domenica 7 febbraio 2016

Mira Sucharov : Daniel Bar-Tal knows all about the Israeli siege mentality – he wrote the book on it. Now he wants to convince his countrymen to end the occupation, for their own sake – without dwelling on Palestinian rights.




One of the global giants in the field of political and educational psychology has recently retired from his post as a professor at Tel Aviv University's School of Education to, in his words, become a “full time peacenik.” I recently spoke to Daniel Bar-Tal about his attempt to end the occupation one email at a time.

Called “Save Israel; Stop the Occupation” (or SISO for short), Bar-Tal’s call to action demands that by June 5, 2017, the fiftieth anniversary of the occupation, the Israeli government either “accept the creation of an independent Palestinian state or… extend equal rights to everyone living in the occupied territories until there is an agreed final resolution of the conflict.”

Bar-Tal speaks in terms of “dreams” and Herzl and Martin Luther King, Jr. and trying to elicit a shock to Israeli society. And while he talked to me about human rights abuses and Palestinians being “harassed by occupation,” his initiative is aimed at convincing Israelis that ending military rule over the West Bank is good for the country.

As a pioneer in the study of the “siege mentality” concept, Bar-Tal is no stranger to the difficulty of swaying attitudes. A siege mentality, which Bar-Tal defines in his scholarly work as the belief that “one's own society is surrounded by a hostile world,” leads groups to be highly distrustful of others. In Israel it’s a phenomenon that Bar-Tal has labeled the “Masada Syndrome.” Today he sees an “ethos of conflict” animating Israeli society.

Bar-Tal has spent his career enumerating Israeli fears and the historical memories that buttress them: anti-Semitism, the Holocaust, Arab state invasions, Palestinian terrorism. Sadly, this sort of siege mentality leads not to empathizing with others who similarly feel under siege, but to a hardening of positions. “Moral arguments,” he says, don’t work. “If you show you care about Palestinians, you’re called an Arab lover; you’re considered a traitor.”

What does work, he says, is convincing Israelis that the occupation has negative impacts on their own society. Hence the title of his growing movement: “Save Israel, Stop the Occupation.”

Bar-Tal draws a straight line between various political tensions we’ve seen in Israel over the last weeks and months — and the corrosive effect of the occupation.

He sees a tyranny of the majority —the current government — stifling the segment of Israeli society — “sometimes a big part, sometimes a big minority” — which objects to the status quo. The NGO bill snaking its way  through the Knesset; calls to artists for self-censorship; the removal of Dorit Rabinyan’s book, “Borderlife,” from the Israeli curriculum; the undermining of critical thinking within the Israeli school system.

“In practice,” he says, the Israeli “education system cannot be open minded because it tries to indoctrinate a particular narrative and prevent a free exchange of ideas.” He has harsh words for the new civic studies textbook, which he has heard “teaches particularistic values of Judaism and nationalism and disregards to a large extent the principle of democracy, freedom, justice and rule of law.”

Bar-Tal was a co-leader of the widely-reported 2013 study which compared Israeli textbooks to Palestinian ones. The study found that mutual demonization was thankfully rare on both sides; though each side, not surprisingly, attempted to prop up its national narrative at the expense of the other. For that project, Bar-Tal said, government ministers attempted to publicly discredit him.

And while there is debate over whether Israel actually profits from the occupation – certainly part of the housing crisis is offset by more affordable real estate farther afield in the West Bank – Bar-Tal sees the occupation diverting funds from areas like health, welfare and education.

SISO has partnered with other Jewish organizations, including Hashomer Hatzair, Partners for Progressive Israel, the British-based Yachad and the European-based J Call. Ameinu says it’s supportive. Peace Now calls the initiative “blessed and important,” but is working on another project leading up to the fiftieth anniversary of occupation that “will step outside of the traditional ways of action,” according to Peace Now head Yariv Oppenheimer. J Street has not formally signed on to SISO since “we still feel that it is in early stages,” Yael Patir, J Street’s Israel director, told me.

And SISO has received the endorsement of Nobel Prize winner Daniel Kahneman. “I spent the years of WWII in France,” Kahneman told me. “My moral revulsion to occupation is tied directly to these experiences."

SISO has a fledgling Facebook page, and still needs to get a website. There’s a long way to go to fulfilling the 13 strategic goals the initiative has set out — including organizing events, producing films, and garnering “millions of signatures” on a petition, never mind getting the Israeli government to agree to the ultimate goal. Still, Bar-Tal says he’s trying to “reach for the sky.” He would love to see a singer with global stature like “Sting or Bono” write a song in support of the initiative.

“Our point of departure is caring for Israel,” Bar-Tal says. “We are patriots; we love our country.”

Mira Sucharov is associate professor of political science at Carleton University in Ottawa. Follow her on Twitter: @sucharov
Mira Sucharov.

Mira Sucharov

Haaretz Contributor
read more: http://www.haaretz.com/opinion/.premium-1.701949?utm_campaign=Echobox&utm_medium=Social&utm_source=Facebook#link_time=1454863440

Israele: punire i parlamentari arabi per l'incontro con i familiari dei terroristi e i parlamentari ebrei?

 Sintesi personale



Il primo ministro Benjamin Netanyahu vuole punire i membri arabi della Knesset per l' incontro con le famiglie di palestinesi che hanno effettuato attacchi mortali contro gli israeliani ebrei,ma punirà  i membri del suo governo?
Il primo ministro ha annunciato  che vorrebbe promuovere una legislazione contro  i tre parlamentari che si sono incontrati con le famiglie dei terroristi I parlamentari hanno specificato che la visita è stata umanitaria , al fine di aiutare a negoziare il rilascio dei corpi
Netanyahu ha invitato l'opposizione a sostenere la sua iniziativa  e la  denuncia presentata contro i tre al Comitato Etico della Knesset.
La proposta del primo ministro, tuttavia, potrebbe intrappolare un ministro del suo  governo . Secondo il giornale ebraico liberale americano The Forward,  il ministro della Giustizia Ayelet Shaked  si è incontrato di recente con la madre di un minore israelo-americano sospettato dell' l'omicidio di tre palestinesi. . L'incendio doloso nel villaggio cisgiordano di Duma è stato considerato un attacco terroristico da parte del governo e  da parte della difesa .Secondo il suo avvocato, dopo il suo arresto, il minore è stato oggetto di torture e isolamento da  parte dello Shin Bet.
Questo è solo la punta di un iceberg. I leader israeliani non solo hanno incontrato le famiglie dei terroristi condannati, alcuni di loro addirittura li assumono .Nathan Nathanson  è stato condannato nel 1985 per il suo coinvolgimento nell'attentato  contro sindaci palestinesi nel  1980 . E 'stato condannato a tre anni di carcere. Oggi Nathanson è un consigliere politico del  ministro dell'Istruzione Naftali Bennett .
Naftali Bennett e Ayelet Shaked di ebraico a casa alla sede del partito il giorno delle elezioni 2013
 

Naftali Bennett e Ayelet Shaked della 'casa ebraica' cantano l'inno nazionale di Israele, 'Hatikva,' presso la sede del partito il giorno delle elezioni del 2013. (foto: Activestills.org)
Lo stesso vale per Ze'ev "Zambish" Hever, un leader veterano del movimento dei coloni e oggetto di un recente rapporto investigativo sull'acquisto  fraudolento di terra palestinese al fine di costruire avamposti illegali. Hever,  un membro della resistenza ebraica , ha trascorso 11 mesi di carcere per aver piazzato una bomba sotto la macchina  di l Dr. Ahmed Natshe, una figura politica a Hebron  nel 1984. 
O che dire di Aggeo Segal, editor-in-capo del giornale di destra Makor Rishon? Segal ha  TRASCORSO due anni di carcere per aver posto bombe sotto l'auto del sindaco di Ramallah , Karim Khalaf, e nel garage del sindaco di Al-Bireh Ibrahim Tawil. Il figlio di Segal, Amit, è un reporter per Channel 2 News e ha intervistato Netanyahu in varie occasioni . Secondo la sua logica Netanyahu, dovrebbe  essere cacciato dalla parlamento israeliano.
Senza tener  conto del numero infinito di componenti delle milizie ebree come il Palmach, Etzel e Lehi che hanno commesso massacri e espulsioni guidate  negli anni precedenti e durante la guerra del 1948,   diventando poi leader nel nascente stato ebraico.



