Amira Hass: "Vi racconto la barbarie delle detenzioni amministrative e il coraggio di chi si oppone"


Amira Hass: "Vi racconto la barbarie delle detenzioni amministrative e il coraggio di chi si oppone"

 Umberto De Giovannangeli

Per Israele sono terroristi quando si fanno strumento di morte. E sono sempre terroristi se usano il loro corpo per manifestare la loro voglia di libertà.



La storia di Kayed e Miqqad

A raccontarla è la giornalista israeliana che meglio di chiunque altro reporter conosce la realtà palestinese. Amira Hass, firma storica di Haaretz

“Il Comitato Internazionale della Croce Rossa – scrive Hass - ha dichiarato questa settimana di essere gravemente preoccupato per la salute di due detenuti amministrativi palestinesi incarcerati da Israele, che stanno facendo uno sciopero della fame da circa 80 giorni.

I due sono Kayed Nammoura (Fasfous), un 32enne che da venerdì rifiuta il cibo da 87 giorni, per protestare contro la sua continua detenzione, e Miqdad Qawasmeh, 24 anni, che è in sciopero da 80 giorni. I due sono stati ricoverati al Kaplan Medical Center di Rehovot. Il 29 settembre, in risposta a un appello presentato dall'avvocato Jawad Boulos, la Corte suprema ha ordinato che la detenzione amministrativa di Qawasmeh fosse "congelata" a causa del deterioramento delle sue condizioni di salute. Non gli è permesso di lasciare l'ospedale, anche se può avere visite e non è più incatenato al letto.

Anche altri quattro detenuti amministrativi stanno protestando contro il fatto che Israele li ha imprigionati per un periodo indefinito senza un'accusa, prove o testimoni, negando loro il diritto alla difesa. I quattro, che sono rinchiusi in una clinica della prigione di Ramle, sono Alla al-A'araj, in sciopero della fame da 63 giorni, Hisham Abu Hawash (in sciopero da 54 giorni), Raik Bisharat (49 giorni) e Shadi Abu Aker (46 giorni).

I sei scioperanti della fame sono tra i circa 520 palestinesi detenuti in detenzione amministrativa nelle prigioni israeliane per ordine del servizio di sicurezza Shin Bet, lontano dagli occhi del pubblico israeliano.

Le famiglie dei detenuti, alle quali sono state vietate le visite come parte della punizione del servizio carcerario israeliano nei confronti degli scioperanti della fame, sono state informate dagli avvocati che la salute dei loro figli sta peggiorando. Ma le famiglie stanno criticando non solo Israele ma anche l'Autorità Palestinese, che dicono non ha mostrato alcun serio interesse per la sorte dei detenuti. Né l'AP ha cercato di far interessare l'opinione pubblica israeliana o la comunità internazionale allo sciopero, o alla pratica illegale di Israele di detenere i palestinesi senza processo, dicono le famiglie. Due settimane fa, la madre di Fasfous, Fawzia Fasfous, ha cercato di superare l'impotenza che le famiglie stanno provando viaggiando dalla sua casa di Dura, nel sud della Cisgiordania, a Ramallah. Lì si è fermata in piazza Emile Habibi, davanti all'ufficio del primo ministro palestinese, con una fotografia di suo figlio. Uno dei suoi nipoti l'ha accompagnata. Una protesta presso un simbolo dell'autogoverno palestinese è un evento raro. Una delle guardie di sicurezza le ha offerto una sedia. Due poliziotti si sono aggirati imbarazzati e alla fine hanno chiesto a Fawzia di entrare nel piccolo edificio delle guardie. Lei ha rifiutato. Gli ufficiali hanno detto ad Haaretz che era vietato fotografare la protesta, ma non hanno saputo spiegare perché. In ogni caso, nessun giornalista palestinese stava coprendo la tranquilla dimostrazione di una madre la cui vita del figlio è sempre più a rischio. ‘Siamo con voi - ci identifichiamo con voi", ha detto uno degli ufficiali. Un funzionario dell'ufficio del primo ministro alla fine ha convinto Fawzia a entrare nell'edificio delle guardie, dove le ha detto con voce compassionevole: ‘Non siamo noi l'indirizzo. Se, Dio non voglia, suo figlio fosse stato arrestato da una delle agenzie di sicurezza palestinesi, potremmo intervenire. Ma è detenuto dalle autorità di occupazione’.

La madre ha ascoltato pazientemente, ma quando ha lasciato l'edificio ha detto ad Haaretz: ‘Sto protestando qui perché quando loro [l'AP] vogliono, hanno dei canali per le autorità di occupazione’.

Ha ricordato il caso di Ghadanfar Abu-Atwan, un altro detenuto amministrativo di Dura. Dopo uno sciopero della fame di 65 giorni è stato rilasciato dalla prigione all'inizio di agosto. La gente di Dura dice in tutta confidenza che è stato rilasciato a causa di una telefonata del capo dell'intelligence palestinese Majed Faraj a qualcuno dello Shin Bet.

