giovedì 31 dicembre 2015

Israele, vietato a scuola libro su amore tra ebrea e arabo




TEL AVIV - È la storia d'amore tra una traduttrice israeliana e un pittore palestinese. Per questo il nuovo romanzo di Dorit Rabiniyan, Borderlife, è stato eliminato dai programmi liceali in Isreale, suscitando non poche proteste e polemiche. La direzione pedagogica del ministero dell'Istruzione, secondo la stampa, ha espresso preoccupazione che la sua lettura fra persone non ancora mature possa spingere a matrimoni misti. Secondo fonti del ministero, una delle ragioni per l'esclusione è che il libro potrebbe "minare" le "identità separate" di ebrei e arabi: "Le relazioni intime fra ebrei e non ebrei, e certamente la possibilità di formalizzarle attraverso il matrimonio e una famiglia - anche se ciò non accade nella storia in questione - sono viste da molti nella società come una minaccia alle identità separate".
 I critici hanno parlato di "teoria razzista istituzionalizzata": Gader haya pubblicato nel 2014, narra la storia d'amore di un'israeliana e di un palestinese, conosciutisi a New York, ma costretti a seperarsi dopo il ritorno a Tel Aviv e a Ramallah.

Boom di vendite. Immediate le reazioni indignate di romanzieri fra cui A.B. Yehoshua e Meir Shalev, mentre nei negozi di libri le vendite del romanzo hanno registrato oggi una forte impennata, tanto che il testo risulta esaurito in molti punti vendita e ora è in preparazione una ristampa. Addirittura, in una graduatoria sul web è divenuto il best seller di Israele.




Borderlife di Dorit Rabiniyan è stato eliminato dai programmi liceali perché, secondo il ministero dell'Istruzione, potrebbe
repubblica.it



2

rabinyan

Romeo e Giulietta in Middle East

La censura in Israele e le paure di un governo fragile

di Fiammetta Martegani, da Tel Aviv

Sul finire del 2015 il comitato scientifico per il programma di letteratura nei licei israeliani ha eliminato dalcurriculum delle letture consigliate per il 2016 il romanzo di Dorit Rabinyan, intitolato in ebraico Gader Aya, che si potrebbe tradurre in italiano letteralmente come “La siepe” ma in inglese é stato tradotto Borderlife “vita di confine”.
Il romanzo parla della storia d’amore tra un’accademica ebrea israeliana e unartista palestinese musulmano, che si conoscono a New York durante gli anni della Seconda Intifada.
L’autrice israeliana, che ha trascorso alcuni anni a New York, dove ha avuto la possibilità di conoscere finalmente da vicino molti suoi “vicini” palestinesi, nel corso di un’intervista radiofonica per Gelei Zahal, la radio ufficiale dell’Esercito Israeliano, racconta di aver deciso di raccontare la storia di questi Romeo e Giulietta in versione Middle East proprio per cercare spiegare le difficoltà, tra israeliani e palestinesi, di capire gli uni il punto di vista degli altri.
Il libro, pubblicato nel 2014, ha vinto numerosi premi sia all’estero che in Israele, ragion per cui molti insegnanti delle superiori in Israele hanno chiesto che venisse incluso nella lista delle letture consigliate per il curriculum di letteratura nei licei, essendo per altro già stati adottati in passato altri romanzi della stessa scrittrice.
Dopo settimane di discussioni tra i vari membri del comitato, il romanzo é stato eliminato dalla lista del curriculum e la ragione ufficiale dell’estromissione é stata che “questo tipo di lettura potrebbe creare situazioni di tensione all’interno delle classi, a causa della già delicata situazione causata dal conflitto arabo-israeliano”.
Naftali Bennett, Ministro dell’Educazione e leader del partito di estrema destra Ha Bait Yeudi (letteralmente “la casa ebraica”), ha replicato che la decisione é stata presa dal comitato scientifico e non da lui, che, in quanto Ministro, si allinea alla decisione del comitato.
Eppure, fin dai primi del Novecento, a partire da Haim Bialik, che in Israele é considerato lo scrittore per antonomasia, al pari del Manzoni in Italia, sono numerosi i romanzi israeliani che hanno trattato il tema dell’amore tra religioni diverse. Tanto per citare due titoli presenti nel curriculum scolastico e tradotti in svariate lingue, tra cui l’italiano, ricordiamo: “La signora e il venditore ambulante” di Shai Agnon e “Un tromba nello wadi” del più contemporaneo Sami Michael.
Molti intellettuali e scrittori israeliani ritengono che l’esclusione del romanzo della Rabinyan sia dovuta al fatto che il romanzo é ambientato ai giorni nostri e quindi potrebbe suscitare effettivamente un vivo dibattito, per altro stimolante, all’interno delle classi.
Per questo si sono schierati in massa a favore della scrittrice e del delicato argomento trattato nel libro, che, a parere loro, sarebbe un’ottimo argomento di discussione nelle scuole.
La scrittrice ha reagito a questo tentativo di censura con grande autoironia, sostenendo che il Ministero dell’Istruzione non poteva fare maggior campagna pubblicitaria al suo romanzo e che si augura che in questo modo molti studenti (e non solo) leggano il suo libro anche al di fuori del contesto scolastico. Cosa che é già avvenuta nel giro di pochissimi giorni, tanto che a una settimana dalla decisione presa dal comitato, il libro ha fatto il tutto esaurito e nessuna libreria in tutta Israele ha più alcuna copia a disposizione, fino alla prossima ristampa.
Bougie Herzog, leader del partito Laburista e dell’opposizione, per la campagna in diesa del libro






Bougie Herzog, leader del partito Laburista e dell’opposizione, per la campagna in diesa del libro
In aggiunta, molti insegnanti, hanno dichiarato che, pur non potendo adottare il testo ufficialmente a scuola, incoraggeranno gli studenti a leggerlo privatamente.
Cavalcando l’onda del fatto che in Israele non si parla d’altro da una settimana, Bougie Herzog, leader del partito Laburista nonché dell’opposizione al governo, ha cominciato una vasta campagna mediatica su Facebook e vari social network mostrando foto che lo immortalano affiancato da studenti con in mano il libro della Rabinyan.
Effettivamente, aldilà della strumentalizzazione politica che viene sempre fatta in questi casi dai vari schieramenti governativi, dallo scorso maggio 2015, ovvero dalla fondazione dell’attuale governoNetanyahu, il caso della Rabinyan risulta già il secondo caso di censura in sei mesi di governo.
Ricordiamo, infatti, che lo scorso giugno 2015 il Ministro della Cultura Miri Regev, numero 5 della lista del partito Likud, il partito della destra diNetanyahuche ha ottenuto il maggior numero di seggi durante le scorse elezioni del 2015, ha deciso di tagliare i fondi ministeriali al Teatro per bambini di Jaffo, poiché il suo fondatore si era rifiutato di recitare in alcuni teatri presenti nelle colonie israeliane dei Territori Palestinesi.
Come aveva affermato David Grossman in seguito a questo primo tentativo di censura, é la censura stessa che spinge scrittori, artisti e intellettuali israeliani a esprimere ancora di più la propria libertà di pensiero e di opinione, specie in un paese la cui ricchezzasta nella diversità, proprio come raccontatonell’affascinante romanzo della Rabinyan, già primo in classifica nel nuovo a


Nessun commento:

Posta un commento