Jewish politicians meet with terrorist families too

Netanyahu wants to kick Arab MKs out of the Knesset for meeting with families of Palestinian terrorists. Will the same standard be upheld for those who meet with Jewish terrorists?
Balad chairman Jamal Zahalka. (Photo by Oren Ziv/Activestills.org)
Balad chairman Jamal Zahalka. (Photo by Oren Ziv/Activestills.org)
Prime Minister Benjamin Netanyahu wants to punish Palestinian members of Knesset for meeting with families of Palestinians who have carried out deadly attacks against Jewish Israelis. But could his initiative backfire and end up punishing members of his own government?
The prime minister announced on Sunday that he would be promoting legislation to bar three MKs who met with families of terrorists from serving in Knesset. His announcement came in response to a report that Arab members of Knesset from the nationalist Balad faction of the Joint List met with the families of Palestinian terrorists. The Balad MKs said the visit was humanitarian, in order to help negotiate the release of the bodies Israel refuses is holding on to. The MKs reportedly took part in a moment of silence for the attackers.
Netanyahu called on the opposition to support his initiative in addition to a complaint he filed against the three with the Knesset’s Ethics Committee.
The prime minister’s proposal, however, could entangle a top minister in the Israeli government. According to American liberal Jewish newspaper The Forward, Justice Minister Ayelet Shaked met recently with the mother of an Israeli-American minor suspect in the murder of three Palestinians last year. The arson in the West Bank village of Duma was considered a terrorist attack by the Israeli government and defense establishment. According to his attorney, following his arrest, the minor was subject to torture and solitary confinement by his Shin Bet interrogators.
In that case, allegations of torture markedly overshadowed the meeting between Israel’s justice minister with the mother of a suspected terrorist. In fact, as opposed to the Balad MKs, details of Shaked’s meeting could not be reported in the Israeli media due to a sweeping gag order on the case.
The Duma suspect, however, is only the tip of the iceberg. Israeli leaders have not only met with the families of convicted terrorists, some of them even employ them. Take Nathan Nathanson, who was convicted in 1985 for his involvement in the Jewish Underground and taking part in three car bombings against Palestinian mayors in June 1980. He was sentenced to three years in prison. Today Nathanson is a political advisor to Education Minister Naftali Bennett.
Naftali Bennett and Ayelet Shaked of Jewish Home at the party headquarters on election day 2013
Naftali Bennett and Ayelet Shaked of the ‘Jewish Home’ sing Israel’s national anthem, ‘Hatikva,’ at the party headquarters on election day 2013. (photo: Activestills.org)
Or take Ze’ev “Zambish” Hever, a veteran leader of the settler movement and the subject of a recent investigative report, exposing him for fraudulently purchasing Palestinian land for the purpose of building illegal settlement outposts. Hever, who was also a member of the Jewish Underground, served a scant 11 months in prison for placing a bomb under a car belonging to Dr. Ahmed Natshe, a political figure in Hebron, in 1984. He has been closely associated with several Israeli prime ministers, most prominently Ariel Sharon, who is known as the father of the settlement movement.
Or what about Haggai Segal, who today serves as the editor-in-chief of right-wing newspaper Makor Rishon? Segal served two years in prison for planting bombs under the car of then-Ramallah Mayor Karim Khalaf and in the garage of Al-Bireh Mayor Ibrahim Tawil. Segal’s son, Amit, is a reporter for Channel 2 news, and has interviewed Netanyahu on various occasions. According to his own logic, Netanyahu, too, must be kicked out of Israel’s parliament.
And this isn’t even taking into account the countless number of members of pre-state Jewish militias such as the Palmach, Etzel, and Lehi — including several prime ministers — who committed massacres and headed expulsions in the years leading up to and during the 1948 War, only later to become leaders in the nascent Jewish state.
Newsletter banner

 
 
 
 
Netanyahu wants to kick Arab MKs out of the Knesset for meeting with families of Palestinian terrorists. Will the same standard be upheld for members of…
972mag.com

Questa antica città marocchina è completamente dipinta di blu

 
 
 
 
Chefchaouen, una piccola città nel nord del Marocco, ha una storia ricca di eventi, è circondata da una natura bellissima, ed ha una notevole architettura – una…
incredibilia.it

Israele : Ebrei ed arabi insieme contro l'occupazione




Per la terza volta negli ultimi due mesi, attivisti israeliani e palestinesi marciano verso il posto di blocco in Cisgiordania per chiedere la fine delle violenze in corso.

Foto e testo di Oren Ziv / Activestills.org
Pubblicato da +972, 6 Febbraio 2015
Oltre 200 israeliani e palestinesi hanno marciato a sud di Gerusalemme Venerdì per manifestare contro l'occupazione ,la violenza in atto nel Paese e a sostegno dei due Stati
Alcuni dei manifestanti PORTAVANO LA foto di giornalista palestinese Muhammad al-QiQ,in sciopero della fame da 73 giorni.
 


UN certo numero di agenti di polizia di frontiera, alcuni dei quali mascherati, hanno arrestato due degli organizzatori israeliani della marcia. La polizia ha spintonato un certo numero di manifestanti che cercava di spiegare che l'arresto violento non era necessario. Nel frattempo  i conducenti israeliani  fermavano la loro auto e maledicevano i manifestanti.

 

Israeliani e Palestinesi marciano verso il 'tunnel checkpoint' in Cisgiordania, in
I due organizzatori israeliani sono stati rilasciati alla fine della manifestazione.

Il 'tunnel checkpoint' vicino a Betlemme.

Questa è la terza manifestazione unitaria al posto di blocco  negli ultimi mesi, organizzata da "Standing Together", che include i gruppi anti-occupazione come i "Combattenti per la pace" 
Gli agenti di polizia di frontiera israeliana violentemente arrestano due degli organizzatori israeliani 

Print friendly

Cairo: candele e fiori davanti all'Ambasciata Italiana sfidano la dittatura



  Un tributo di onore a chi è morto per loro e anche per noi. Non si spegneranno queste luci accese da mani forti, fragili, intense,coraggiose . La Parola intrisa di silenzio vibra e lacera

Verità e Giustizia per Giulio Regeni. Art.21, “Listiamo a lutto i nostri mezzi di informazione”



