Post

Gideon Levy Dovremmo onorare la Striscia di Gaza

Immagine


https://www.invictapalestina.org/archives/33145
Gideon Levy Jul 15, 2018 2:28 AM  Se non fosse per la striscia di Gaza, l’occupazione sarebbe stata da tempo dimenticata. Se non fosse stato per la Striscia di Gaza, Israele avrebbe cancellato il problema palestinese dalla sua agenda e avrebbe continuato a organizzare  i suoi crimini e le sue annessioni, con la sua routine, come se 4 milioni di persone non vivessero sotto il suo tallone. Se non fosse per la Striscia di Gaza, il mondo avrebbe anche dimenticato. La maggior parte lo ha già fatto. Ecco perché ora dobbiamo salutare la striscia di Gaza, principalmente lo spirito della Striscia di Gaza, l’unico sopravvissuto   nella causa disperata e persa della lotta palestinese per la libertà. La lotta risoluta della striscia di Gaza dovrebbe suscitare ammirazione anche in Israele. Le poche persone informate  dovrebbero ringraziare lo spirito ininterrotto della Striscia di Gaza, quello della We…

Jonathan Cook I preoccupanti nazionalismi etnici di Israele e dell’Europa

Immagine
Trump non si preoccupa di nascondere il suo razzismoRacconti di guerre passate – e a venireI preoccupanti nazionalismi etnici di Israele e dell’EuropaTrump minaccia l’Iran con la “Escalation”Coloro che sono stati uccisi dalla NATO 19 anni fa in Serbia, otterranno mai giustizia?I movimenti progressisti stanno dilagando nel Regno Unito e negli Stati Uniti


La polarizzazione nelle società occidentali su temi relativi alle migrazioni e ai diritti umani è andata intensificandosi nelle settimane e mesi recenti. A molti osservatori pare sospettosamente che un ordine internazionale in vigore dalla fine della seconda guerra mondiale – un ordine che sottolineava diritti universali come modo per impedire disumanizzazioni e conflitti – si stia rapidamente disfacendo in Europa e negli Stati Uniti.
Nelle ultime poche settimane negli Stati Uniti di Donald Trump è emerso che migliaia di bambini migranti sono stati strappati ai loro genitori mentre tentavano di entrare attraverso il confine mer…

Video Gaza: marcia del ritorno adolescente ucciso (15 anni) 220 feriti

Immagine
Sale a 138 il numero delle vittime del fuoco israeliano dal 30 marzo, inizio delle manifestazioni nella Striscia. Ieri ucciso un ragazzo di 15 anni, Othman Rami Heles. Più tardi, Tel Aviv compie 31 bombardamenti, dalla Striscia partono missili
Roma, 14 giugno 2018, Nena News – Aveva 15 anni l’ultima vittima dei tiratori scelti dell’esercito israeliano: Othman Rami Heles è stato ucciso ieri, in un altro venerdì di Marcia del Ritorno, lungo le linee di demarcazione tra Gaza e Israele. Più di 100 giorni di proteste, iniziate il 30 marzo scorso in occasione della Giornata della Terra e che non si sono concluse il 15 maggio, anniversario della Nakba, ma continuano.
Ieri decine di migliaia di palestinesi sono tornati a marciare in cinque diversi punti dell’est della Striscia. Secondo il ministero della Salute di Gaza, almeno 220 dimostranti sono rimasti feriti. E con Othman sale a 138 il bilancio delle vittime dei cecchini, tra loro almeno bambini, due paramedici e due giornalist…

Maya Guez : L'archivio segreto dell'FBI sull'uomo della milizia sionista che ha raccolto fondi dai gangster ebrei

Immagine
The FBI's Secret File on the Zionist Militia Man Who Raised Funds From Jewish Gangsters

Sintesi personale

Nel 1940, Hillel Kook , un membro della milizia  clandestina  del pre-stato di Israele, arrivò a New York. Per evitare di essere identificato come il nipote del compianto rabbino Abraham Isaac Kook, il primo rabbino capo ashkenazita durante il dominio britannico in Palestina, cambiò il suo nome, assumendo il nome di battaglia di Peter Bergson. Nel novembre del 1942, venne a conoscenza  dell'annientamento degli ebrei europei da un articolo sul Washington Post.  Per salvare gli ebrei europei arruolò i suoi colleghi Irgun negli Stati Uniti  insieme a  membri del Congresso, per contrastare   ciò che stava accadendo all'ebraismo europeo. l'FBI divenne molto sospettosa  delle attività di Bergson e di come raccoglieva fondi. Infatti, il capo dell'FBI J. Edgar Hoover contattò l'ufficio dell'Agenzia di Filadelfia nel 1946 e chiese di sapere, entro 10 giorn…

The FBI's Secret File on the Zionist Militia Man Who Raised Funds From Jewish Gangsters

Immagine
haaretz.com The FBI's secret file on the Zionist militia man who raised funds from Jewish gangsters A young Jew arrives in the United States from Mandatory Palestine and tries to obtain weapons and recruit fighters for an army to fight the Arabs. He gets funds from Jewish gangsters, and even though he changes his name and conceals his identity, the FBI finds out about his efforts, places him under surveillance and tries to get him deported. This heroic story started during World War II and continued afterward as well. In 1940, Hillel Kook, a member of the underground Irgun militia in pre-state Israel, arrived in New York. To avoid being identified as the nephew of the late Rabbi Abraham Isaac Kook, the first Ashkenazi chief rabbi during the period of British rule in Palestine, he changed his name, taking on the nom de guerre Peter Bergson. In November 1942, he learned about the scale of the annihilation of European Jewry f…

Visualizzare l'occupazione: Rapporto Ocha del periodo 19 giugno – 2 luglio

Immagine
I rapporti scomparsi sugli erbicidi a GazaL’”accordo del secolo” non è nuovo e la dirigenza dell’ANP non è una vittimaRapporto Ocha del periodo 19 giugno – 2 luglioProtesta di donne a Gaza per i dirittiManifestazione di israeliane in solidarietà con donne gazawi

Le forze israeliane hanno ucciso due palestinesi, tra cui un minore, e ne hanno feriti 615, di cui 23 minori, durante le dimostrazioni di massa tenute il 22 ed il 29 giugno lungo la recinzione della Striscia di Gaza nel contesto della “Grande Marcia del Ritorno” Il minore ucciso, un ragazzino di undici anni, è stato colpito alla testa da un proiettile di arma da fuoco durante una dimostrazione ad est di Khan Yunis, il 29 giugno. Con questa vittima sale a 19 il numero di minori uccisi a Gaza dal 30 marzo (l’inizio di queste proteste), compreso uno il cui corpo è ancora trattenuto dalle autorità israeliane. Durante il periodo di riferimento, altri due palestinesi sono morti per le ferite subite nelle dimostrazioni delle…