Gideon Levy : sdradicate lo stato ebraico

 

 Sintesi personale

La chiamata agghiacciante del titolo può essere ascoltata, con poche eccezioni, in soli due paesi: Iran e Israele. Nel primo  nei raduni di massa, come un mezzo degradante di incitamento, nel secondo, il sentimento è attribuita a mezzo mondo, come misera tattica intimidatoria.
Lasciamo da parte dell'Iran - queste manifestazioni invocano  anche la distruzione degli Stati Uniti, e il tono dei suoi leader è ora  cambiato.
In Israele  la questione è l'angoscia esistenziale profonda e la campagna di paura e di incitamento che  la intensifica: Quasi tutti i leader della destra sfruttano  cinicamente la paura di "sradicamento" di Israele per le proprie motivazioni politiche.
Sia in Iran   che in Israele  vi è la consapevolezza che la minaccia è oziosa.
Nessun altro al mondo parla della distruzione di Israele.Si può criticare Israele indebitamente,  chiamare per boicottare e isolare lo Stato, combattere l'  occupazione. Si chiede un cambiamento di regime o almeno un cambiamento di tono - ma nessuno parla seriamente di eliminare di Israele.
Un parlamentare europeo che osa mettere in discussione la crisi idrica dei palestinesi nei territori non  auspica di eliminare Israele. Gli intellettuali che chiamano al boicottaggio di Israele non immaginano la sua scomparsa.
Imprenditori che recidono i legami con società israeliane invischiate con l'occupazione non stanno pensando di distruggere lo Stato. Attivisti dei diritti umani e della pace , leader del movimento BDS e anche i cronisti dell' estrema-sinistra ,nessuno di loro vuole la distruzione di Israele.
Quasi tutti i leader degli stati arabi   hanno da tempo fatto la pace con l'esistenza di Israele  e anche la maggioranza dei palestinesi sa che il sogno di buttare gli israeliani in mare, se mai esistita, non potrà mai avverarsi .
Con l'eccezione di alcuni antisemiti, marginali e illusi, nessuno ci pensa. Solo noi israeliani  continuiamo ad  aggrapparci al concetto: Attenzione, annientamento . Israele è una potenza regionale dotata  di quasi ogni tipo di arma , economicamente e scientificamente avanzata,riconosciuta dalla maggior parte dei paesi nel mondo, un membro di quasi tutte le importante organizzazione internazionale e con un 'influenza globale che supera di gran lunga la sua dimensione, un alleato della superpotenza del mondo, eppure Israele sostiene che la sua esistenza è in pericolo. E 'una stronzata.
La battaglia internazionale è ora sul carattere dello Stato e, soprattutto, sulla sua moralità. Così come nessuno pensava di sradicare Sud Africa, ma solo di cambiare il regimen ,come per   l'Unione Sovietica, l'Iran o la Corea del Nord, così nessuno sta pensando di eliminare Israele.
Anche le persone che appoggiano l'istituzione di un laico, democratico, stato binazionale non parlano di  distruggere lo Stato, ma solo di cambiarne il carattere.
Questa eliminazione è un'invenzione israeliana che serve apparentemente agli  scopi di Israele. Per mezzo di questa arma gli israeliani possono tornare dove  stanno meglio : nel ruolo della vittima. Se il mondo cerca di distruggere noi, allora abbiamo sempre ragione.
Cosa si può dire di uno stato che è a rischio di eliminazione? Che ha la licenza di fare tutto il necessario per salvare sé. E cosa si può dire al mondo che vuole distruggerlo ? Che è pericoloso e ingiusto. Ma quel mondo, compreso parte del mondo arabo, ha  abbracciato Israele dopo la firma degli Accordi di Oslo. Cosa è successo allora dei  piani per la distruzione di Israele?
Sullo sfondo, naturalmente, è la memoria della Shoah , sfruttata completamente. "Distruzione di Israele", ricorda ciò che non può mai essere dimenticato, i campi di sterminio e le camere a gas.
Essa ricorda anche qualcosa che Golda Meir disse una volta  a Shulamit Aloni: dopo l'Olocausto, gli ebrei sono autorizzati a fare qualsiasi cosa.
Ancora una volta, il problema è il contatto con la realtà. Gli israeliani che si chiedono con ansia se lo Stato esisterà ancora tra  20 anni   e sognano di ottenere un secondo passaporto, dovrebbero  porsi una  diversa  domanda non meno impegnativa : circa il carattere del loro stato, i cui pericoli si trovano per lo più all'interno. Pochi si pongono questa domanda. Siamo troppo impegnati con la questione dell'esistenza per trattare con i principi. Attenzione: pericolo esistenziale immaginario avanti.

Commenti

Post popolari in questo blog

2300 rabbini condannano la decisione di etichettare i gruppi palestinesi per i diritti umani come terroristi.T’ruah attacca NGO MONITOR

Rasha Abou Jalal : I tribunali tribali governano la Palestina con tradizioni spietate

Gideon Levy Non c’è destra o sinistra in Israele, solo sionismo e non sionismo

Jonathan Pollak : B'Tselem, Yesh Din, è ora di chiudere