiente culturale diverso dal West Bank, in termini di libertà politiche,  di  norme religiose e sociali.La poltica   di Israele ha fornito  la  scusa ai  gruppi militanti di lanciare  razzi  e al governo  il pretesto di  condurre le guerre, non contro i palestinesi, ma "contro Gaza"La guerra più recente ha dato ad Hamas il pretesto per rivendicare la vittoria, approfondendo la divisione politica all'interno della leadership palestinese. Netanyahu probabilmente sperava che i palestinesi avrebbero perso la visione unitaria di sè come popolo  e l'opinione pubblica  spesso inconsapevolmente perpetua l'idea  che la Cisgiordania e Gaza siano  entità distinte e separate. Il blocco ha guidato gli sforzi globali per 'Free Gaza,' non per la  Palestina:  l'iniziativa flottiglia  ha  concentrato  l'attenzione globale senza precedenti sulla situazione a Gaza, non sui  palestinesi. La copertura mediatica del discorso di Kerry citato in precedenza è un segno preoccupante che il cambiamento nella percezione globale è quasi completo . . Gisha , l'organizzazione della società civile israeliana  ha sottolineato il problema in un articolo  nel Daily Beast .  Naftali Bennett ,  durante la campagna elettorale alla fine del 2012, ha rivelato i piani espliciti di  ciò che Netanyahu stava già realizzando  sul terreno:" La separazione di Gaza  dalla Cisgiordania. ... Dobbiamo riconoscere che non vi è alcun collegamento tra Gaza e la Giudea e la Samaria ... Gaza sta  diventando sempre più dipendente  dall' Egitto  che se ne sta assumendol'onere " I membri del partito di Netanyahu trovano questa una grande idea. In una conferenza a metà giugno presso l'Università di Tel Aviv il Likud ministro, Tzipi Hotovely, ha  preannunciato l'annessione della Cisgiordania  e il controllo egiziano su Gaza  . La soluzione  del problema è in mano al popolo palestinese  come la vittoria di Mohammad Assaf suggerisce- Riman Barakat, da Gerusalemme Est, ha scritto : "E 'inevitabilmente una notte storica per tutti i palestinesi. Abbiamo continuato negli  anni e  nei mesi passati a parlare di frammentazione palestinese, di diversi stati di palestinesi , di Gaza,  di  profughi, di  palestinesi della Cisgiordania, di abitanti di Gerusalemme, di palestinesi in Israele, di palestinesi della diaspora, stasera una sola voce ha unificato tutti i palestinesi  . Questa  grande felicità non è mai stato sperimentata prima dal popolo palestinese...  Dovremmo lavorare tutti duramente per essere stelle, stelle nella scienza, nell' arte, nella politica,nella  filosofia, nello sport . Finiamola con gli  slogan , concentriamoci  sul fare."

Commenti

Post popolari in questo blog

Amira Hass: C'è una linea sottile per i palestinesi della Cisgiordania tra la vita e la morte, spesso quella linea attraversa una cella di prigione

Gad Lerner : commento sulla vicenda del piccolo Eltan sequestrato dal nonno materno e ora in Israele

Editoriale Haaretz No alla punizione collettiva dei prigionieri palestinesi

Haaretz : Israeli Grandfather Absconded 6-year-old Survivor of Italy Cable Car Accident on Private Jet