‘La donna ha ragione’, ha detto ad Haaretz un alto membro di Fatah. ‘I funzionari dell'intelligence palestinese possono parlare con lo Shin Bet e spiegare, per esempio, che gli scioperi della fame dei detenuti amministrativi minano la stabilità interna e danneggiano la posizione dell'AP presso il pubblico. Questo è il tipo di ragionamento che lo Shin Bet ascolta’.

Fasfous e Abu-Atwan appartengono a famiglie legate a Fatah. Questo li rende un'eccezione tra i detenuti amministrativi, la maggior parte dei quali lo Shin Bet associa ad Hamas, alla Jihad Islamica o al Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina.

Poco prima che Abu-Atwan fosse rilasciato, un altro adetenuto  di nome Khader Adnan, che è affiliato alla Jihad islamica, è stato liberato dopo un periodo ancora più breve. (Ma due settimane dopo, Adnan è stato arrestato per alcuni giorni dall'AP per aver partecipato alle proteste contro l'omicidio dell'attivista politico Nizar Banat).

Adnan è stato il primo ad adottare la tattica dello sciopero della fame circa 10 anni fa; la sua protesta contro la detenzione senza processo ha attirato molta attenzione. Ma da allora, i singoli scioperanti della fame non sono stati in grado di suscitare quel tipo di attenzione da parte del pubblico palestinese o di riaccendere il dibattito internazionale sull'uso continuo della detenzione amministrativa da parte di Israele.

Le famiglie degli scioperanti della fame ne sono ben consapevoli e sono combattute tra il loro sostegno all'unica tattica di protesta che i loro figli possono adottare, e la consapevolezza che la salute degli scioperanti sarà permanentemente danneggiata senza raggiungere i loro obiettivi. Le punizioni imposte dalle autorità carcerarie - divieto di visite familiari, isolamento, perquisizioni più frequenti delle loro celle - fanno anche perdere il sonno alle famiglie.

 Un incontro sulla sedia a rotelle

Le famiglie Fasfous e Abu Hawash hanno vissuto a lungo con la realtà della detenzione amministrativa. ‘Ci siamo fidanzati nel 2007 mentre Hisham era in prigione’, ha detto la moglie di Abu Hawash, Aisha, nella loro casa di Dura il mese scorso.

Nel 2004, quando aveva 22 anni, Hisham è stato condannato a tre anni di prigione per le sue attività durante la seconda intifada. Ha iniziato la sua condanna come membro di Fatah e, secondo suo fratello Imad, ‘non gli piaceva il modo in cui i prigionieri di Fatah si comportavano e passò alla Jihad islamica’. Tuttavia, è un musulmano liberale, dice suo fratello.

Hisham è stato in detenzione amministrativa tre volte - otto mesi nel 2008, due anni tra il 2012 e il 2014, e nell'ottobre 2020 - ogni volta senza che gli venisse detto di cosa era sospettato e senza un processo.

‘I soldati sono entrati in casa all'1:30 del mattino; si sono comportati bene, ma gli hanno subito preso il telefono’, ha detto sua moglie, raccontando il suo ultimo arresto.

‘Nessun ufficiale dello Shin Bet era con loro. Piuttosto, uno di loro ha parlato con Hisham usando uno dei telefoni dei soldati. Gli ha detto che se prendeva delle medicine, doveva portarle con sé. Hisham non ha potuto salutare i nostri figli perché non voleva svegliarli. Non aveva capito che stava andando in detenzione amministrativa. Mi ha detto: ‘Prenditi cura dei bambini e tornerò presto, perché non hanno niente su di me'".

Aisha racconta che suo marito mantiene sempre il suo senso dell'umorismo. ‘Anche quando parliamo di cose serie, lui trova il modo di scherzarci sopra, anche se la nostra situazione è difficile. Nostro figlio di 6 anni, Iz al-Din, ha una malattia renale’.

‘Da quando siamo sposati non abbiamo mai portato i nostri figli da nessuna parte se non a Betlemme, perché lì c'è il medico. Hisham non è mai stato all'estero. Lavora sempre, nell'edilizia qui a Dura. A volte, quando finisce presto, porta i bambini al negozio per comprare qualcosa, e poi va a dormire’, racconta ancora Aisha.

‘C'è stato un periodo in cui è andato a lavorare in Israele. Ci ha mandato una foto con un rabbino - qualcuno con le serrature laterali - in una sinagoga a cui stava lavorando. Mi ha promesso che non era coinvolto in nessuna attività [politica], e io gli credo. Deve lavorare perché la condizione di Iz ci costa molto denaro’.

Due mesi fa, il loro figlio è stato sottoposto a un intervento chirurgico in un ospedale di Gerusalemme Est, ma la procedura non ha avuto successo. ‘Emotivamente, non riesco ad abituarmi a stare senza Hisham, ma mi sono abituata a gestire la giornata senza di lui’, dice Aisha. ‘Se Iz non fosse così malato, tutto sarebbe molto più facile’.

