Editoriale di haaretz : la legge dello Stato nazione è discriminante verso le minoranze non ebree

Sintesi personale




In una discussione urgente di martedì   una commissione incaricata di  far avanzare la legge dello stato nazione, ha approvato la nuova versione del disegno di legge per il voto preliminare della Knesset. Il disegno di legge nazionale costituisce l'obiettivo principale  del governo di destra e mira a violare   i diritti degli arabi di Israele promessi nella Dichiarazione di indipendenza.
Nonostante le concessioni e le omissioni nell'ultima bozza del progetto di legge, la nuova versione approvata conferma che si tratta di una proposta errata e non necessaria . Ciò è dimostrato dalla soppressione della clausola che afferma che gli obiettivi del disegno di legge sono di "assicurare in una legge fondamentale i valori di Israele come uno stato ebraico e democratico nello spirito dei principi della  dichiarazione sull'istituzione dello Stato di Israele". Questa clausola che accenna alla piena uguaglianza garantita nella Dichiarazione di Indipendenza, è stato omessa come "compensazione" per omettere una clausola sulla supremazia della nazione ebraica su "qualsiasi altra legislazione". In altre parole, nel distorto sistema di valori degli sponsor della legge, si aveva bisogno di un equilibrio: se non si possono  subordinare  le leggi fondamentali ai valori dell'ebraismo, allora in cambio si deve anche cancellare la parte democratica.
Il timore di una "democrazia in eccedenza" è il tema della  nuova versione della proposta. L'attuale proposta di legge consente la separazione geografica di fatto tra ebrei e arabi a causa della "clausola di separazione separata". Il procuratore generale Avichai Mendelblit ha fatto bene a mettere in chiaro che si è opposto a questa clausola. Il suo rappresentante, il procuratore aggiunto dello Stato Eyal Zandberg, ha spiegato che questa clausola equivale a "una palese discriminazione contro gli esseri umani, ciò non è in linea con i valori di Israele come stato ebraico e democratico. Questa clausola significa che il  comitato di accettazione può dire  "nessuna entrata per non ebrei".
Anche se il disegno di legge dovesse subire altri cambiamenti e aggiustamenti, comprometterebbe l'equilibrio esistente tra la base democratica dello stato e la base ebraica , già garantita da leggi basilari quasi-costituzionali e da numerose leggi ordinarie. Nessuna democrazia consente una legislazione che stabilisca il proprio carattere nazionale senza concedere l'assoluta uguaglianza alle minoranze, sia nella legislazione che nella dichiarazione.
Se l'obiettivo del disegno di legge dello Stato nazionale è effettivamente quello di essere la carta d'identità di Israele, allora i leader del partito che elaborano la legge in corso sanno bene che Israele ne ha già uno: la Dichiarazione di Indipendenza,ma  invece di celebrarla, la stanno indebolendo e così facendo stanno anche minando i fondamentali valori fondamentali di Israele, in primo luogo il valore dei diritti uguali per tutti i cittadini dello stato.

Haaretz Editorial Don’t Fix It, Just Nix It

Commenti