Il sindaco di Ariel Ron Nachman: Il governo israeliano incoraggia il boicottaggio dei prodotti delle colonie


Il governo sta fornendo agevolazioni alle multinazionali che trasferiscono gli stabilimenti fuori dalla Zona Industriale di Barkan, afferma il sindaco di Ariel.
Leader industriali e funzionari del governo, tra cui il vice primo ministro Silvan Shalom e il Ministro dell'Industria, del Commercio e del Lavoro Shalom Simchon, hanno partecipato questa settimana all'inaugurazione del nuovo stabilimento di Beigel & Beigel a Tzfat. Tutti hanno lodato l'apertura della fabbrica, dicendo che sarebbe di grande beneficio per l'economia locale e aiuterà l'azienda a crescere.
Assente alla manifestazione Ron Nachman, il sindaco della colonia di Ariel - che ha perso la battaglia per convincere i funzionari di Unilever a mantenere la fabbrica della controllata Beigel & Beigel che produce snack nella sua sede originale nella zona industriale di Barkan, nei pressi di Ariel.
Unilever ha deciso di spostare la fabbrica dopo che gruppi europei hanno organizzato un boicottaggio dei prodotti Unilever a causa del fatto che la società possedeva una fabbrica nella "Cisgiordania occupata."
Parlando a Arutz Sheva, Nachman ha denunciato quello che ha definito un trend di chiusura degli stabilimenti a Barkan. "Molte aziende israeliane che sono state acquisite da parte di multinazionali e avevano strutture a Barkan sono state trasferite altrove, all’interno della linea di armistizio del 1948."
Altre società che si sono trasferite dalla zona industriale negli ultimi mesi comprendono MultiLock, produttori di porte e serrature per Rav Bariach, che per anni ha avuto sede a Barkan, ma è stata spostata dopo che è stata acquistata da una società svedese, insieme alla Barkan Winery, che è stata spostata in kibbutz Hulda dopo la riorganizzazione dell’azienda (che ha mantenuto il nome di Barkan per i suoi vini). "Ho autorizzato la creazione della fabbrica Beigel & Beigel oltre 20 anni fa, ed è stata un’azienda meravigliosa, e tutto ad un tratto Unilever l’acquista e a causa della politica si sposta a Tzfat."
La cosa peggiore, ha detto Nachman, è che la società è stata premiata per lo spostamento a nord – ricevendo agevolazioni fiscali e per la costruzione che spettano a società che aprono in zone periferiche. In questo senso, ha detto Nachman, il governo sta incoraggiando il boicottaggio internazionale della Giudea e della Samaria (Cisgiordania occupata, ndt).
"Ci sono gruppi che vogliono distruggere le aziende della Giudea e Samaria, ma nessun ministro del governo si interessa a questo problema. Prima sono stati i palestinesi a boicottarci, dopodiché i sudafricani, e ora gli israeliani stanno portando via le nostre fabbriche. Dove sta il governo di Israele in tutto questo"?
Nonostante tutto, Nachman ha detto che non avrebbe rinunciato alla lotta, la pressione non farà altro che spingerlo sempre di più a difendere la zona industriale di Barkan. "La nostra economia locale è fiorente, e le aziende sono interessate ad aprire fabbriche nelle nostre zone industriali. Non importa quanto si cerca di farci del male, noi prospereremo".
Rispondendo ai commenti di Nachman, un funzionario di Unilever ha detto che il trasferimento a Tzfat non aveva nulla a che fare con la politica, ma era dovuta alla "logistica", con il nuovo stabilimento situato accanto alla fabbrica Unilever di Vered HaGalil, che sta a Tzfat da 26 anni. Lo scopo del trasferimento è stato quello di centralizzare la produzione di tutti i settori alimentari dell’Unilever in Israele, ha detto il portavoce.
Unilever continua a mantenere una fabbrica nella regione meridionale, nella città di Arad Negev - situata all'interno della linea del armistizio del 1948 - in cui l'azienda produce cereali per la prima colazione ed altri prodotti.
 
Fonte: Arutz Sheva
Traduzione di BDS Italia
Il sindaco di Ariel Ron Nachman: Il governo israeliano incoraggia il boicottaggio dei prodotti delle colonie

Commenti

Post popolari in questo blog

2300 rabbini condannano la decisione di etichettare i gruppi palestinesi per i diritti umani come terroristi.T’ruah attacca NGO MONITOR

Rasha Abou Jalal : I tribunali tribali governano la Palestina con tradizioni spietate

Gideon Levy Non c’è destra o sinistra in Israele, solo sionismo e non sionismo

Jonathan Pollak : B'Tselem, Yesh Din, è ora di chiudere