Israele, raid con cani e bastoni per umiliare i detenuti palestinesi



di Carlo M. Miele
Osservatorio Iraq, 6 luglio 2010

Nel carcere di Megido le autorità israeliane farebbero regolarmente ricorso a cani e bastoni allo scopo di umiliare e terrorizzare i prigionieri A riferirlo sono alcuni detenuti palestinesi, che hanno raccontato la propria drammatica esperienza ai funzionari del ministero dei Detenuti dell’Autorità nazionale palestinese (Anp). La scorsa settimana – si legge in un comunicato ufficiale del ministero – le guardie della prigione sono entrati dopo la mezzanotte all’interno di diverse celle e hanno lanciato gas lacrimogeni e colpito i detenuti con bastoni, causando ferite a diversi di loroe guardie – si legge nel testo, citato dall’agenzia di stampaMa’an – si sono difese dalle accuse affermando di essere alla ricerca di alcuni telefoni cellulari. Ma la vera ragione dei raid sarebbe stata quella di “umiliare i prigionieri”. Il comunicato del ministero riporta anche la testimonianza di Musa Khouli, detenuto palestinese originario di Tulkarem, secondo cui i raid nella prigione israeliano di Megido avvengono da tempo, ma si sono intensificati nell’ultimo periodo.
Un’affermazione, questa, confermata dagli stessi funzionari dell’Anp, secondo cui i raid notturni nelle celle non sono un’esclusiva del carcere di Megido ma avvengono anche in altre strutture israeliane, come ad esempio quella di Ofer.Israele, raid con cani e bastoni per umiliare i detenuti palestinesi
allegato

Commenti

Post popolari in questo blog

2300 rabbini condannano la decisione di etichettare i gruppi palestinesi per i diritti umani come terroristi.T’ruah attacca NGO MONITOR

Rasha Abou Jalal : I tribunali tribali governano la Palestina con tradizioni spietate

Gideon Levy Non c’è destra o sinistra in Israele, solo sionismo e non sionismo

Jonathan Pollak : B'Tselem, Yesh Din, è ora di chiudere