Yesh Din : DI SABATO QUESTO E' IL PASSATEMPO PREFERITO DAI COLONI DI HAR BRACHA


Foto: DI SABATO, QUESTO E' IL PASSATEMPO PREFERITO DEI COLONI DI HAR BRACHA

Solo un altro Sabato di pogrom

Inviato il 18 ago 2013 da Yossi Gurvitz

I coloni vanno su tutte le furie contro i palestinesi indossando il loro migliore Sabbath, e l'esercito li unisce. Condividi questo, dal momento che i media mainstream non lo faranno

Nel corso della serata, un sabato di giugno, W., un residente di Burin, ha portato  il suo gregge al pascolo. Purtroppo per gli abitanti di Burin, il loro villaggio è circondato da insediamenti e avamposti, le molestie e la furia sono un evento quasi quotidiano. Il sabato, quando i giovani coloni sono annoiati, le cose peggiorano.

Mentre W. stava lasciando la sua casa, ha notato un gruppo di alcune decine di coloni, tutti vestiti a festa con i fronzoli Sabbath , come se stessero andando alla sinagoga, che scendevano dall'avamposto Har Bracha  verso Burin. Timoroso, W. ha notato che tra i coloni e gli abitanti del villaggio lui c'era un pastore solitario. E' corso verso di lui per metterlo in guardia, il pastore si accorse che i coloni in marcia di buon passo verso di lui erano abbastanza vicini, ed è fuggito. In tutte le pagine più scure della storia, gli ebrei hanno imparato che, se vedono un gruppo di uomini cristiani che lasciano la chiesa domenica, sarebbe prudente  cambiare rapidamente rotta. Quando i palestinesi nell'area C vedono un gruppo di uomini in abiti Sabbath, sanno proprio cosa aspettarsi.

Alcuni giovani del villaggio hanno pure notato  i coloni , e si sono organizzati per impedire loro di raggiungere il villaggio, che loro stessi avrebbero difeso contro i teppisti. I coloni hanno iniziato a lanciare pietre contro i palestinesi. W. ha chiamato l'esercito, che è giunto sulla scena circa dopo 90 minuti di lotta. Questo non avrebbe dovuto richiedere così tanto tempo; W. ha notato che le truppe venivano dalla stessa direzione, come i coloni, cioè gli avamposti Har Bracha . E 'difficile credere che i soldati non avessero visto i teppisti andando sulla loro strada, a meno che non erano particolarmente soldati inetti. Ma qui la solita cecità della IDF entra in gioco: per quanto riguarda la violenza dei coloni contro i palestinesi cui sono interessate, le truppe notoriamente non riescono ad accorgersi di loro.

Mentre le truppe arrivavano, hanno fatto quello che fanno di solito : hanno collaborato con i teppisti e iniziato a sparare gas lacrimogeni contro le loro vittime, i palestinesi. In breve tempo, i coloni e i soldati erano in piedi in una linea: un colono sparava in aria, e i soldati sparavano gas lacrimogeni e granate stordenti contro i palestinesi. Poco dopo, un incendio, come al solito, e l'esercito ha impedito ai pompieri palestinesi di raggiungere la scena, e un pascolo  è andato in fiamme. Lo scontro è andato avanti per ore, e poi le truppe se ne sono andate, solo allora  i pompieri palestinesi hanno potuto raggiungere il luogo.

Ecco come appare: una serata di sabato passatempo, un modo per passare il tempo prima della fine del Sabbath. Quando i coloni continuano il percorso del pogrom, l'esercito in genere si fa da parte, mentre la polizia dello zar solitamente, a volte si unisce a loro. Ma sempre li protegge - loro, e non i residenti palestinesi come è tenuta, dalle decisioni del HCJ e del diritto internazionale, a proteggere.

W. ha fatto il gesto vuoto necessario e ha presentato una denuncia al Distretto di Polizia di Giudea e  Samaria.  Circa un mese dopo l'incidente, la polizia ci ha informato di aver chiuso il caso. Non si è disturbata a spiegarci perché, perché perché dovrebbe? Dopo tutto, abbiamo a che fare con la stessa forza di polizia che, come Haaretz ha riferito di recente ( ebraico ), ha chiuso il file contro un colono sospettato di violazione di domicilio, anche se la vittima si è presentata alla polizia con il suo numero di telefono, e senza effettuare alcuna indagine. Stiamo ancora cercando di capire perché il caso Burin è stato chiuso, e quando lo vediamo - nonostante lo abbiamo chiesto un paio di settimane fa, siamo ancora in attesa di avere accesso al suo contenuto - si può fare appello. A volte funziona.