 
 
 
articolo21.org


#Giulio Regeni, dottorando e autore di corrispondenze per alcuni media italiani, stava realizzando al Cairo inchieste scomode che ricostruivano molti angoli bui e forse per questo è stato preso, torturato e ucciso. Sono ancora troppe le contraddizioni e le oscurità nelle versioni fornite dalle autorità egiziane. E Come denunciano tutte le organizzazioni per i diritti umani e la libertà d’informazione, da Amnesty a Reporters sans Frontieres, in Egitto centinaia di attivisti, sindacalisti, blogger, intellettuali, vengono arrestati ogni giorno, spesso torturati, centinaia di loro scompaiono nel nulla senza che nessuno possa chiederne conto. Vogliamo quindi ridare forza e voce a quelle inchieste per costringere le autorità egiziane a ricercare davvero fino in fondo verità e giustizia, per Giulio e per tutte le vittime della cieca repressione”. “Listiamo a lutto i nostri siti, i nostri profili Facebook e Twitter, dedichiamo a Giulio, e non solo oggi, l’apertura e chiediamo a voce alta alle autorità egiziane con un’azione virale attraverso mail, web e social, verità e giustizia per #Giulio Regeni”. A scriverlo in una nota Elisa Marincola e Stefano Corradino, portavoce e direttore di Articolo21. “Rilanciamo quindi l’appello di uno degli organizzatori della manifestazione che si è tenuta ieri  per‪#‎GiulioRegeni davanti all’ambasciata italiana in Egitto: “Per favore, insistete nella ricerca della verità e delle responsabilità dei colpevoli, per darci la speranza che un giorno, insieme, potremo restituire i loro diritti a tutti i Giulio”.

sabato 6 febbraio 2016

ISRAELE. “Lista Nera” dice no alla campagna della destra

Ieri decine di organizzazioni israeliane di sinistra e Ong dei diritti umani – come Breaking the Silence, B’Tselem, Gisha, HaMoked – hanno tenuto un raduno a Tel Aviv per respingere gli attacchi in corso contro chi denuncia l’occupazione militare.



 
 
 

Ieri decine di organizzazioni israeliane di sinistra e Ong dei diritti umani – come Breaking the Silence, B’Tselem, Gisha, HaMoked – hanno tenuto un raduno a…
nena-news.it



Un momento del raduno ieri al porto di Tel Aviv delle organizzazioni israeliane di sinistra, foto da +972 Magazine
di Michele Giorgio – Il Manifesto
Tel Aviv, 6 febbraio 2016, Nena News – I dirigenti politici israeliani, non solo quelli al governo, amano ripetere ai loro interlocutori che «Israele è l’unica democrazia del Medio Oriente». Questa affermazione se prima veniva smentita con forza solo dai palestinesi da tempo è contestata anche da non pochi israeliani ebrei. In particolare quelli di sinistra che riferiscono di spazi più ristretti ed intimidazioni per chi dissente dalla linea della destra al potere. Ricordano anche il ruolo centrale che svolgono gruppi di estrema destra vicini al movimento dei coloni impegnati a denunciare in pubblico come «traditori» intellettuali, attivisti e simpatizzanti della sinistra.
Alla legge sulla «Trasparenza» in discussione alla Knesset sui finanziamenti dall’estero alle Ong progressiste e dei diritti umani, e alle inchieste della polizia che di recente hanno preso di mira attivisti ebrei contro l’occupazione, si aggiunge ora il passo fatto dalla censura militare che ha chiesto al blogger Yossi Gurevich di sottoporre preventivamente al suo esame tutti i testi che dovrebbero apparire sul suo sito. Sino ad oggi le pubblicazioni in ebraico venivano sorvegliate «a distanza» ma ora la nuova responsabile della censura militare, Ariel Ben Avraham, vuole azioni preventive nei confonti di un certo numero di pagine Facebook gestite da israeliani ebrei.
Contro l’attacco, ormai continuo, alle espressioni di dissenso, ieri decine di organizzazioni israeliane per i diritti umani e contro l’occupazione – come Breaking the Silence, B’Tselem, Gisha, HaMoked – assieme a centinaia di persone hanno tenuto un raduno al porto di Tel Aviv, “Lista Nera”, per dire alla destra che non riuscirà a chiudere la bocca a chi denuncia l’occupazione dei territori palestinesi. «Abbiamo detto a ci attacca che ha di fronte persone che non demordono, che non fanno marcia indietro sul rispetto dei diritti umani e la democrazia», spiega al manifesto Sarit Michaeli di B’Tselem. «Purtroppo il trend in atto nella società israeliana non è positivo» sottolinea Michaeli «la campagna (nei confronti del dissenso) non è destinata ad esaurirsi, anzi andrà avanti. Ma è proprio in queste fasi che occorre continuare il proprio lavoro con lo stesso impegno». Jafar Farah, direttore esecutivo del centro arabo per l’uguaglianza “Mossawa” di Haifa, ricorda la decisione presa alla fine del 2015 dal governo Netanyahu di mettere fuori legge il movimento islamico in Israele. «Ciò che è stato fatto al Movimento Islamico potrebbe essere il futuro di tutte le nostre organizzazioni», ha avvertito Farah.
La tensione intanto non accenna a diminuire in Cisgiordania dove ieri un ragazzo palestinese di 14 anni, Haitham al Baw è stato ucciso in scontri con l’esercito a Halhul (Hebron). Ferito anche il cugino Wajdi. Per il portavoce militare israeliano, i due ragazzi si apprestavano a lanciare bottiglie incendiarie al passaggio dei soldati. Da parte sua il servizio d’emergenza palestinese denuncia che i militari israeliani hanno impedito per lungo tempo di aiutare i feriti.
Resta ancora chiuso il villaggio di Qabatiya – da cui provenivano i tre giovani palestinesi autori dell’assalto armato a Gerusalemme di qualche giorno fa – dove sono proseguiti gli scontri con i soldati israeliani che hanno ferito almeno dieci dimostranti. Si sono avuti scontri anche lungo le linee tra Gaza e Israele, a Betlemme, Qalqiliya e Bilin. In Cisgiordania continuano gli arresti notturni di palestinesi – almeno sette tra giovedì e venerdì – e l’esercito ha notificato sette ordini di demolizione delle case di altrettanti palestinesi accusati di aver compiuto attacchi contro israeliani. Tra queste ci sarebbe anche quella di Abdullah Dais responsabile dell’uccisione il mese scorso della colona israeliana Dafna Meir nell’insediamento ebraico di Otniel.
Si accende inoltre la polemica sui deputati arabo israeliani Hanin Zoabi, Basel Ghattas e Jamal Zahalka, di Tajammo, parte della Lista Araba Unita, accusati dal premier Netanyahu di aver avuto «un incontro con 10 famiglie di terroristi, incluso uno che ha ucciso tre israeliani». La destra chiede l’espulsione dal Parlamento dei tre deputati. Questi ultimi denunciano una «campagna fascista» spiegano che quelle visite sono state solo «un atto umanitario» a sostegno delle famiglie che chiedono la restituzione dei corpi dei palestinesi uccisi durante attacchi tentati o compiuti e che le autorità israeliane continuano a trattenere da settimane a scopo punitivo.

Akiva Eldar : la divisione di Gerusalemme perpetuerà l' occupazione?

 
Israel Pulse
 
 
Will splitting Jerusalem perpetuate occupation?

