giovedì 12 maggio 2016

Shany Littman: i genitori che proteggono i loro bambini dal Memorial Day israeliano


Shany Littman : The Parents Who Shield Their Kids From Israeli Memorial Day





  Sintesi personale
Sono passati due decenni dall'ultima volta che ho recitavo la  poesia di Natan Alterman "Piatto d'argento" alla cerimonia della scuola per il Memorial Day, ma ricordo ancora tutte le parole. Allo stesso modo   non dimenticherò mai la delusione sul volto di mio insegnante quando ho scherzato sul   Giorno della Memoria in seconda media.

Per molti della mia generazione i giorni dedicati all' Olocausto e   ai soldati caduti sono ricordati come eventi altamente significativi nelle scuole israeliane  e ,quando si diventa genitori, noi ne traiamo le nostre conclusioni. Il Ministero dell'Istruzione è anche consapevole della trepidazione  che  molti genitori sentono quando, in quei giorni, mandano i loro figli (dai 3 anni fino alla fine della scuola superiore ) a scuola con un top bianco e blu . Gli insegnanti e gli assistenti sono tenuti a trasmettere alcuni dei fatti più duri che segnano la vita degli israeliani.
Molti genitori sono preoccupato per gli effetti  consequenziali  di queste cerimonie :  militarismo, paranoia e horror che terranno i loro figli svegli  fino a notte fonda. Così alcuni optano di non mandare i bambini a scuola in questi giorni. Zimra Vigoda è la direttrice di una ONG araba-ebraica : " Centro per l'uguaglianza  e per la  cooperazione - Negev Istituto per le strategie di pace e sviluppo". E'  madre di quattro figli e vive in Omer vicino a Be'er Sheva  e  ha deciso di non mandare la figlia minore, terza elementare, a scuola nel  Giorno della Memoria   e nel Memorial Day.
Vigoda è nata in Ungheria , cresciuta negli Stati Uniti,  immigrata in Israele poco più di 20 anni fa. Tutti i suoi figli, tre maschi e una femmina, sono nati in Israele. Circa un anno fa la famiglia è tornata da un soggiorno di tre anni nel nord della California, dove si è recata   per  mostrare ai suoi figli "un mondo progressista, multiculturale e non macho"
"Non credo che questa politicizzazione sia appropriata per i bambini della scuola elementare o  della scuola materna.. C'è un cinico sfruttamento di queste cerimonie  al fine di prepararli alla vita militare . I ragazzi capiscono  che è successo qualcosa di  terribile  e che siamo un popolo perseguitato. Poi  arriva   l'Independence Day e qui è la soluzione ".Afferma che i suoi figli, che ora hanno 16 e 17 anni , sono in trepidante attesa per entrare nell'esercito. "L'indottrinamento è già stato completato  e non c'è niente che io possa fare . Non sto dicendo che non ci sia  obbligo di servire il paese, ma penso che il sistema scolastico non consente alcun pensiero critico ".
In Omer il tasso di arruolamento è del 95 per cento, ma militari puntano a  far scegliere le unità d'elite. "Si inizia in età prescolare, non al liceo. Dopo la mia esperienza con i miei tre ragazzi, non voglio  che  mia figlia  riceva i messaggi inviati dal  Ministero della Pubblica Istruzione. Decideremo noi  come  affrontare con lei questi temi  e quando ".

Vigoda, che si dice progressista sionista   non pensa che sia possibile insegnare la Shoah a bambini di età inferiore alla quarta elementare senza traumatizzarli  Nel frattempo, una madre  di due gemelle di cinque anni  , afferma che il calendario scolastico è  quotidianamente un giorno memoriale,sempre più politico-ideologico  .Lei ,così, sta cercando di ottenere l' approvazione del Ministero della Pubblica Istruzione per poter insegnare ai suoi figli  a  casa . " L'intero programma del sistema di istruzione ruota intorno alla nazione .  Ciò contrasta  con la mia formazione  umanista e femminista , non voglio che le mie ragazze  siano  esposte a visioni del mondo nazionaliste   e razziste  che  nulla hanno  a che   fare con la religione  e il giudaismo  . Questo è un paese complesso, questo sistema scolastico  è funzionale al  governo e  a una prospettiva militarista. Non credo che sia un bene per i miei figli  farne parte  " Qual è il suo piano per Independence Day? Sì i fuochi d'artificio sono a posto, così la  bandiera  da portare in giro, come vogliono i bambini .
"La bandiera non ha alcun significato. Ciò che conta è  trasmettere che siamo tutti esseri umani. Non c'è alcuna differenza tra paesi e nazionalità  e l'occupazione è ancora in corso. Forse avrei appeso una bandiera se non ci fosse l' occupazione. Fino a quando qualcuno soffre a causa di questa bandiera , io non voglio festeggiare .  Le bambine sanno della  Nakba e dell'occupazione. Sanno che ci sono israeliani che non sono ebrei, sanno che ci sono palestinesi ". Lei  non pensa che sia proibito parlare con i bambini della guerra, ma deve essere fatto in un certo modo  e non si fida della sensibilità del Ministero dell'Istruzione. Yair Mattias di Tel Aviv, padre di tre figli, due dei quali di età prescolare, afferma che dopo che a sua figlia di  4 anni è stato mostrato un film spaventoso sulla Giornata della Memoria, lui e sua moglie sono diventati diffidenti.  " Cominciamo a diffidare di  tutte le espressioni istituzionali di  lutto . Un uso  che consideriamo cinico e senza senso.  Non mi sembra ragionevole  iniziare  ad affrontare  determinati temi quando i bambini sono così piccoli  . Nel Giorno della Memoria  nostra figlia ci ha parlato di un film   dove tutta una famiglia è stata uccisa  e solo il cane è stato lasciato vivo.Sono quasi  scoppiato a piangere.  Ancora più complessa la situazione nelle scuole superiori. Mio figlio maggiore  l' anno  scorso è tornato dal Memorial Day con questo messaggio: tutti gli arabi vogliono ucciderci e abbiamo bisogno di un forte esercito  . C'è un ragazzo arabo nella sua classe. E sto pensando  che giornata terribile questa deve essere per lui e per i suoi genitori  costretti a imparare questa narrazione sionista orgogliosa. Il nostro vicino non manda a scuola  suo figlio in quei giorni . Così abbiamo adottato l'idea.   I messaggi  sono particolaristici e militaristi  fin dalla  scuola  materna e viene trasmessa questa tesi :  hanno cercato di ucciderci così abbiamo ucciso  . Preferisco tenere i miei figli al di fuori da tutto questo almeno fino a quando  ,mi auguro, di aver instillato qualche tipo di pensiero critico in loro.Meritano per alcuni anni di pensare  che il mondo sia un posto buono e sicuro,la verità la conosceranno  in seguito.  La  Shoah   dovrebbe essere inserita in un contesto un po 'più ampio.  Diciamo chiaramente ai ragazzi  che non è successo solo agli ebrei ,ma anche ad altri popoli . La bellezza dell'infanzia è data dal fatto che i bambini stanno esplorando  il mondo e nulla è per loro scontato . Questo deve   essere incoraggiato  Sono cresciuto come un prodotto del sistema scolastico sionista di Israele e mi ci sono voluti anni per  aprire gli occhi. Voglio dare ai miei figli qualcosa di diverso. "

Shany Littman

Haaretz Contributor
Per saperne di più: http://www.haaretz.com/israel-news/.premium-1.719183

Nessun commento:

Posta un commento