Hadeel Al Gherbawi :Famiglie curde di Gaza intrecciate nel tessuto nazionale della Palestina

Traduzione sintesi

 I curdi sono uno dei gruppi etnici più importanti nella società palestinese, che risale all'era di Saladino al-Ayyubi, quando si radunarono in Palestina per liberarla dai crociati.

Si diressero anche in Palestina durante il dominio di Najm al-Din Ayyub, il califfato ottomano e l'era mamelucca. Sono per lo più concentrati a  Gaza, che era il collegamento commerciale tra Damasco, Il Cairo e l'Europa.

I curdi si sono riversati a Gaza dal nord della Siria, dall'Iraq e dalla Turchia. Oggi le famiglie curde a Gaza parlano sia curdo che arabo e sono diventate parte del tessuto sociale palestinese, abbracciandone pienamente i costumi, le tradizioni e le specificità sociali.

Il più importante edificio curdo a Gaza è il Palazzo Hathat, costruito nel XII secolo AH da Ibrahim Hathat, un mercante curdo che sposò la sorella del sultano ottomano.

"I curdi sono venuti in Palestina e l'hanno vista come una storica destinazione islamica in cui volevano vivere e integrarsi con gli arabi", ha detto ad Al-Monitor Issa Hathat, 81 anni. "La nostra famiglia è di origine curda. Hathat Palace era di proprietà del commerciante tessile damasceno di Gaza, il nostro antenato Ibrahim Hathat.

Ha notato che Gaza ha prosperato durante il periodo mamelucco, quando le delegazioni arabe e africane l'hanno visitata, sia come mercanti, studenti di scienze o rifugiati.

Lo storico Nasser al-Yafawi ha spiegato ad Al-Monitor: "L'origine di molti festival viene fatta risalire ai curdi. C'è il festival del Profeta Rubin, il festival del Profeta Moussa, il festival del Mercoledì di Giacobbe e il festival del Profeta Abu Huraira. Saladin al-Ayyubi … ha assegnato a ogni città un festival speciale come occasione per riunire i suoi residenti e gli abitanti dei villaggi circostanti”.

Ha aggiunto: "Le feste popolari palestinesi sono durate dal 1187 d.C. fino alla fine dell'estate del 1947. ... Nell'estate dell'anno successivo,  le città e i villaggi dove si sarebbero tenuti i festival sono stati distrutti e non c'erano più feste e celebrazioni in Palestina." 

Yafawi ha indicato che oltre al Palazzo Hathat, i curdi in Palestina costruirono la Moschea Ibn Othman e la  Moschea Sayyida Ruqayya . “Ruqayya era una donna bella e retta nell'era mamelucca. Un principe ottomano si innamorò del suo fascino e la sposò. Quando lei e suo marito sono morti, i residenti della zona, che sono curdi, hanno costruito questa moschea”.

La moschea Ibn Othman , una delle più grandi e antiche moschee della Striscia di Gaza, fu costruita da un religioso e mercante curdo di nome Shehab Al-Din Bin Othman nel 1430 d.C.

L'ingegnere Mahmoud al-Balawi, che lavora come guida turistica e coordinatore del progetto presso l'IWAN Center for Architectural Conservation, ha dichiarato ad Al-Monitor: "Al-Shujaiya è l'area più grande di Gaza ed è sede delle più importanti moschee e chiese. Comprende anche dozzine di antiche case costruite durante il dominio ottomano circa quattro secoli fa ed edifici religiosi come la Moschea Ibn Othman e la Moschea di Sayyida Ruqayya.

Nella Striscia di Gaza i siti antichi affrontano il  deterioramento delle condizioni economiche e umanitarie. I fondi di sostegno internazionale sono per lo più incanalati verso progetti di soccorso, salute, istruzione e rifugio.

Diversi libri affrontano i curdi in Palestina, in particolare "I curdi della Palestina" di Mohammad Ali Al-Suwairki , "Le relazioni curde palestinesi: dimensioni storiche e un futuro luminoso" di Salah Badr Al-Din e  molti altri .

Nell'era moderna i curdi in Palestina hanno svolto un ruolo leggendario nel conflitto contro Israele. Ciò ha spinto il defunto presidente Yasser Arafat a fondare la Società di amicizia curdo-palestinese nel 1999, la prima del suo genere nel mondo arabo.