 

 

 

Sintesi personale

Nei prossimi giorni, un piccolo gruppo di uomini e donne presenteranno a   Reuven Rivlin.un loro progetto avente come elemento centrale la  separazione unilaterale di una parte di Gerusalemme Est.
per salvaguardare la Gerusalemme ebraica-
In questa piattaforma 28 villaggi palestinesi aGerusalemme Est  saranno consegnati all'Autorità Palestinese (PA). I villaggi in questione erano parte integrante della Cisgiordania fino a quando Israele li ha annessi nel 1967. Circa 200.000 persone vivono in questi villaggi. Con l'annessione i palestinesi  hanno avuto la residenza permanente e hanno  i diritti dei cittadini israeliani come:  prestazioni di sicurezza sociale, l libertà di movimento ad ovest della linea verde, i diritto di studiare in istituzioni israeliane e l'accesso a Al-Aqsa, tra le altre cose.
Gli autori del Manifesto spiegano che, eliminando circa 200.000 palestinesi dai confini municipali di Gerusalemme, gli ebrei della città costituiranno più dell' 80% dei suoi residenti e la percentuale di palestinesi scenderà a meno del 20 %rispetto al  40% di oggi. Non solo  ,ma revocando  i permessi di soggiorno , Israele risparmierà economicamente  . I restanti residenti di Gerusalemme Est, arabi ed ebrei, manterrebbero il loro attuale stato di residenza e cittadinanza.
Il salvataggio di Gerusalemme ebraica prevede l'istituzione immediata di un " recinto  di sicurezza " tra i "villaggi estranei" e Gerusalemme. La recinzione sarebbe legata alla barriera di separazione . e protetta dalle Forze di Difesa Israeliane (IDF)  L'intero piano sarà attuato unilateralmente  senza consultare i palestinesi o ottenere il loro consenso.
Uno dei fondatori del movimento, che ha chiesto l'anonimato ha detto ad  Al-Monitor che l l'85% del pubblico ebraico, così come un numero significativo di arabi in Israele, sostengono la separazione dai  villaggi palestinesi . Mahmoud] Abbas,invece ,si oppone. Ma veramente si può ritenere  che una tale mossa drammatica potrebbe realizzarsi senza il coordinamento con i palestinesi,gli  arabi e gli islamici? Non si capisce che la rimozione dei 28 villaggi arabi di Gerusalemme Est sarà interpretata dal mondo come un modo per perpetuare l' annessione israeliana delle altre parti di Gerusalemme
 Est'' Quanti  delle migliaia di palestinesi che si troveranno dall'altra parte della barricata  con redditi ridotti, privati dei  diritti di residenza, ai quali hanno avuto diritto per quasi 50 anni,troveranno   sollievo nei centri di reclutamento di Hamas e della Jihad islamica?

Un articolo pubblicato nel numero di settembre del  2011 dal Ministero degli Esteri suggeriva un'altra soluzione:  Israele avrebbe votato a favore della Palestina perchè diventasse un membro a pieno titolo delle Nazioni Unite. Subito dopo sarebbero stati avviati negoziati per una soluzione permanente con il sostegno della comunità internazionale. L'accordo si basava sui parametri stabiliti dal presidente Bill Clinton nel 2000 e ampliati  dal presidente Barack Obama nel Maggio 2011:  creazione di uno Stato palestinese sulla base dei confini del 1967, con uno scambio di territori e misure di sicurezza
Tale articolo - " Perché Israele dovrebbe votare per l'indipendenza palestinese " - è stato scritto da membro della Knesset Isaac Herzog.


Akiva Eldar
 
A Palestinian man walks past a newly erected temporary concrete wall, in the East Jerusalem neighborhood of Jabel Mukaber, Oct. 19, 2015.  (photo by REUTERS/Ammar Awad)

Will splitting Jerusalem perpetuate occupation?

In the coming days, a small group of men and women will gather in the office of Israeli President Reuven Rivlin. The guests, founders of a new movement called Saving Jewish Jerusalem, will present Rivlin with a manifesto detailing their vision for the city. The president, who usually begins radio interviews with the greeting, “Good morning [or evening] from Jerusalem,” will hear their plan for the unilateral separation of part of East Jerusalem.
SummaryPrint The separation plans designed to separate Jerusalem from surrounding Palestinian villages will only perpetuate the annexation of Jerusalem to Israel.
Author Akiva Eldar Posted February 4, 2016
TranslatorRuti Sinai
The principles for such a plan were laid out in an interview that Mazal Mualem conducted with Zionist Camp Chairman Isaac Herzog, published Jan. 22 in Al-Monitor. The interesting new element in Saving Jewish Jerusalem's plan lies in the list of the nascent movement’s activists. The driving force and most intriguing name on the list is that of former Cabinet minister Haim Ramon.
Ramon had quit politics and lay low after being convicted of sexual misconduct involving a female soldier in 2007. The rest of his friends in Kadima, of which he was a co-founder in 2005 and which has since folded, went their separate ways. Several of his friends in the new group are wondering whether the movement to save Jewish Jerusalem is also intended to save the political career of a man once considered a rising star in the Jerusalem sky.
Saving Jewish Jerusalem's platform, which will also be presented to the public, calls for handing control of 28 Palestinian villages in East Jerusalem to the Palestinian Authority (PA). The villages in question had been an integral part of the West Bank until Israel annexed them in 1967. Some 200,000 people live in these villages. With the annexation, the Palestinians there were given permanent residency and gained the rights of Israeli citizens, including social security benefits, freedom of movement west of the green line, entitlement to study in Israeli institutions of higher learning and access to Al-Aqsa Mosque, among other things.
Members of the movement contend that the Palestinian villages are massively detrimental to the prosperity of the Israeli capital in terms of security, demographic balance, standard of living and economic well-being. They view the violent incidents in Jerusalem that intensified in September 2015 as underscoring the need to immediately reverse the (erroneous) annexation of the villages to Jerusalem.
The manifesto's authors explain that by removing some 200,000 Palestinians from the municipal boundaries of Jerusalem, the city’s Jews will constitute more than 80% of its residents, and the percentage of Palestinians will drop to less than 20%, from the nearly 40% today. Not only that, they stress, revoking the Palestinians’ Israeli residency permits will ease the economic burden these villages impose on the Israeli taxpayer — some 2-3 billion Israeli shekels ($500-$750 million) in revenue and municipal taxes annually. The remaining residents of East Jerusalem, Arabs and Jews, would maintain their current residence and citizenship status.
Saving Jewish Jerusalem also proposes the immediate establishment of a “consecutive security fence” between the “extraneous villages” and Jerusalem. The fence would be linked to the separation barrier dividing Israel and the settlement blocs from other parts of the West Bank. After the villages' separation from Jerusalem, the Israel Defense Forces (IDF) and other security agencies would operate in them the way they currently do in the rest of the West Bank. To implement the plan to ensure Jerusalem’s security and its Jewish character, the Knesset, according to the manifesto, will amend the Basic Law Jerusalem, Capital of Israel. The entire plan would be implemented unilaterally, without consulting the Palestinians or obtaining their consent.
One of the founders of the movement, who requested anonymity, told Al-Monitor that a public opinion poll his group had commissioned indicated that 85% of the Jewish public, as well as a significant number of Arabs in Israel, support the separation from the peripheral Palestinian villages. The Zionist Camp's Herzog, who studied the poll results, was quick to adopt the plan's principles. “Peace is unobtainable right now, so let’s achieve security so that we can talk about peace,” Herzog said in the Al-Monitor interview. “I met with [Palestinian President Mahmoud] Abbas last August and there, too, I am sorry to report, I didn't find the courage or leadership skills needed to agree to painful concessions.”
When Herzog emerged from his meeting with Abbas on Aug. 18, he had had quite a different message, however. The opposition leader reportedly said with confidence at the time, “If there’s good will, we can reach an agreement protecting Israel’s security; there is a rare regional opportunity that has arisen in recent months.” He even provided an accelerated timeline of “within two years.” According to Herzog, the opportunity shouldn't be missed: “It enables support from neighboring countries for a direct diplomatic move between us and the Palestinians,” he said. Herzog also reported that he had promised Abbas that he would keep trying to convince the Israeli public, which was gradually losing faith in peace, of the necessity of such a process and the need to speedily move it forward.
Now, not even six months later, the leader of the opposition has lost his faith in a dialogue with the Palestinians (under the auspices of the Arab League) in favor of unilateral measures. Do experienced political figures such as Herzog really believe that such a dramatic move should be promoted in the powder keg that is Jerusalem without coordination and agreement with the Palestinian, Arab and Islamic sides? Do they not understand that removing the 28 Arab villages from East Jerusalem will be interpreted by the world as perpetuating Israel’s annexation of the other parts of East Jerusalem, including the Holy Basin?
What of the thousands of Palestinians who will find themselves on the other side of the fence, with reduced incomes from the loss of their residency rights, to which they have been entitled for nearly 50 years. Might they seek relief in the recruitment centers of Hamas and Islamic Jihad? Might they import tunnel digging techniques from the Gaza Strip into the East Jerusalem Shuafat refugee camp en route to the adjacent Jewish neighborhoods?
Another of the plan’s originators, also requesting anonymity, told Al-Monitor, “We know there’s no way that [Prime Minister Benjamin] Netanyahu will even consider adopting the blueprint. Our main goal is to show the public that there are people on our side who initiate plans rather than sticking to the status quo.” He also said the group is fully aware that the left might tear the proposal and its authors to bits. “That’s our second goal,” he said, half smiling, “to get a kick from the left that will propel us toward the right.”
It is doubtful whether the political movement and its plans will slightly slow the voter drain of the Israeli constituency from the Zionist Camp. It is more likely that they will accelerate the rate of the drain of the Palestinian constituency from Abbas' shrinking camp.
An article published in the September 2011 edition of the prestigious publication ​Foreign Affairs suggests that there are Israeli leaders who believe (or at least believed at the time) that there is another, better way to end the conflict with the Palestinians. According to the plan presented in the article, Israel would vote in favor of Palestine becoming a full member of the United Nations. Immediately thereafter, negotiations on a permanent settlement would be renewed with the backing of the international community. The agreement would be based on the parameters laid out by President Bill Clinton in 2000 and expanded by President Barack Obama in May 2011: the establishment of a Palestinian state based on the 1967 borders, with an exchange of territories and security arrangements. It doesn’t get any better.
That article — “​Why Israel Should Vote for Palestinian Independence” — was authored by Knesset member Isaac Herzog.