Da quando suo marito è stato arrestato un anno fa, Aisha ha potuto visitarlo solo una volta, il 16 agosto. Lui le ha parlato dei suoi piani di lanciare uno sciopero della fame. ‘Ho cercato di convincerlo a non farlo, ma lui mi ha detto: ‘Non ha senso che io sia stato rimandato in prigione perché non ho fatto niente’. Due giorni dopo, ha iniziato lo sciopero. Tre settimane fa, le sue condizioni erano relativamente buone, anche se fin dall'inizio si è rifiutato di prendere delle vitamine. All'ultimo incontro con Boulos, il suo avvocato, Hisham è arrivato su una sedia a rotelle.

‘Mi preoccupo costantemente che anche se lo liberano potrebbero venire ad arrestarlo di nuovo in qualsiasi momento’, confessa Aisha. ‘Questa è l'essenza della detenzione amministrativa senza processo". Lei lo capisce bene. Quando suo fratello maggiore era in detenzione amministrativa, ha fatto uno sciopero della fame che è durato più di 100 giorni.

Tre settimane fa, Aisha aveva promesso ai suoi figli che avrebbe preparato una torta nel momento in cui Hisham fosse stato rilasciato. Ora vuole solo che suo marito smetta di rischiare la vita.

L'obiettivo dello Shin Bet

A differenza della casa della famiglia Abu Hawash, che non ha segni di affiliazione a nessuna organizzazione, la stanza dove la famiglia Fasfous ospita i visitatori è piena di bandiere di Fatah e di fotografie di Yasser Arafat e di prigionieri. Non solo Kayed è in detenzione amministrativa dal settembre 2020, ma i suoi fratelli Mahmoud e Akram ci sono da oltre un anno.

Kayed, che prima del suo arresto ha ripreso i suoi studi universitari in informatica, aveva lavorato come contabile per il comune di Dura. È sposato e padre di una figlia, il cui straziante appello per il rilascio del padre si può trovare su Facebook.

Un altro fratello è stato arrestato un mese e mezzo fa. Anche lui, secondo suo fratello Khalid, è stato messo in detenzione amministrativa sulla base di prove segrete. Parallelamente alla detenzione amministrativa, è stato accusato di reati come il lancio di molotov e la rissa. Il figlio più giovane di Khalid Fasfous si chiama Zakaria come il prigioniero di Fatah Zakaria Zubeidi, uno dei sei fuggiti dalla prigione di Gilboa in agosto. Khalid una volta divideva la cella con Zubeidi. ‘Come Zubeidi, siamo il Fatah di Arafat’, ha detto Khalid il mese scorso, pochi giorni dopo che i sei evasi erano stati ricatturati.

Questo è un modo indiretto per dire che la famiglia Fasfous si oppone all'attuale leadership dell'AP e di Fatah. Khalid dice che le forze di sicurezza palestinesi sono arrivate al punto di fare irruzione nelle loro case quando le tensioni tra due fazioni di Fatah diventano gravi.

Suo fratello maggiore, Hassan, è stato processato e incarcerato dall'AP dopo aver sparato a un veicolo militare israeliano nel 2013. Quando Hassan è stato rilasciato dalla prigione palestinese, è stato immediatamente arrestato dalla polizia di frontiera di Israele e imprigionato in Israele per tre anni.

Tutti e sei i fratelli Fasfous hanno scontato diversi anni di prigione per le loro attività di Fatah durante la seconda intifada. Nel 2010, erano tutti in prigione quando il loro padre è morto. Tranne Hassan, tutti loro sono stati anche in detenzione amministrativa in un momento o nell'altro.

“La forza armata che entra in casa nostra ogni volta che c'è un arresto è sempre accompagnata da un ufficiale dello Shin Bet di nome Nir", afferma  Khalid. ‘Abbiamo la sensazione che lo Shin Bet ci abbia preso di mira come famiglia. Perché? Non lo so. Forse perché i collaboratori danno loro false informazioni’.

Il reportage di Amira Hass finisce qui.

E’ un racconto, mirabilmente scritto, idi dolore, di rabbia, e di una determinazione straordinaria a proseguire la lotta. E’ la storia di donne palestinesi, fiere, eroiche, donne, ragazze, adolescenti, non abbassano mai gli occhi di fronte ai soldati d’Israele. Sono loro la speranza di un popolo che non si arrende. Nonostante tutto e tutti. Le loro storie non avranno spazio, statene certi, sulla stampa mainstream, quella per cui i palestinesi fanno notizia solo se si fanno esplodere a un ceck point. Ma se adottano la non violenza, che non è sinonimo di resa, su di loro cade una coltre di silenzio. Semplicemente, non esistono. 

“Restiamo umani”, ripeteva Vittorio Arrigoni. Restare umani significa anche raccontare queste storie di resistenza. La resistenza palestinese.

Commenti

Post popolari in questo blog

GIDEON LEVY - LA POLIZIA ISRAELIANA HA INVESTITO UN ANZIANO PALESTINESE CHE PROTESTAVA CONTRO L'OCCUPAZIONE, POI È FUGGITA DAL LUOGO DELL'INCIDENTE

Violetta Silvestri Territori occupati, quell’apartheid che distrugge l’ambiente

Gerusalemme: Nrc, “Autorità israeliane fermino espulsione forzata di una famiglia palestinese dalla propria casa in corso nel quartiere di Sheikh Jarrah”