Gideon Levy : in Israele nulla è cambiato dal 1948


Sintesi personale  La generazione del 1948 sta scomparendo, ma il suo spirito è  ancora presente. Nel 1948  i nuovi immigrati sono andati a vivere, senza porsi troppe domande,  ​​nelle case abbandonate  dei palestinesi . Nel 2012 il governo israeliano sta cercando di coprire il furto delle terre palestinesi  disprezzando la legge. Una singola linea retta, la stessa   modalità di condotta unisce il  1948  al 2012: la proprietà palestinese è  proprietà sempre  abbandonata , anche quando questo non è chiaro  e gli ebrei israeliani sono liberi di fare ciò che vogliono  in un gioco senza fine. Ora come allora un crimine è un crimine.  Eppure c'è una differenza L'espulsione e la fuga dei palestinesi, l'usurpazione dei beni e la proibizione  a ritornare  per i rifugiati nel 1948 furono le conseguenze  della Guerra di Indipendenza di Israele. 64 anni dopo lo Stato è quasi una superpotenza, detiene la sovranità, eppure continua a esercitare il controllo con gli stessi mezzi corrotti, come se stesse ancora combattendo per la sua indipendenza,proteggendo l'avidità   di un potente  gruppo di israeliani .Quello che  è stato senza dubbio un crimine di guerra nel 1948  , ora è una violazione e una distorsione delle leggi dello stato.Quello che nel 1948 è stato accettato  dalla maggior parte delle nazioni del mondo, oggi non è tollerato  da nessuno. Allora lo stato inventava  diversi  espedienti  legali , come "proprietà assenteista"o il grottesco termine "assenti presenti" (nokhehim nifkadim), ora si parla di "terre statali" ,termine assurdo visto che si tratta di  terra occupata, per giustificarne il trasferimento  ai coloni .Espropria   migliaia di dunam di terra araba  con vari pretesti. Nel 2012   andare a vivere nel Negev è "pionieristico", vuol dire "far fiorire il deserto". Gli insediamenti  beduini sono  "una minaccia nazionale". Che cosa è cambiato?  Nulla è cambiato dal 1948. Le espulsioni e le pulizie etniche del 1948 sarebbero state   perdonante  e dimenticate se avessimo posto fine ad esse  ,ma continuano tra gli edifici di Ulpana a Beit El e la Valle del Giordano. Così è impossibile perdonare e dimenticare i peccati del 1948.Quando l'appropriazione costante di dunam  (proprietà privata) non cessa , quando la fede messianica sancisce  per gli  ebrei il diritto esclusivo a queste terre, la campagna internazionale di delegittimazione contro Israele è comprensibile. Le case di Ulpana più di tutti gli editoriali ostili, le flottiglie e "flytillas " sono la fucina di delegittimazione di Israele.L'atteggiamento dello Stato e delle sue istituzioni a questo furto di terre  in Samaria invia un unico, chiaro messaggio agli israeliani e al mondo: non smetteremo mai questa frantumazione, questa melodia ultranazionalista  allora come oggi. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Ben Caspit : Mentre i colloqui di Vienna continuano, Israele si prepara a una possibile guerra contro l'Iran, Hezbollah

Zehava Galon : La violenza dei coloni è parte integrante dell'occupazione israeliana

Haaretz : Spyware NSO israeliano trovato sui telefoni dei funzionari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti

Aziza Nofal : Betlemme spera nel miracolo di Natale mentre la nuova variante ferma i visitatori