Paesi arabi: Ritorno dello stato di polizia


 
 
 
 
Ritorno dello stato di polizia - Di Ali Anouzla. Al-Araby al-Jadeed (03/02/2016). Traduzione e sintesi di Carlotta Castoldi. Lo stato di polizia non è una dittatura, è più intelligente: ma
arabpress.eu




Lo stato di polizia non è una dittatura, è più intelligente: mantiene “ un minimo” di parvenza democratica, consentendo una pluralità partitica controllata, e lascia spazio alla concorrenza economica e all’emergere di media privati.
Ali Anouzla
Ali Anouzla
Non è un problema nuovo, gli stati di polizia in realtà non sono mai scomparsi, sono sbiaditi per un po’ di tempo nei Paesi interessati dalle rivoluzioni, per poi tornare in campo con forza. L’ultima condanna è arrivata da Amnesty International, tramite il rapporto, emanato in occasione del quinto anniversario della rivoluzione egiziana, che si conclude con la constatazione della chiusura definitiva delle speranze emerse il 25 gennaio 2011: a cinque anni dal crollo del regime, la rivoluzione è stata confiscata e l’Egitto è tornato ad essere uno stato di polizia.
Perfino la Tunisia, che continua a rappresentare l’ultimo bagliore di speranza per la riuscita delle rivoluzioni della Primavera Araba, ha perso molta della sua lucentezza a causa dei regressi registrati nel campo del rispetto dei diritti umani, nelle libertà di stampa e nelle leggi connesse alla lotta contro il terrorismo. Il regime dell’ex presidente tunisino, Zin al-Abidin Ben Ali, era uno stato di polizia, basato sul monopolio delle fonti di potere e autorità all’interno dello Stato, che ha portato alla confisca di tutti i diritti e le libertà e alla forte presenza di dispositivi di polizia e di sicurezza in ogni angolo della vita dei tunisini. Quando è crollato il regime, è scomparso lo stato di polizia, ma il suo fantasma è rimasto in piedi per tornare ad affacciarsi di nuovo sulla società tramite le leggi contro il terrorismo, imposte dagli incidenti nel campo della sicurezza e dai ripetuti crimini terroristici, che sono presi oggi come pretesto per giustificare il ritorno alle pratiche da stato di polizia in Tunisia.
L’esatto opposto è lo stato libero, ossia un qualunque Stato in cui la gente possa vivere in libertà lontano dagli incubi e la paura. La differenza tra i due sta nell’aver trovato, o meno, l’equilibrio giusto tra libertà personale e sicurezza nazionale: spesso gli stati di polizia prendono la sicurezza nazionale come un pretesto per limitare le libertà, sopprimerle o impedirle. Inoltre, esistono due tipi di stati di polizia: quello repressivo e quello intelligente. Lo stato di polizia repressivo esercita palesemente le sue repressioni, alla luce del giorno, e di conseguenza è facile da criticare. Quello intelligente, che troviamo nella maggior parte dei Paesi arabi, è più pericoloso, è infatti difficile renderlo esplicito e criticarlo poiché pratica le sue repressioni sotto una copertura “legale”, promulgando le sue leggi come giustificazioni per il mantenimento della sicurezza. E qui sta la pericolosità di questi tipi di nuovi regimi polizieschi: l’utilizzo della “legge” e non solo della “sicurezza”, come strumento autoritario che gli consente di mantenere la sua autorità e il suo dominio.
Lo stato di polizia non è una dittatura, è più intelligente: mantiene “ un minimo” di parvenza democratica, consentendo una pluralità partitica controllata, e lascia spazio alla concorrenza economica e all’emergere di media privati. Si ha quindi una parvenza di pluralità e diversità, quando in realtà si porta sempre avanti la stessa voce, obbediente ed omogenea. In breve, lo stato di polizia moderno reprime, ma avvalendosi della legge, ha un rapporto selettivo con la libertà e sa come strumentalizzare la religione abilmente.
Quello a cui assistiamo oggi nella maggior parte dei Paesi arabi è un ritorno al nuovo modello di stato di polizia, differente dal modello orizzontale di stato di polizia a cui da corpo intelligentemente George Orwell nel suo romanzo “1984”, lo stato del “Grande Fratello”. Lo stato di polizia che si riprodurrà oggi è lo stato del controllo verticale, attraverso sistemi di regolazione e di controllo che penetrano lo stato e la società, le leggi e i valori, la religione e l’ideologia. È come un cancro che si sviluppa in segreto e controlla l’intero corpo, fino a paralizzarlo.
Ali Anouzla è un giornalista e scrittore marocchino.
I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu

Gideon Levy: gli israeliani ignorano il Ghetto di Gaza fino a quando non risuonano i tamburi di guerra


