Yesh Din ; L'IDF e la cultura della menzogna


Da Yesh Din, scritto da Yossi Gurvitz

L'arresto di 'B' vicino al suo villaggio, Krayut. (Foto per gentile concessione di Yesh Din)
Sintesi personale 

Questo è il caso di  B. Lui è un residente del piccolo villaggio di Qaryut. Alcune delle terre del villaggio sono state  rubate  dopo la creazione dell' avamposto di Adei Ad , come abbiamo documentato ampiamente  e  funge  da coordinatore social media del villaggio: è un fotografo e mantiene i contatti con le ONG. All'inizio di settembre una manifestazione non violenta si è tenuta in paese per protestare contro il blocco eretto a sud del paese  costringendo  gli abitanti  a percorrere circa 18 km per raggiungere il centro del paese, invece di due. B. ci ha detto che crede che la ragione del blocco abbia  poco a che fare con la sicurezza. Il vero fine è spingere gli abitanti alla disperazione in modo di permettere ai coloni di prendere in consegna le loro terre . L'evidenza mostra che ha  ragione .
Secondo B.la manifestazione è stata pacifica, ma nonostante ciò , come di consueto, l'IDf ha reagito violentemente. B è stato arrestato brutalmente,  I soldati hanno continuato a picchiarlo anche dopo averlo ammanettato  . E 'stato trascinato nella jeep dove i soldati  hanno sbattuto  la sua  testa  sul pavimento e contro le  pareti   del veicolo e lo hanno più volte schiaffeggiato  . Nel portarlo  fuori dalla jeep  gli hanno sbattuto la testa contro la  porta.
B.  è stato portato in un avamposto militare vicino a Sinjil, soprannominato Ha'Karon (il vagone ferroviario). Poi è iniziata  la procedura nota per ogni soldato che ha prestato servizio nei territori anche se raramente menzionata: B. è stato fatto sedere  , legato e bendato,preso a calci e picchiato,anche con i manganelli,  dai soldati che passavano da  lì fino a quando  non è svenuto . Poi hanno gettato acqua su di lui per fargli riprendere i sensi  e   gli hanno  permesso di vedere un dottore. Il medico femminile gli ha chiesto  dove provava dolore  e perché  era coperto di sangue. B. ha spiegato  che tutto questo  era una conseguenza della tortura. I soldati che erano presenti sono scoppiati  a ridere, il dottore si è unito  a loro. Secondo B. è stato  deliberatamente falsificato il referto medico.
B. è stato  di nuovo  legato e bendato. I soldati lo hanno portato alla stazione di polizia di Binyamin, dove la polizia ha rifiutato di prenderlo in consegna   e hanno detto  ai soldati di tornare la mattina dopo . Questo era di  troppo disturbo per i soldati : lo hanno abbandonato legato e bendato  in una strada vicina  gettandolo fuori dal veicolo dopo averlo malmenato di nuovo .  B. è riuscito a tornare a casa.
Niente di tutto questo è nuovo. Questo accade  quasi ogni giorno in Cisgiordania. E 'ben noto a tutti coloro che hanno servito lì, anche se la pratica è quella di mentire. 
.La tortura dei detenuti non è qualcosa di cui  si può parlare. E 'indifendibile 
 Medici militari falsificano i loro rapporti e hanno gli occhi della corte sono coperti . Le  bugie  non si limitano alle  torture effettuate  durante gli interrogatori, ma  includono le forme quotidiane comuni di tortura destinate  a punire e a dissuadere.I soldati che mentono per nascondere queste realtà ai loro superiori, imparano a farlo anche in altre situazioni e a ricattare.
Questo è il significato letterale della frase "l'  occupazione corrompe" e  la società israeliana è responsabile di questo degrado fingendo di non sapere

Related:

IDF on Bil’in: spins, half-truths and lies
‘How speaking out about the occupation nearly landed me in jail’
Why soldiers don’t ‘break the silence’ to the IDF  Written by Yossi Gurvitz in his capacity as a blogger for Yesh Din - Volunteers for Human Rights. A version of this post was first published on Yesh Din’s blog.
For additional original analysis and breaking news, visit +972 Magazine's Facebook page or follow us on Twitter. Our newsletter features a comprehensive round-up of the week's events. Sign up here.

Israele, abusi sui detenuti quasi sempre senza colpevoli

Commenti

Post popolari in questo blog

2300 rabbini condannano la decisione di etichettare i gruppi palestinesi per i diritti umani come terroristi.T’ruah attacca NGO MONITOR

Rasha Abou Jalal : I tribunali tribali governano la Palestina con tradizioni spietate

Gideon Levy Non c’è destra o sinistra in Israele, solo sionismo e non sionismo

Jonathan Pollak : B'Tselem, Yesh Din, è ora di chiudere