Nell'estate del 2014, il quartiere di Shujaiya è  stato quasi completamente distrutto durante l'operazione militare israeliana sulla Striscia di Gaza. In due giorni 350 palestinesi sono stati uccisi e più di 1.500 feriti.


Kurdish Gazan families interwoven in Palestine’s national fabric

Kurds are one of the most prominent ethnic groups in Palestinian society, going back to the era of Saladin al-Ayyubi, when they flocked to Palestine to liberate it from the crusaders.

They also headed to Palestine during the rule of Najm al-Din Ayyub, the Ottoman Caliphate, and the Mamluks era. They are mostly concentrated in Gaza, which was the trade link between Damascus, Cairo and Europe.

Kurds flocked to Gaza from northern Syria, Iraq, and Turkey. Today, Kurdish families in Gaza speak both Kurdish and Arabic and have become part of the Palestinian social fabric, fully embracing its customs, traditions, and social specificity.

The most important Kurdish edifice in Gaza is the Hathat Palace, built in the 12th century AH by Ibrahim Hathat, a Kurdish merchant who married the Ottoman Sultan's sister.

“The Kurds came to Palestine and saw it as a historical Islamic destination in which they wanted to live and integrate with the Arabs," Issa Hathat, 81, told Al-Monitor. "Our family is of Kurdish origin. Hathat Palace was owned by the Damascene textile trader in Gaza, our ancestor Ibrahim Hathat.”

He noted that Gaza prospered during the Mamluk period when Arab and African delegations visited it, whether as merchants, students of science or refugees.

Historian Nasser al-Yafawi told Al-Monitor, “The origin of many festivals is traced back to the Kurds. There is the Prophet Rubin festival, the Prophet Moussa festival, Jacob’s Wednesday festival, and the Prophet Abu Huraira festival. Saladin al-Ayyubi … allocated to each city a special festival as an occasion to gather its residents and the residents of the surrounding villages.”

He added, “Popular Palestinian festivals lasted from 1187 AD until the end of the summer of 1947.  … In the summer of the following year, the cities and villages where festivals would be held were destroyed, and there were no more festivals and celebrations in Palestine.” 

Yafawi indicated that in addition to Hathat Palace, Kurds in Palestine built Ibn Othman Mosque and the Sayyida Ruqayya Mosque. “Ruqayya was a beautiful and righteous woman in the Mamluk era. An Ottoman prince fell for her charm and married her. When she and her husband passed away, the residents of the area, who are Kurds, built this mosque.”

Ibn Othman Mosque, one of the largest and oldest mosques in the Gaza Strip, was built by a Kurdish cleric and merchant named Shehab Al-Din Bin Othman in 1430 AD.

Engineer Mahmoud al-Balawi, who works as a tourist guide and project coordinator at the IWAN Center for Architectural Conservation, told Al-Monitor, “Al-Shujaiya is the largest area in Gaza and is home to the most prominent mosques and churches. It also includes dozens of ancient houses that were built during the Ottoman rule about four centuries ago and religious edifices such as Ibn Othman Mosque and the Mosque of Sayyida Ruqayya.”

In the Gaza Strip, ancient sites face severe official and institutional neglect in light of deteriorating economic and humanitarian conditions. International support funds are mostly channeled to relief projects, health, education, and shelter.

Several books address the Kurds in Palestine, most notably “The Kurds of Palestine” by Mohammad Ali Al-Suwairki, “The Palestinian Kurdish Relations: Historical Dimensions and a Bright Future,” by Salah Badr Al-Din and many others.

In the modern era, Kurds in Palestine played a legendary role in the conflict against Israel. This prompted the late President Yasser Arafat to establish the Palestinian-Kurdish Friendship Society in 1999, the first of its kind in the Arab world.

In the summer of 2014, the Shujaiya neighborhood was almost completely destroyed during the Israeli military operation on the Gaza Strip. In two days, 350 Palestinians were killed and more than 1,500 were injured.

Commenti

Post popolari in questo blog

Hilo Glazer : Nelle Prealpi italiane, gli israeliani stanno creando una comunità di espatriati. Iniziative simili non sono così rare

Yahir nella Samaria : campo di addestramento miltare per bambini ebrei di 10 anni

Navi Pillay, Alto Commissario delle UN per i Diritti Umani

Ahmed Nagi: il cammello contro Internet nei giorni della protesta egiziana