Gideon Levy :Israelis Ignore the Gaza Ghetto Until the War Drums Are Heard





Sintesi personale

Le ultime notizie sul ghetto vengono , come di consueto, dal di fuori. Solo la paura in Israele fa ricordare questa realtà . L'Iran non è più all' ordine del giorno. La Svezia non è abbastanza spaventosa. Gli Hezbollah sono occupati . Quindi torniamo a Gaza. Commentatori annoiati, editori , politici , generali assetati di sangue vogliono trascinare Israele in un'altra "guerra" a Gaza. dove la "guerra" è sempre un altro massacro sotto controllo ,dove i risultati sono misurati nel numero di cadaveri e nella quantità di edifici .distrutti  Isaac Herzog lo ha già promesso . Le novità di Gaza non raggiungono gli israeliani. Qualcuni sa degli arei dell'esercito più morale del mondo che hanno avvelenato nelle ultime settimane i campi di una "zona cuscinetto", dove Israele ha dichiarata unilateralmente una distanza di 300 metri dalla recinzione? Il veleno viene diffuso fino a 500 metri, 1.187 dunams (293 acri) sono stati danneggiati nel corso nel mese di dicembre. I piloti hanno colpito i loro bersagli con precisione.
Ai pescatori è vietato avventurarsi a più di sei miglia nautiche dalla costa. A volte arrestano un pescatore o gli sparano. . Tutto è fatto per servire la sicurezza di Israele e l'occupazione della Striscia di Gaza si è conclusa molto tempo fa secondo i media .
A solo un'ora di auto da Tel Aviv vi è un ghetto dove quasi nulla cresce. L'associazione Gisha- indica che la disoccupazione è al 43 per cento, il 70 per cento degli abitanti di Gaza ha bisogno di assistenza umanitaria e il 57 per cento soffre di sottoalimentazione .
E poi c'è il rapporto agghiacciante delle Nazioni Unite: "Gaza 2020:? Un luogo vivibile?" A quel punto il danno alle infrastrutture dell' acqua sarà irreversibile. L'acqua oggi come oggi non è più potabile. Il PIL pro capite è di $ 1273, meno di quanto non fosse 25 anni fa,.1.000 medici e 2.000 infermieri saranno necessari per il sistema sanitario al collasso. L' Egitto stringe la sua presa, il mondo si è sottratto ai suoi impegni e Israele sfrutta questo per continuare il blocco.
I residenti ottengono tre ore di energia elettrica, a volte sei, nonostante il freddo e la pioggia. Dopo di che non c'è elettricità per 12 ore giorno dopo giorno. Ci sono circa due milioni di persone, un milione di loro sono rifugiati, profughi direttamente o indirettamente a causa di Israele. Circa un milione di loro sono bambini. Nessun israeliano immagina questo . Pochi israeliani si sentono in colpa per questo o si preoccupano per questo
Quando la prossima catastrofe colpirà nel mondo , sia esso un terremoto o un'alluvione, saremo lì con una delegazione delle Forze di Difesa israeliane, la stessa IDF che avvelena i campi a Gaza. .
E intanto nel ghetto due milioni di esseri umani,vivono in condizioni di estrema povertà e nella disperazione pietrificante, soprattutto a causa del blocco israeliano.
"Abbiamo lasciato Gaza" . L' operazione è completata. Ora abbiamo solo bisogno di aspettare che i tunnel siano terminati per iniziare a bombardare di nuovo.
Gideon Levy

Documentario : The settler . L'impatto della colonizzazione sui Palestinesi

Famiglia Cristiana : E ora la verità sull'atroce morte di Giulio

Il giovane ricercatore friulano prima di morire è stato torturato e picchiato. Ecco perché la versione della polizia egiziana, che parla di incidente stradale, non sta in piedi. Ucciso perché i suoi studi e i suoi articoli davano fastidio al regime del presidente Al-Sisi?


Chi aveva motivo d’uccidere Giulio Regeni, il ventottenne ricercatore universitario italiano, di Fiumicello, nella Bassa friulana, laureato a Cambridge e trasferitosi da settembre in Egitto per una tesi di dottorato sui movimenti sindacali egiziani? Il corpo seminuto del giovane è stato trovato in un fosso alla periferia del Cairo, lungo la strada a grande scorrimento che dalla capitale porta ad Alessandria. La prima ricostruzione dei fatti data dalla polizia egiziana parla di incidente stradale o di rapina finita male.

Ma l’autopsia sembra contraddire le autorità: sarebbero stati trovati sul cadavere del ricercatore italiano bruciature, ferite da coltello sul capo e la schiena e segni di “una morte lenta”, secondo quanto riferito dalla procura egiziana che si sta occupando del caso. Insomma, Regeni potrebbe essere stato torturato, ammazzato e poi scaricato  su quella strada. Perché la malavita del Cairo avrebbero dovuto ridurlo in quello stato? Una tesi, quella della polizia, che appare sempre di più un vero e proprio depistaggio: una versione  confezionata per nascondere una scomoda realtà. Una retata della polizia e poi l’uccisione? Anche il ritardo con cui è stata data notizia della morte del giovane aumenta i sospetti di manipolazione: le tracce di Regeni, infatti, si perdono già la sera del 25 gennaio, cioè dieci giorni prima del ritrovamento del cadavere. Decisamente troppi.  

 Così la magistratura italiana ha chiesto di condurre congiuntamente le indagini con quella egiziana e oggi è arrivato al Cairo un team investigativo composto dai carabinieri del Ros e poliziotti dello Sco. Ma allora chi avrebbe ucciso lo studente friulano e con quale movente?    
Una pista più che plausibile potrebbe essere quella “politica”: Regeni si trovava al Cairo per studiare il movimento sindacale indipendente egiziano, un ambiente composto da oppositori al governo dell’ex-generale Al-Sisi, oggi presidente dell’Egitto. Un regime che non ha esitato a colpire in ogni modo gli avversari politici, instaurando una feroce repressione poliziesca. Si parla di seicento “desaparecidos” dall’inizio della presidenza Al-Sisi e sono decine  gli studiosi e i giornalisti stranieri ad essere stati arrestati  ed espulsi dall’Egitto  negli ultimi mesi.   Occuparsi di sindacato e movimenti operai, e frequentarne gli ambienti, come stava facendo il giovane ricercatore, significa toccare un argomento politico sensibile, sospetto al potere.

 Non è un caso se Regeni, che collaborava dal Cairo al quotidiano “Il Manifesto”, avesse chiesto di scrivere le sue corrispondenze su questi temi, usando uno pseudonimo. E proprio al collega del quotidiano Giuseppe Acconcia (intervistato ieri da Radiopopolare)  aveva recentemente espresso timori rispetto alla sua incolumità. Un tragico presentimento? Come tanti altri esponenti del mondo civile, dell’ambiente sindacale e universitario oppositori del regime, Regeni poteva  essere già  stato “schedato” e posto sotto attenzione dai servizi e dalla polizia egiziana.

   Sul quotidiano oggi è uscito il suo ultimo reportage che attacca in questo modo: “Al-Sisi ha ottenuto il controllo del parlamento con il più alto numero di poliziotti e militari  della storia del Paese mentre l’Egitto è in coda a tutte le classifiche mondiali per rispetto della libertà di stampa. Eppure i sindacati indipendenti non demordono…”. Ucciso per far tacere la sua voce coraggiosa che accusava la violenza del regime? La sua è una morte con ancora troppi punti oscuri.

      La data cruciale del 25 gennaio, potrebbe non essere casuale: il giorno in cui è scomparso il giovane friulano era il quinto anniversario della rivoluzione anti-Mubarak, in piazza Tahrir del 2011, una giornata sempre accompagnata da disordini, manifestazioni e arresti sommari, per la quale l’apparato di sicurezza viene mobilitato con dispiego straordinario di mezzi e uomini.  Regeni, che non era certo un violento o un pericoloso sovversivo, ma uno studioso di materie “scomode”, potrebbe esser stato vittima di un arresto da parte delle forze dell’ordine?  A questa e a tante altre domande dovranno rispondere le autorità egiziane perché una morte così atroce chiede con forza “verità” e solo verità. Senza depistaggi.  


