Chemi Shalev L'invettiva di "Go Home" di Trump richiama l'incitazione nazista contro gli ebrei

Sintesi personale 

Nel 1938, la società tedesca Gunther and Co. uscì con   un gioco da tavolo nuovo di zecca, "Juden Raus." I partecipanti al gioco, che divenne immensamente popolare, dovevano  estrarre cittadini ebrei dalle loro città tedesche e portarli in "punti di concentrazione", dove era appeso uno striscione con la scritta "Auf nach Palästina!" - Off to Palestine. Il giocatore, che riusciva a  trasferire con successo sei ebrei dalla Germania alla Palestina ,vinceva .
La creazione del gioco non aveva nulla a che fare con il  partito nazista  o con i suoi funzionari che in realtà protestarono, in quanto  non metteva sufficientemente in risalto i loro stupendi risultati. Per Gunther e Co  il nuovo gioco era un'impresa strettamente commerciale. Nella sua promozione, la società si è vantata del fatto che Juden Raus era un gioco "moderno e brillante per adulti e bambini". Dopo cinque anni di dominio nazista espellere gli ebrei da " dove venivano" era naturale e desiderabile come comprare Boardwalk e Park Place.
Donald Trump , ovviamente, non è un nazista, ma sembra spesso attingere allo stesso libro di esercizi. Forse la sua ispirazione proviene dalla raccolta di discorsi di Adolf Hitler  riportati nel suo  libro "New Order", che Trump teneva accanto al suo letto, secondo la sua ex moglie Ivana. In linea di principio e, nonostante il convenzionale  tabù sul "confronto",  è difficile capire la differenza tra i grandi cartelli appesi fuori dalle città tedesche che dichiarano "ebrei, vai nella tua terra, nella nostra terra sappiamo già chi sei"  e il suggerimento di Trump alle  quattro parlamentari democratiche   di tornare nei  loro paesi  che precedentemente definiva "ciarlatani". Entrambi provengono dallo stesso tossico pozzo nero della divisione e dell'odio, mentre definiscono il diverso come un "altro" alieno e pericoloso al fine di promuovere obiettivi politici e ideologici.
Fatta eccezione per Ilhan Omar, nata in Somalia e immigrata in giovane età, le altre tre donne del Congresso  sono cittadine statunitensi . Rashida Tlaib è nata nel Michigan da genitori palestinesi, Alexandria Ocasio- Cortez è nata a New York da genitori portoricani e Ayanna Pressley è nata a Chicago da genitori americani. Le  quattro, ora soprannominate "la Squadra", sono in prima linea nell'ala radicale progressista del Partito Democratico, sono acute e schiette,  anti-Israele  a livelli diversi  e, si presume,   anti-semite borderline .Ma è molto dubbio che Trump avrebbe attaccato le  quattro all'unisono se non fossero state  contemporaneamente donne e non-bianche. Il mix letale è stato il pugilato preferito da Trump da quando ha lanciato la sua campagna presidenziale nel 2015. Si riserva la più viziosa retorica per le donne nere, come per 'ex consulente democratica Donna "disonesta e criminale"Oltre a dare vita ai suoi oscuri e discutibilmente istinti razzisti, gli attacchi di Trump hanno obiettivi politici chiari: distogliere l'attenzione dalle sue difficoltà, che attualmente includono uno scontro crescente con il Congresso, critiche ai  campi di detenzione per immigrati  ,   evidenziare come  il partito democratico stia  virando a sinistra e suscitare confusione e imbarazzo tra i suoi rivali; fornire ai suoi fan frenetici una paura e un disgusto sufficientemente potenti da riportarlo nella Casa Bianca nel 2020. 
In  Israele questo stratagemma è fin troppo familiare.    Trump cerca di contaminare i Democratici con  le dichiarazioni radicali, percepite come tali,  della  Squadra, anche se il rovescio della medaglia è che sta costringendo i leader democratici a stare al loro fianco e legittima così le stesse opinioni che cerca di minare. Non ha esitato  a citare  Israele a suo favore , anche se lo ha fatto nel suo solito modo ridicolo: Trump sostiene che a causa delle quattro donne del Congresso, delle quali la maggior parte degli israeliani non ha mai sentito parlare, Israele si sente "abbandonato" dagli Stati Uniti, "dimenticando" l'affermazione di Benjamin Netanyahu che il pubblico israeliano adora Trump per il suo supporto storico senza precedenti per il loro paese.