Saremmo felici se vorrete condividere questo post, in modo che più persone capiranno ciò che accade in Cisgiordania. Parafrasando lo slogan Hasbara, condividetelo perché i media mainstream non lo faranno .

http://blog.yesh-din.org/en/?p=394

Sintesi personale
Inviato il 18 ago 2013 da Yossi Gurvitz

I coloni vanno su tutte le furie contro i palestinesi  durante il Sabbath  e l'esercito si  unisce. Condividi questo, dal momento che i media mainstream non lo faranno

Nel corso della serata, un sabato di giugno, W., un residente di Burin, ha portato il suo gregge al pascolo. Purtroppo per gli abitanti di Burin  il loro villaggio è circondato da insediamenti e avamposti, le molestie e la furia sono un evento quasi quotidiano. Il sabato, quando i giovani coloni sono annoiati, le cose peggiorano.

Mentre W. stava lasciando la sua casa, ha notato un gruppo di alcune decine di coloni, tutti vestiti a festa con i fronzoli Sabbath , come se stessero andando alla sinagoga  che scendevano dall'avamposto Har Bracha verso Burin. W. ha notato  un pastore solitario. E' corso verso di lui per metterlo in guardia, il pastore si è accorto  che i coloni  erano abbastanza vicini ed è fuggito. In tutte le pagine più scure della storia  gli ebrei hanno imparato che, se vedono un gruppo di uomini cristiani che lasciano la chiesa  di domenica, è prudente cambiare rapidamente rotta. Quando i palestinesi nell'area C vedono un gruppo di uomini in abiti Sabbath, sanno proprio cosa aspettarsi.

Alcuni giovani del villaggio si sono organizzati per impedire loro di raggiungere il villaggio. I coloni hanno iniziato a lanciare pietre contro i palestinesi. W. ha chiamato l'esercito, giunto sulla scena circa dopo 90 minuti di lotta.  W. ha notato che le truppe venivano dalla direzione degli   avamposti  di  Har Bracha . E 'difficile credere che i soldati non avessero visto i settler  a meno che non fossero particolarmente  inetti.Qui entra in gioco  la solita cecità della IDF : le truppe notoriamente non riescono ad accorgersi della violenza dei settler contro i palestinesi per  cui hanno  fatto quello che fanno di solito : hanno collaborato con i teppisti e iniziato a sparare gas lacrimogeni contro le loro vittime, i palestinesi. In breve tempo, i coloni e i soldati  si sono trovati sulla stessa linea : un colono sparava in aria  e i soldati sparavano gas lacrimogeni e granate stordenti contro i palestinesi. Poco dopo  è esploso  un incendio, come al solito, e l'esercito ha impedito ai pompieri palestinesi di raggiungere la scena  e un pascolo è andato in fiamme. Lo scontro è andato avanti per ore  e poi le truppe se ne sono andate, solo allora i pompieri palestinesi hanno potuto raggiungere il luogo.

W.  ha presentato una denuncia al Distretto di Polizia di Giudea e Samaria. Circa un mese dopo l'incidente la polizia ci ha informato di aver chiuso il caso. Non si è disturbata a spiegarci jl  perché, perché  dovrebbe? Dopo tutto  abbiamo a che fare con la stessa forza di polizia che, come Haaretz ha riferito di recente ( ebraico ), ha chiuso il file contro un colono sospettato di violazione di domicilio, anche se la vittima si è presentata alla polizia con il suo numero di telefono. Stiamo ancora cercando di capire perché il caso Burin sia  stato chiuso. Non abbiamo ricevuto alcuna risposta alle nostre  richieste di chiarimento. Faremo appello.  A volte funziona.

Saremmo felici se vorrete condividere questo post, in modo che più persone possano  rendersi  conto di ciò che accade in Cisgiordania. Parafrasando lo slogan Hasbara, condividetelo perché i media mainstream non lo faranno .

http://blog.yesh-din.org/en/?p=394

Commenti

Post popolari in questo blog

Amira Hass: C'è una linea sottile per i palestinesi della Cisgiordania tra la vita e la morte, spesso quella linea attraversa una cella di prigione

Gad Lerner : commento sulla vicenda del piccolo Eltan sequestrato dal nonno materno e ora in Israele

Editoriale Haaretz No alla punizione collettiva dei prigionieri palestinesi

Haaretz : Israeli Grandfather Absconded 6-year-old Survivor of Italy Cable Car Accident on Private Jet