 
 
 
 
 
 
Il giovane ricercatore friulano prima di morire è stato torturato e picchiato. Ecco perché la versione della polizia egiziana, che parla di incidente stradale, non sta in piedi.
famigliacristiana.it
   

venerdì 5 febbraio 2016

I giovani egiziani che il regime fa sparire


I giovani egiziani che il regime fa sparire

Le ultime notizie certe sul dottorando italiano Giulio Regeni risalgono al 25 gennaio scorso, mentre prendeva la metropolitana per raggiungere un amico in centro, al Cairo. Il 3 febbraio, il suo corpo seminudo è stato ritrovato sul ciglio di una strada del quartiere di Giza, nella periferia del Cairo.
Le dichiarazioni ufficiali sono state contraddittorie. Il magistrato Ahmed Nagi, che guida le indagini della procura del Cairo, ha dichiarato che il corpo era chiaramente stato torturato, con “bruciature di sigarette, tagli e contusioni”. Il generale Khaled Shalabi, alto ufficiale della polizia giudiziaria, ha sostenuto che Regeni fosse morto in un incidente di macchina. Il portavoce del ministro dell’interno ha rifiutato di commentare. Accompagnati dall’ambasciatore italiano, Maurizio Massari, i genitori hanno riconosciuto il corpo del figlio all’obitorio di Zeinhome.
Il 25 gennaio, quinto anniversario della rivoluzione di piazza Tahrir, è stato segnato da un’ondata di arresti e violenze compiute dalla polizia senza precedenti. I rapporti del quotidiano Al Masry al Youm sono circonstanziati: sono state arrestate più di 150 persone, tra cui almeno 78 nel quartiere di Giza con l’accusa di appartenere ai Fratelli musulmani. Per settimane, la tensione è stata tale da impedire qualsiasi manifestazione nel paese, eccetto la festa ufficiale di ringraziamento alla polizia.
In Egitto la repressione contro giornalisti, ricercatori e scrittori
sta diventando un’inquisizione
Nelle ultime settimane la stampa, seppure imbavagliata da quando è al potere il generale Abdel Fattah al Sisi, sta denunciando centinaia di sparizioni di giovani egiziani. È una novità del regime militare di Al Sisi: come è successo a Giulio Regeni, i desaparecidos non sono registrati in nessuna centrale di polizia e riappaiono – se riappaiono – dopo settimane con segni di tortura e “profondamente cambiati”, come hanno raccontato i familiari delle vittime al New York Times.
Secondo il gruppo indipendente Horreya al Gaddaan (Libertà per i bravi) oltre 163 giovani egiziani sono spariti tra aprile e giugno del 2015, e solo 64 di loro sono tornati a casa, per ora. Quelli che ci sono riusciti raccontano di centri di detenzione segreti e di torture, spiega Khaled Abdel Hamid, portavoce del gruppo.
I ricercatori universitari sono nel mirino dell’autorità insieme ai giornalisti: la settimana scorsa, l’ambasciata egiziana a Berlino è stata accusata di segnalare alle autorità del Cairo le attività dei ricercatori in Germania dopo che uno di loro, Atef Botros, è stato fermato all’aeroporto del Cairo, interrogato e obbligato a tornare a Berlino. Il ricercatore e giornalista Ismail Alexandrani è stato arrestato appena atterrato dalla capitale tedesca a Hurghada, città sul mar Rosso dove aveva intenzione di assistere a una conferenza sul Sinai. Il giornalista Walid al Shiek, arrestato anche lui, ha accusato l’ambasciata egiziana in Germania di inviare rapporti ai servizi di sicurezza. Giulio Regeni lavorava su un tema molto sensibile per le autorità egiziane: sindacati e diritto del lavoro.
Per le organizzazioni dei diritti umani, la situazione in Egitto è senza precedenti e per molti la “situazione è peggiore di quella dell’era Mubarak”. Al difensore dei diritti umani Gamel Eid, avvocato per l’Arabic network for human rights information, è stato vietato di viaggiare ed egli ha commentato denunciando “un regime di polizia”. Il commentatore politico Ibrahim Issa ha dichiarato a Qahira Tv che, in Egitto, “la repressione contro intellettuali, ricercatori, scrittori e anche caricaturisti sta diventando inquisizione pura e semplice”.
Il generale Al Sisi ha decretato l’anno 2016 l’anno della gioventù.

Ramzy Baroud : La logica dei palestinesi che fanno lo sciopero della fame: quando l’inedia è un’arma


 
 
 
 
 
La logica dei palestinesi che fanno lo sciopero della fame: quando l’inedia è un’arma Di Ramzy Baroud 4 febbraio 2016 Quando è stato venerdì 29 gennaio, il
znetitaly.altervista.org