L'iniezione di Israele nel litigio di Trump con i Democratici, tuttavia, infligge danni diretti alla sua immagine e alla sua posizione, sia nel presente che nel futuro. Rafforza la divisione partigiana su Israele e lo identifica con la vile retorica di Trump. Si allarga anche il divario tra gli ebrei americani ,che sono inorriditi dalle parole di Trump e le  considerano un avvertimento per il futuro, e Israele  che ammira Trump ed è  indifferente alle sensibilità ebraiche americane e tace sulle sue esplosioni razziste. Trump sta guidando un cuneo tra Israele e il Partito Democratico .
Come nel caso del Likud di Israele e del loro leader Netanyahu, ma migliaia di volte di più , le invettive di Trump evidenziano l'immoralità  nella  quale è affondato il partito repubblicano: si è trasformato da Grande Vecchio Partito in una squadra di cheerleading che si prostra davanti al suo padrone, non importa quello che dice o fa. Sia per paura o speranza di favori o per entrambi, la debolezza dei repubblicani riecheggia anche la condotta di partiti politici  che ,allo stesso modo privi di spina dorsale, facilitarono, ma successivamente furono affossati dai tiranni più malvagi del XX secolo. 
 Ma i demoni scatenati da Trump in America non si fermano sulle sue rive. Vagano in tutto il mondo, dando un sigillo presidenziale americano di approvazione allo sciovinismo, all'etnocentrismo, al razzismo e all'odio verso gli stranieri e gli immigrati,. Dal momento che Trump  è sempre più estremista , i suoi emulatori di tutto il mondo - compreso il consistente contingente israeliano - possono sempre evidenziare quanto siano moderati in confronto. Se Trump può raffigurare Congresswomen nati negli Stati Uniti come alieni che dovrebbero andarsene, chi può lamentarsi degli israeliani che credono che i cittadini arabi di Israele dovrebbero essere espulsi?
 Trump, Earl of Israel, Cyrus reborn, the man that Miriam Adelson believes merits a bible book in his honor, is also the Raj of Racism, Prince of Prejudice, Marquis of Malice, Viscount of Venom, Maligner of Minorities and Detester of DemocracyIl saggio  Shlomo Ibn Gvirol ha detto che "Colui che semina l'odio raccoglierà rimpianti", ma non conosceva Donald Trump, il quale non  riconosce rimpianti, pentimento o persino un errore  anche se  questo lo colpisce  in faccia.
Molti israeliani fanno il tifo per lui. Tristemente, un gran numero si identifica anche con le sue osservazioni di esaltazione della razza, specialmente quando queste sono dirette ai legislatori musulmani con un animus anti-israeliano. La storia del popolo ebraico come una minoranza perseguitata, rappresentata perennemente come "l'altro", non importa quanto tempo abbiano vissuto nello stesso luogo, non sembra parlarci più. Il  venerato poeta-columnist israeliano Natan Alterman una volta ha chiesto, in un contesto leggermente diverso: "Dove metteremo la nostra vergogna?"
Articolo in inglese qui 

Commenti

Post popolari in questo blog

Netanyahu si è affrettato a denunciare l'antisemitismo di Yair Lapid -. Per 5 volte è rimasto in silenzio. Antisemitismo giudaico?

Ugo Tramballi KASHMIR, UNA PALESTINA SULL'HIMALAYA