Amira Hass :L'occupazione sta determinando l'inquinamento ambientale

Sintesi
Due membri del consiglio stanno davanti al deposito dell'immondizia di Beit Liqia . Qui la gente brucia l'immondizia ,producendo dense e puzzolenti nuvole nere . Intorno ci sono boschetti di olive che nessuno raccoglie più È impossible accusare i membri del consiglio - Hassan Mfarja di Beit Liqia e Naji Jamhur di Beit Anan - di non conoscere che cosa accade alle falde acquifere, avendo partecipato a corsi di formazione sull'eliminazione dei rifiuti.Il loro sogno è quello di creare un deposito lontano dalle case per proteggere, così ,l'ambiente Ma la gestione civile ha pavimentato il sentiero e ha confiscato il camion,in quanto zona C(sotto il controllo israeliano ) e i villaggi,che Israele spera di inglobare, sono inclusi in questo settore (comeil 60%della Cisgiordania) L'ipotesi di giudaizzazione è a rischio ,vista l'espansione palestinese nel territorio. Per questo Israele non permette ai Palestinesi nè di costruire sulla propria terra ,facendo assomigliare i villaggi ad un accampamento di rifugiati,nè di collegare i villaggi con una rete idrica Per 4 anni i Palestinesi hanno condotto sfibranti trattative con l'IDF per poter avere un un efficiente deposito,finanziato dalla Germania, e poter smaltire ,così,i rifiuti nel distretto di Ramallah,Alla fine le autorità hanno acconsentito che venisse costruito nella zona C,ma non nella zona B(controllo amministrativo palestinese e controllo militare israeliano)Tutto questo avverrà non prima del 20010-2011
E che cosa accadrà fino ad allora? Nel distretto di Ramallah, una superficie di 960 chilometri quadrati, prima del 2000, ci erano 45 depositi . Il numero si è raddoppiato a causa della molteplicità dei blocchi stradali e delle barriere con conseguente "suicidio" finanziario per i Palestinesi I comuni non hanno reddito
sia a causa della proibizione di costruire nella zona C sia per l'impoverimento generale derivanti dalle restrizioni.Per il governo israeliano l'occupazione conta molto di più della qualità dell'ambiente
Articolo

Commenti