Quando è stato venerdì 29 gennaio, il giornalista palestinese Mohammed al-Qeq aveva passato 66 giorni in sciopero della fame nelle prigioni israeliane. Proprio prima di entrare nel suo terzo coma, il giorno precedente, mandò un messaggio pubblico attraverso i suoi avvocati, la cui essenza era: libertà o morte.
Al-Qeq ha 33 anni, è sposato ed è padre di due figli. Le foto di lui che circolano online e sulle strade palestinesi, mostrano la faccia di un bell’ uomo con gli occhiali. La realtà, però, è molto diversa. “E’ in una situazione molto brutta. E’ entrato nel suo terzo coma in giorni recenti, e il suo peso è sceso di 22 chili  ha detto ad Al Jazeera Ashraf Abu Sneina, uno dei legali di al-Qeq. Il giornalista è stato arrestato in base a un’altra famigerata legge israeliana che si chiama legge ‘di detenzione amministrativa’.
Infauste previsioni della morte imminente di al-Qeq incombevano da per giorni senza che si vedesse alcuna fine di questa prolungata traversia. Sfortunatamente per un uomo che crede che l’unico strumento di difesa e di protesta che ha contro l’apartheid di Israele sia il suo corpo, la Croce Rossa e altri gruppi internazionali ci  hanno messo molti giorni per rendersi appena conto del caso di questo inviato speciale che stava rifiutando il cibo e le cure mediche fin dal 24 novembre 2015.
Al-Qeq lavora per  la rete televisiva dell’Arabia Saudita, Almajd, e fu arrestato a casa sua a Ramallah il 21 novembre. Nella sua dichiarazione, diffusa più di 60 giorni dopo che ha iniziato lo sciopero della fame, l’ICRC (Comitato Internazionale della Croce Rossa) definì la situazione come ‘critica’ affermando inequivocabilmente la realtà che la vita di Al-Qeq era a rischio. Il 27 gennaio, anche l’Unione Europea ha espresso la sua opinione di essere “particolarmente preoccupata” della salute di al-Qeq in via di deterioramento.
In base alla legge di ‘detenzione amministrativa’, Israele ha effettivamente tenuto prigionieri palestinesi e arabi senza offrire la ragione del loro arresto, praticamente fin da quando fu fondato lo stato di Israele, nel 1948. Infatti si sostiene che questa legge che è principalmente fondata su ‘prove segrete’ risalga ai Regolamenti di Emergenza del governo del Mandato Britannico.
Dopo che Israele ha occupato la Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est nel 1967,  si è aggrappata a tutto nello sforzo disperato di trovare  qualunque giustificazione legale possibile, per tenere le persone prigioniere e senza processo. Questi sforzi sono stati alla fine espressi nel 1979 nella Legge israeliana per le  Autorità in Stato di Emergenza.
La legge era una specie di compromesso tra l’intelligence interna (Shin Bet), il sistema statale e quello giudiziario, con lo scopo ultimo di fornire la facciata e l’apparente sostegno della copertura legale per quello che è considerato illegale nella legge internazionale e nella maggior parte delle leggi del paese. Alla Shin Bet è stato quindi permesso di usare qualsiasi misura coercitiva –compresa la tortura fisica e psicologica – per esigere con la forza le confessioni dai prigionieri palestinesi nel corso di 6 mesi, rinnovabili con un atto del tribunale senza processo o accuse.
Khader Adnan, di 37 anni, di Jenin, è stato tenuto per anni in regime di detenzione amministrativa. L’intelligence di Israele non aveva alcuna prova per accusarlo di qualsiasi colpa, malgrado le accuse che fosse un membro stimato dell’organizzazione del Jihad Islamico. E’ stato liberato il 12 giugno 2015. Questo è avvenuto soltanto dopo che anche lui è riscorso a vari scioperi della fame, due dei quali particolarmente lunghi: all’inizio del 2012 uno sciopero della fame è durato 66 giorni, e un altro, in maggio è durato 56 giorni.
Ogni volta Adnan raggiungeva il punto in cui la morte, come nel caso di al-Qeq  stava diventando anche una possibilità reale. Quando gli abbiamo chiesto che cosa lo aveva costretto a seguire quella strada pericolosa per due volte, la sua risposta è stata immediata: “arresti ripetuti, la ferocia del modo in cui sono stato arrestato, la brutalità  dell’interrogatorio, e infine la prolungata detenzione amministrativa” – senza processo.
Le detenzioni amministrative sono come buchi neri legali. Non offrono vie di fuga e assolutamente nessun diritto per il prigioniero, ma dà agli interroganti il tempo di spezzare lo spirito del prigioniero , costringendolo/la ad arrendersi o perfino ad ammettere, sotto tortura, delle cose che lui/lei  non ha mai commesso. “E’ la nostra prima e ultima scelta,” dice Mohammed Allan, di 33 anni, di Nablus che ha fatto uno sciopero della fame per così tanto tempo che ha avuto come conseguenza danni cerebrali e che gli è quasi costato la vita.
‘Quando si sente che tutte le porte sono tutte chiuse ermeticamente e che tu stai lì, umiliato e solo, sapendo in anticipo che il sistema giudiziario è una farsa, non rimane nessun altra opzione se non lo sciopero della fame,” dice.
“Prima ho chiarito le mie intenzioni, rifiutando tre pasti  in fila  e mandando una nota tramite il Dover (parola ebraica con cui si indica il prigioniero che fa da portavoce  con le guardie carcerarie)”. Poi inizia la punizione. E’ come una guerra psicologica tra le autorità carcerarie, gli apparati statali e legali contro un singolo individuo,” e questa, secondo Allan, dura per 50-60 giorni.
“Quasi istantaneamente il prigioniero che fa lo sciopero della fame viene gettato in isolamento, gli vengono negati un materasso e una coperta e alte fondamentali cose necessarie. Soltanto dopo 6 settimane circa, le autorità carcerarie accettano di parlare con gli avvocati che rappresentano i prigionieri che fanno lo sciopero della fame, per discutere varie proposte. Ma in quel periodo di tempo, il prigioniero viene lasciato completamente senza assistenza, separato dagli altri prigionieri e soggetto a un’ininterrotta campagna di intimidazioni e minacce. “La tortura mentale è di gran lunga peggiore della fame,” dice Allan.
“Non si può neanche andare più in bagno; non si può bastare a se stessi,  si è troppo deboli anche per levare il vomito che involontariamente esce fuori dalla bocca e finisce sulla barba e il torace.”
Allan è quasi morto in prigione e, malgrado un ordine del  tribunale che permetteva alle autorità carcerarie di fargli l’alimentazione forzata (una pratica considerata, a livello internazionale, come una tortura), i dottori dell’ospedale Soroka si sono rifiutasti di agire in base alle istruzioni. A metà agosto 2015, Allan è stato messo in
Terapia intensiva quando ha perduto conoscenza. La  sua grave malnutrizione gli ha provocato danni cerebrali.
Un terzo prigioniero che ha fatto lo sciopero della fame ed è stato liberato, Ayman Sharawneh, originario di Dura, nel governatorato di Hebron, ma che è stato deportato a Gaza, definisce gli scioperi della fame “l’ultima pallottola” in una lotta per la libertà che potrebbe probabilmente finire con la morte. Sharawneh, come Adnan, e altri con i quali abbiamo parlato, era molto amareggiato per la mancanza di adeguato supporto mentre stava morendo in carcere.
“Tutte le organizzazioni, palestinesi o internazionali, di solito non sono all’altezza,” dice. “Si mettono in azione dopo che il prigioniero ha patito molti giorni di tortura.”
Dice che 2 anni e 8 mesi dopo che era stato deportato a Gaza, sta avendo forti dolori in tutto il corpo, particolarmente ai reni.
Mentre si sottoponeva alo sciopero della fame “Cominciai a perdere i capelli, soffrivo di nausea costante, di acuti dolori alla pancia, vomitavo un liquido giallo, poi un liquido scuro, poi non riuscivo a vedere quasi niente. Avevo un mal di testa atroce e poi ho cominciato a soffrire di spaccature  su tutta la pelle e il corpo.”
E’ d’accordo con Adnan che gli ‘scioperi della fame ‘individuali’ non dovrebbero essere intesi come un atto incentrato su se stessi. “Mohammed Al-Qeq non fa lo sciopero per se stesso,”  dice Adnan.  Sciopera in nome di tutti i prigionieri politici il cui numero è stimato in circa 7.000 dal gruppo Addameer per i diritti umani.
Secondo Adnan, il problema degli scioperi della fame non dovrebbe essere considerato un battaglia all’interno delle carceri israeliane, ma come  parte integrante     della lotta del popolo palestinese contro l’occupazione militare.
Mentre i tre prigionieri hanno dichiarato la loro solidarietà con Al-Qeq, hanno chiesto un sostegno molto maggiore per il giornalista che sta facendo lo sciopero della fame e per migliaia come lui, molti dei quali sono tenuti indefinitamente in detenzione amministrativa.
La lista di prigionieri palestinesi che hanno fattolo sciopero della fame non contiene soltanto Al-Qeq, Adnan, Allan e Sharawneh ma ne comprende molti altri, non dimenticando Samir Issawi, Hana Shalabi, Thaer Halahleh e Bilal Thiab. Ma quello che tutti questi prigionieri che hanno fatto lo sciopero della fame sembrano avere in comune è l’insistenza che le loro battaglie non hanno mai riguardato la libertà di individui soltanto, ma di un intero gruppo di persone disperate, oppresse e oltraggiate.
(Il servizio è di Yousef Aljamal)
Il Dottor  Ramzy Baroud scrive da 20 anni di Medio Oriente. E’ un opinionista che scrive sulla stampa internazionale, consulente nel campo dei mezzi di informazione, autore di vari libri collaboratore e fondatore del sito PalestineChronicle.com. Tra i suoi libri ci sono: ‘Searching Jenin’ [Cercando Jenin], The Second Palestinian Intifada [La seconda Intifada palestinese],  e il suo  più recente è: My Father Was a Freedom Fighter: Gaza’s Untold Story (Pluto Press, Londa).  [Mio padre era un combattente per la libertà: la storia di Gaza che non è stata raccontata]. Il suo sito web è www.ramzybaroud.net
Da: Z Net – Lo spirito della resistenza è vivo
www.znetitaly.org
Fonte: https://zcomm.org/znetarticle/the-logic-of-hunger-striking-palestinians-when-starvation-is-a-weapon/
Originale: non indicato
Traduzione di Maria Chiara Starace
Traduzione © 2016 ZNET Italy – Licenza Creative Commons  CC BY NC-SA 3.0
3700738246