Jerry Haber : Tony Kushner e le regole del gioco cambiate negli Usa



Sintesi personale
  Tony Kushner ritiene che la politica israeliana, dal 1948, sia caratterizzata  dalla pulizia etnica verso i palestinesi. Egli è un membro dell'organizzazione: "Voce   ebraica per la pace" , ha solidarizzato  con il BDS,  aderendo solamente al  boicottaggio degli  insediamenti. Ha condiviso l'appello degli artisti e degli intellettuali  a  non partecipare ad alcuna manifestazione culturale  ad  Ariel. . Questo boicottaggio parziale è tabù nella comunità ebraica organizzata e non è approvato dal gruppo liberale sionista, J Street. Da qui l'opposizione dei pro Israele   a conferirgli  la laurea honoris causa  negli Usa,generando una polemica feroce.. I sostenitori di Israele stanno cercando di dipingere Kushner come Wagner  :  "Usa termini  come "pulizia etnica" " Mette in dubbio l'fondamenti dello Stato 1948". Le regole del gioco, però, sono cambiate  visto che .che   Benny Morris ha descritto  le azioni di Israele come  pulizia etnica (anche se, sostiene, senza un piano prestabilito),   gli artisti israeliani approvano  il  boicottaggio, il mondo arabo è attraversato dal vento della democrazia, mentre un  governo di destra israeliano approva leggi e prende posizioni che sono diametralmente opposte  a quelle  di gran parte della comunità ebraica americana, senza dimenticare l'operazione Piombo Fuso , Goldstone e la Flottiglia . Ecco come  Jeffrey Goldberg    spiega  la pulizia etnica  del  1948  :" Ci  sono stati casi in cui i villaggi arabi ,dove ora sorge  Israele, sono stati forzatamente cancellati dalle forze israeliane. D'altra parte, questi episodi si sono verificati durante la guerra iniziata dagli arabi, dopo aver respinto la partizione delle Nazioni Unite in  due distinti Stati, uno ebraico e uno arabo."
 L'esodo dei palestinesi dai villaggi iniziò, in realtà,  mesi prima della guerra araba. E' 'stata una guerra civile ,non importa chi ha sparato il primo proiettile,  per questo   entrambe le parti sono state duramente condannate dalla comunità internazionale. La  vera "pulizia etnica" si è verificato quando lo Stato di Israele ha impedito  il ritorno dei rifugiati arabi alle loro case, nonostante  l'opposizione delle Nazioni Unite e  di sionisti come Judah Magnes e Simon Rawidowicz, . Io penso che ,qualunque sia l'affermazione di   Kushner, oggi è legittimo tra sionisti liberali discutere  della questione senza essere bollati come anti-semita  o essere marginalizzati come è sempre avvenuto. 
Il caso   Kushner  e la polemica che ne è seguita, dimostra l'indebolimento della narrazione sionista in questo paese, un indebolimento che continuerà  visto che israeliani e palestinesi si confrontano sempre più con il loro passato , pianificando  modelli alternativi  per vivere insieme in futuro.


 Tony Kushner and the changing discourse on Israel in the US
 The upshot of the Tony Kushner muzzling

Allegati:1948:brutti ricordi

TOM SEGEV Critica il libro di BENNY MORRIS''1948 - 


Report: CUNY to rescind decision withholding honor from Kushner over anti-Israel views

Commenti

Post popolari in questo blog

2300 rabbini condannano la decisione di etichettare i gruppi palestinesi per i diritti umani come terroristi.T’ruah attacca NGO MONITOR

Rasha Abou Jalal : I tribunali tribali governano la Palestina con tradizioni spietate

Gideon Levy Non c’è destra o sinistra in Israele, solo sionismo e non sionismo

Jonathan Pollak : B'Tselem, Yesh Din, è ora di chiudere