A Giornalista del Jerusalem Post negato visto dall'Arabia saudita, a giornalista araba -americana negato il visto da Israele

 

The fuss ‘The Jerusalem Post’ made about its correspondent being denied entry to Saudi Arabia on religious, racial or national...
972mag.com
 Sintesi personale
Venerdì scorso, Presidente degli Stati Uniti Barack Obama è atterrato in Arabia Saudita. E 'stata una visita turbine per rassicurare il re Abdullah che, anche se gli Stati Uniti avevano fatto marcia indietro per un  intervento in Siria, avrebbe continuato a negoziare con il Regno Saudita rivale dell' Iran   Washington è ancora molto interessato al petrolio  che il regno del deserto ha da offrire. Sebbene la maggior parte dei giornalisti al seguito  del presidente Obama hanno i visti necessari per accompagnare la visita presidenziale senza un problema, a  Michael Wilner, Jerusalem Post corrispondente dalla Casa Bianca,  è stato negato il visto per recarsi in Arabia Saudita.Il Jerusalem Post ha condannato l'azione di esclusione , definendola  antisemita. In uno dei quattro articoli aventi come oggetto l' esclusione del suo giornalista,la  redazione del giornale ha chiesto : "Come dobbiamo interpretare il  trattamento grossolano dell'Arabia Saudita al The Jerusalem Post, l'unico  quotidiano  israeliano in inglese  ?"
A me è successo questo
Era mezzanotte sulla pista all'aeroporto Ben-Gurion quando il mio aereo è atterratoPochi mesi prima, dopo sette ore di un  lungo interrogatorio al confine israeliano, avevo giurato che non avrei mai più messo piede al  Ben-Gurion Airport. Tuttavia, ma ero  stata invitata a partecipare a una conferenza presso il Centro Interdisciplinare di Herzliya  : invito in lingua ebraica e numeri telefonici di 4 bravi ragazzi ebrei disposti a garantire per me .
Quattro ore dopo ero su un aereo per Istanbul e bandito da Israele per 10 anni.
Vi risparmio i dettagli della interrogatorio, come ho scritto  qui , qui e qui . 
Come Michael Wilner  io sono una giornalista professionista e aveva uno scopo professionale per la mia visita in Israele.
Come Michael Wilne mi è stato molto probabilmente negato l'ingresso in base  a criteri razziali, religiosi e politici  (nel mio caso Palestina, nel suo caso Israele). Sia l'Arabia Saudita che Israele sono rinomati per fare questo. L'Arabia Saudita concede un trattamento preferenziale ai visitatori stranieri musulmani e ha negato l'ingresso agli americani in passato.
A differenza di Michael Wilner io non sono un caso unico. Io sono una dei tanti-arabi e musulmani-americani ai quali viene negato l'ingresso in Israele  e conseguentmente in Palestina, territorio occupato e controllato da Israele 
A differenza di Michael Wilner non avevo il  supporto dalla Casa Bianca . Da esperienze di altre persone so che se avessi chiamato Ambasciata degli Stati Uniti o il Dipartimento di Stato, mi  avrebbero chiesto se ero ebreo e non essendolo  non mi avrebbero aiutato. Mentre un cittadino statunitense abusivamente detenuto in Siria, Libano o Iran avrebbe suscitato simpatia e condanne per la crudeltà di  tali regimi.  
Certo ci sono stati alcuni passi nella direzione giusta di recente. Dopo una polemica infinita, gli Stati Uniti sembrano  pronti a negare ad Israele l'esenzione dal visto  , citando la politica di Israele che discrimina apertamente i viaggiatori arabi e musulmani - anche tra coloro che nel passaporto riportano un messaggio personale  di  John Kerry  che gentilmente chiede che al titolare sia consentito "di passare senza ritardi o ostacoli."
Proprio ieri, un altro editoriale del Jerusalem Post ha riconosciuto il  rifiuto di Israele all'ingresso di musulmani e arabo-americani.,ma invece di condannare  ha suggerito che il famigerato profiling razziale di Israele dovrebbe essere unn modello per tutti .
Il mio cuore va a Michael Wilner. Come giornalista bandito da un paese, so quanto sia frustrante non essere in grado di fare il proprio lavoro -
Ma non abbiamo organizzato Israele con gli stessi standard su questi temi?Intanto non ci sarà nessun boicottaggio del petrolio saudita . Anna Lekas Miller is an independent journalist based in Brooklyn, NY. She writes about Israel/Palestine, the Middle East and Arab-America and tweets the daily antics of her #browngirlproblems @agoodcuppa. She is currently working on a book about Palestinian-Americans banned from Israel and Jewish-Americans traveling on Birthright. Check it out here.
Related:
When racial profiling is a national policy
‘No Falasteen for you!’ Shin Bet banned me from Israel for 10 years
An end to humiliating airport searches?
Israeli discrimination against Arab-Americans could hold up visa waiver for Israelis

Commenti

Post popolari in questo blog

Ben Caspit : Mentre i colloqui di Vienna continuano, Israele si prepara a una possibile guerra contro l'Iran, Hezbollah

Zehava Galon : La violenza dei coloni è parte integrante dell'occupazione israeliana

Haaretz : Spyware NSO israeliano trovato sui telefoni dei funzionari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti

Aziza Nofal : Betlemme spera nel miracolo di Natale mentre la nuova variante ferma i visitatori