Akiva Eldar : Israele ignora la proposta di pace della Lega Araba


 Sintesi personale
L'esercito  del presidente siriano Bashar al-Assad, i combattenti dell'opposizione e le propaggini di Al Qaeda stanno trasformando la Siria in una rete di cimiteri e di  rovine, il Libano sta crollando sotto il peso di centinaia di migliaia di rifugiati che arrivano dal suo vicino , il regime del presidente egiziano Mohammed Morsi è appeso a un filo  e l'Iran sciita sta suscitando un  calderone bollente.


In mezzo a questa confusione i leader dei paesi arabi che si sono riuniti il ​​26 marzo a Doha, capitale del Qatar, hanno trovato il tempo e l'energia per affrontare il gelo diplomatico dei negoziati israelo-palestinese, dell' occupazione e degli  insediamenti riaffermando  l' iniziativa di pace del 28 marzo 2002. E, come fanno ogni anno  i  vertici politici di Israele hanno ignorato  i piano di pace storico . La decisione del vertice di inviare una delegazione speciale a Washington nel mese di aprile per rilanciare i negoziati in stallo, non ha provocato alcuna reazione.
  Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha utilizzato l' instabilità  regionale  come un motivo o pretesto, per porre il suo governo in una  posizione di stallo  sul fronte palestinese e indirizzare   l'attenzione sull'Iran . I  leader dei nuovi regimi hanno nuovamente affermato il loro piano di pace, per la seconda volta dallo scoppio delle rivoluzioni nella regione.:  Israele abbandoni i territori del 1967 ,  in cambio saranno normalizzati i rapporti  con tutti gli Stati islamici,
Lo studioso  del Medio Oriente, il Dott. Matti Steinberg  non  ha trovato alcun riferimento alla questione del diritto al ritorno - quella che scoraggia la maggior parte degli israeliani. Il riferimento alla questione dei profughi è fatto di sfuggita  : la soluzione deve essere giusta e concordata sulla base della risoluzione 194 delle Nazioni Unite (che si riferisce al ritorno dei rifugiati nei loro luoghi di residenza e la restituzione delle loro proprietà). . Si può quindi dedurre che la delegazione della Lega araba concentrerà i suoi dibattiti a Washington il mese prossimo sulla questione territoriale e cercherà di parlare con l'amministrazione americana per  costringere Israele a presentare una propria soluzione  per un accordo permanente. E 'la prima volta che la Lega Araba condurrà colloqui ufficiali con gli Stati Uniti circa la soluzione del conflitto israelo-palestinese come parte di un accordo regionale.
Il nuovo segretario di Stato americano, John Kerry ha sulla sua scrivania la  proposta di sostituire i negoziati bilaterali tra Israele e palestinesi  con una piattaforma multilaterale. L'accettazione dell'iniziativa araba, come la base di un accordo permanente tra Israele ei suoi vicini ,consentirà il rinnovo dei canali multilaterali istituiti a seguito della conferenza di pace di Madrid del 1991 sui temi della sicurezza regionale, i rifugiati, l'acqua e lo sviluppo economico e ambientale. Parallelamente quando in Siria ci sarà  un regime stabile , il nuovo regime sarà invitato a rinnovare i negoziati sulla base dei principi della iniziativa. I negoziati con il Libano, iniziati a Madrid, saranno rinnovati.
L'accettazione dei principi dell'iniziativa araba , come la base per un accordo permanente sul conflitto israelo-palestinese, consentirà un progresso graduale verso i negoziati finali  . Questo, secondo il percorso tracciato nella  road map del Quartetto (che segnerà il suo 10 ° anno di esistenza).  La road map [introdotta dal presidente Bush nel 2002] afferma che l'accordo raggiunto nei negoziati tra Israele e palestinesi si baserà  ( approvata  al vertice della Lega araba a Beirut), sull' accettazione di Israele  nel contesto di un accordo globale. La road map precisa inoltre: "Questa iniziativa è un elemento essenziale degli sforzi internazionali per promuovere, tra l'altro,  una pace globale  siro-israeliana e israeliana  -libanese."
I negoziati con i palestinesi sotto l'egida della Lega Araba e l'Organizzazione degli Stati islamici, tra cui la Turchia, potrebbero    rafforzare  il governo di Benjamin Netanyahu in modo da affrontare , così, i passi successivi:  il riconoscimento di uno Stato palestinese, il trasferimento graduale delle terre in Cisgiordania ,  un disegno di legge in materia di "sfratto e risarcimento" per i residenti degli insediamenti a est della barriera di separazione. La  volontà di Israele di adottare l'iniziativa araba  aiuterebbe  gli Stati Uniti  a fare pressione  verso gli altri stati arabi che non hanno rapporti con Israele  ed accelerare i passi verso la normalizzazione.
Il vertice arabo di Doha dimostra che i nuovi regimi arabi, come quelli che li hanno preceduti, considerano la risoluzione della questione palestinese come la chiave per rafforzare la loro legittimità. un  modo,inoltre,  per risolvere il problema siriano e  impedire che venga trasformato in una base per l'Iran o la jihad globale attraverso Ramallah e Gerusalemme.Netanyahu Will Ignore Arab League's Land-Swap Proposal
lunedì 6 settembre 2010Akiva Eldar : i palestinesi , l'Iran e il Piano di Pace araboRifiutare piano saudita vuol dire rafforzare l'estremismo
Un Israele contro la pace è un pericolo per i suoi cittadini . Il nuovo piano araboLega Araba, Arabia Saudita e il riconoscimento entro i confini del 1967
Con Zvi Bar'el : la perdita di ruolo di Israele nell'agenda geopolitica e il piano saudita
Bernard Guetta : Israele crede nella pace?
 
Merav Michaeli :Israele sta perdendo un'altra opportunità per la pace : dal Piano saudita all'attuale posizione di Hamas e di Abu Mazen
Sergio Della Pergola: il 67,5 degli arabi favorevole a negoziati con Israele
Israele - Iran all'interno dello scontro tra sciiti e sunniti.
 
Yitzhak Laor : Israele non è al centro del mondo o del Medio-Oriente
Akiva Eldar: quando l'arroganza israeliana incontra l' onore arabo
Carlo Strenger : la conferenza di Doha e il fanatismo miope del governo israeliano

Commenti