Muhammad Shehada : Israele definisce "terrorismo" tutta la resistenza palestinese. Ciò non è solo razzista, è pericoloso.

Sintesi personale


Mercoledì l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha pubblicato  un elenco di società  legate agli insediamenti. Sapevamo di non dover attendere molto per leggere l'usuale termine con il quale si definisce qualsiasi forma di resistenza palestinese, per quanto non violenta: terrorismo.
Noi palestinesi siamo abituati a essere chiamati terroristi. Questa è la tendenza della destra pro-Israele per  designare  qualsiasi  forma di resistenza palestinese, da un poster  al rifiuto di acquistare i prodotti elencati nella lista  Ciò non è solo inaccettabile e razzista; disincentiva la non violenza palestinese e trasmette il messaggio che non ci sia alcuna differenza tra terrorismo violento e resistenza nonviolenta.
Martedì scorso, il presidente dell'Autorità palestinese Mahmoud Abbas e l'ex primo ministro israeliano Ehud Olmert hanno tenuto una  conferenza stampa congiunta  per respingere il catastrofico "affare del secolo" di Trump e rilanciare il processo di pace su linee più serie e genuine. Hanno suggerito di rilanciare i  negoziati del 2008 ,infatti i due leader  si erano avvicinati ad una risoluzione reciprocamente soddisfacente del conflitto.
Invece  di abbracciare il desiderio di negoziare, l'ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite, Danny Danon, ha  denunciato l'evento congiunto  come un atto palestinese di "terrorismo diplomatico", un termine che Danon usa spesso per descrivere qualsiasi forma di diplomazia palestinese sul piano internazionale  affermando che :
"L'incontro di Ehud Olmert con Mahmoud Abbas a New York promuove solo il terrorismo diplomatico dell'AP. Lo stesso giorno, Abbas promuove una risoluzione delle Nazioni Unite contro gli Stati Uniti e Israele, incoraggia la comunità internazionale a isolare lo Stato ebraico e continua a incitare. Dobbiamo unirci per difendere Israele!"
Che cos'è il "terrorismo diplomatico"? La diplomazia è l'opposto del terrorismo. Dannon cancella la differenza tra loro, essenzialmente equiparando il terrorismo violento al suo opposto.
Dannon non è solo. Più o meno contemporaneamente  Israele ha convocato  il vice ambasciatore del Belgio , rimproverandolo  per aver preso parte a questo "terrorismo diplomatico", invitando un rappresentante della Defence for Children International - una ONG che lavora per i diritti dei bambini palestinesi, al Consiglio  di sicurezza delle Nazioni Unite.
L'ambasciatore israeliano in Belgio,  Emmanuel Nahshon , ha affermato che è scandaloso invitare tali "sostenitori del terrore" al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite , evidenziando così che per la banda di Netanyahu, le parole "terroristi" e "palestinesi" sono diventate intercambiabili.
Questo crudele svilimento di quasi tutte le azioni palestinesi, inclusa la non violenza e la diplomazia, non si limita alle opinioni personali di Danon o Nahshon. C'è sempre stato uno sforzo sistematico per definire  tutte le forme di lotta palestinese come ostili.
Nel 1982, l'analista strategico israeliano  Avner Yaniv ha  coniato il termine "offensiva per la pace palestinese", nel suo libro "Dilemmi di sicurezza",  per descrivere il processo attraverso il quale i palestinesi diventano troppo moderati e Israele non ha altra scelta che sedersi con loro al tavolo e scendere a compromessi. Per Yaniv  un OLP moderato  "potrebbe diventare molto più pericoloso del violento OLP degli anni precedenti", e quindi ha concluso che era necessario "minare la posizione dei moderati [palestinesi]" per perpetuare lo status quo.
Questa mentalità si è rafforzata sotto  Netanyahu. Il suo approccio è stato incentrato sulla repressione della non violenza e della diplomazia palestinese . Non considera, conseguentemente , che minare  la nostra resistenza pacifica  alimenta solo gli estremisti che insistono sul fatto che  queste  tattiche hanno dimostrato di essere uno spreco di tempo.
Nell'Israele di Netanyahu, ci si può sempre aspettare che slogan mainstream attacchino tutte le azioni palestinesi. Pertanto  quando i  residenti di Gaza hanno lanciato la prima protesta popolare  non violenta degli ultimi decenni, la  Grande Marcia del Ritorno, per chiedere un miglioramento della loro esistenza a malapena umana, Israele ha giustificato la repressione della protesta chiamando il nostro non terrorismo  : " terrorismo di pubbliche relazioni ", respingendo la nostra sofferenza come una messa in scena “ Pallywood ”, o “ miseria autoinflitta ” - nonostante il fatto che Gaza  sia diventata invivibile  sotto il blocco di Israele. Quando  i bambini sono stati uccisi al recinto perimetrale di Gaza, la risposta è stata quella di chiamare queste uccisioni  " rituale del sacrificio infantile ".
Allo stesso modo il non violento boicottaggio palestinese di Israele si chiama " terrorismo economico
 Quando i detenuti palestinesi fanno uno sciopero della fame per chiedere dignità, ciò si chiama " terrorismo in prigione ".
Quando tentiamo di rafforzare la presenza palestinese nell'area C della Cisgiordania per mantenere la fattibilità della soluzione a due stati,  ciò si chiama " terrorismo edilizio " e così via.
L'unica cosa che i palestinesi possono fare per evitare di essere chiamati terroristi è sottomettersi al rallentamento della morte sotto l'occupazione e al blocco fino alla nostra scomparsa.
Sfocare la distinzione tra nonviolenza palestinese e violenza dà rilievo solo ai sostenitori di quest'ultima  mentre strangola la prima . I sostenitori della forza direbbero che se veniamo incolpati in entrambi i modi, scegliamo  occhio per occhio, violenza contro l' oppressione. I militaristi si nutrono della disperazione della popolazione e del fallimento di altre opzioni come la diplomazia e la non violenza..
È sorprendente vedere Israele sottoscrivere questo paradigma, rapportarsi alla  diplomazia palestinese e alla non violenza con disprezzo, mentre  Netanyahu  risponde agli occasionali attacchi di Hamas consentendo il  flusso di denaro del  Qatar a Gaza ,  pur di mantenere la calma.
 Israele e  gli Stati Uniti aumentano la pressione su Abbas per porre fine alla collaborazione  tra le forze di sicurezza dell'AP con Israele, alimentando  la resistenza armata in Cisgiordania per scuotere lo status quo.
Israele ha ancora una scelta: può mostrare rispetto e reattività nei confronti della non violenza palestinese e incentivare la pace, oppure può continuare a minare e attaccare tutte le forme di resistenza palestinese, scatenando la violenza.

FORWARD.COM
Right-wing Israelis have twisted language, accusing us of everything from waging “diplomatic terrorism,” to “PR terrorism” to “terrorism in prison.”

Commenti