mercoledì 30 luglio 2014

Israele avvisa gli abitanti di gaza prima di bombardare le case

140731tt - Israeli Army Warnings to Gazans about Forthcoming Bombings

Gaza myths and facts: what American Jewish leaders won't tell you

 Smoke rises after an explosion in the northern Gaza Strip July 27, 2014.

If you’ve been anywhere near the American Jewish community over the past few weeks, you’ve heard the following morality tale: Israel left the Gaza Strip in 2005, hoping the newly independent country would become the Singapore of the Middle East. Instead, Hamas seized power, ransacked greenhouses, threw its opponents off rooftops and began launching thousands of rockets at Israel.
American Jewish leaders use this narrative to justify their skepticism of a Palestinian state in the West Bank. But in crucial ways, it’s wrong. And without understanding why it’s wrong, you can’t understand why this war is wrong too.
Let’s take the claims in turn.
Israel Left Gaza
It’s true that in 2005, Prime Minister Ariel Sharon withdrew Israel’s more than 8,000 settlers from Gaza. (At America’s urging, he also dismantled four small settlements in the West Bank). But at no point did Gaza become its own country. Had Gaza become its own country, it would have gained control over its borders. It never did. As the Israeli human rights group Gisha has detailed, even before the election of Hamas, Israel controlled whether Gazans could enter or exit the Strip (In conjunction with Egypt, which controlled the Rafah checkpoint in Gaza's south). Israel controlled the population registry through which Gazans were issued identification cards. Upon evacuating its settlers and soldiers from Gaza, Israel even created a security perimeter inside the Strip from which Gazans were barred from entry. (Unfortunately for Gazans, this perimeter included some of the Strip’s best farmland).
“Pro-Israel” commentators claim Israel had legitimate security reasons for all this. But that concedes the point. A necessary occupation is still an occupation. That’s why it’s silly to analogize Hamas’ rockets—repugnant as they are—to Mexico or Canada attacking the United States. The United States is not occupying Mexico or Canada. Israel — according to the United States government —  has been occupying Gaza without interruption since 1967.
To grasp the perversity of using Gaza as an explanation for why Israel can’t risk a Palestinian state, it helps to realize that Sharon withdrew Gaza’s settlers in large measure because he didn’t want a Palestinian state. By 2004, when Sharon announced the Gaza withdrawal, the Road Map for Peace that he had signed with Mahmoud Abbas was going nowhere. Into the void came two international proposals for a two state solution. The first was the 2002 Arab Peace Initiative, in which every member of the Arab League offered to recognize Israel if it returned to the 1967 lines and found a “just” and “agreed upon” solution to the problem of Palestinian refugees. The second was the 2003 Geneva Initiative, in which former Israeli and Palestinian negotiators publicly agreed upon the details of a two state plan. As the political scientists Jonathan Rynhold and Dov Waxman have detailed, Sharon feared the United States would get behind one or both plans, and pressure Israel to accept a Palestinian state near the 1967 lines. “Only an Israeli initiative,” Sharon argued, “will keep us from being dragged into dangerous initiatives like the Geneva and Saudi initiatives.”
Sharon saw several advantages to withdrawing settlers from Gaza. First, it would save money, since in Gaza Israel was deploying a disproportionately high number of soldiers to protect a relatively small number of settlers. Second, by (supposedly) ridding Israel of its responsibility for millions of Palestinians, the withdrawal would leave Israel and the West Bank with a larger Jewish majority. Third, the withdrawal would prevent the administration of George W. Bush from embracing the Saudi or Geneva plans, and pushing hard—as Bill Clinton had done—for a Palestinian state. Sharon’s chief of staff, Dov Weisglass, put it bluntly: “The significance of the disengagement plan is the freezing of the peace process. And when you freeze that process, you prevent the establishment of a Palestinian state, and you prevent a discussion on the refugees, the borders and Jerusalem. Effectively, this whole package called the Palestinian state, with all that it entails, has been removed indefinitely from our agenda. And all this with authority and permission. All with a presidential blessing and the ratification of both houses of Congress.”
It’s no surprise, therefore, that the Gaza withdrawal did not meet minimal Palestinian demands. Not even the most moderate Palestinian leader would have accepted a long-term arrangement in which Israel withdrew its settlers from Gaza while maintaining control of the Strip’s borders and deepening Israeli control of the West Bank. (Even in the 2005, the year Sharon withdrew from Gaza, the overall settler population rose, in part because some Gazan settlers relocated to the West Bank).
In fact, Sharon’s advisors did not expect withdrawing Gaza’s settlers to satisfy the Palestinians. Nor did not they expect it to end Palestinian terrorism. Ehud Olmert, a key figure in the disengagement plan (and someone who himself later embraced Palestinian statehood), acknowledged that “terror will continue” after the removal of Gaza’s settlers. The key word is “continue.” Contrary to the American Jewish narrative, militants in Gaza didn’t start launching rockets at Israel after the settlers left. They began a half-decade earlier, at the start of the second intifada. The Gaza disengagement did not stop this rocket fire. But it did not cause it either.
Hamas Seized Power
I can already hear the objections. Even if withdrawing settlers from Gaza didn’t give the Palestinians a state, it might have made Israelis more willing to support one in the future - if only Hamas had not seized power and turned Gaza into a citadel of terror.
But Hamas didn’t seize power. It won an election. In January 2006, four months after the last settlers left, Palestinians in Gaza, the West Bank and East Jerusalem chose representatives to the Palestinian Authority’s parliament. (The previous year, they had separately elected Abbas to be the Palestinian Authority’s President). Hamas won a plurality of the vote - forty-five percent - but because of the PA’s voting system, and Fatah’s idiotic decision to run more than one candidate in several districts, Hamas garnered 58 percent of the seats in parliament.
To the extent American Jewish leaders acknowledge that Hamas won an election (as opposed to taking power by force), they usually chalk its victory up to Palestinian enthusiasm for the organization’s 1988 charter, which calls for Israel’s destruction (The president of the New York board of rabbis said recently that anyone who voted for Hamas should be considered a combatant, not a civilian). But that’s almost certainly not the reason Hamas won. For starters, Hamas didn’t make Israel’s destruction a major theme of its election campaign. In its 2006 campaign manifesto, the group actually fudged the question by saying only that it wanted an “independent state whose capital is Jerusalem” plus fulfillment of the right of return.
Don’t get me wrong. I’m not suggesting that by 2006 Hamas had embraced the two state solution. Only that Hamas recognized that running against the two state solution was not the best way to win Palestinian votes. The polling bears this out. According to exit polls conducted by the prominent Palestinian pollster Khalil Shikaki, 75 percent of Palestinian voters—and a remarkable 60 percent of Hamas voters—said they supported a Palestinian unity government dedicated to achieving a two state solution.
So why did Hamas win? Because, according to Shikaki, only fifteen percent of voters called the peace process their most important issue. A full two-thirds cited either corruption or law and order. It’s vital to remember that 2006 was the first Palestinian election in more than ten years. During the previous decade, Palestinians had grown increasingly frustrated by Fatah’s unaccountable, lawless and incompetent rule. According to exit polls, 85 percent of voters called Fatah corrupt. Hamas, by contrast, because it had never wielded power and because its charitable arm effectively delivered social services, enjoyed a reputation for competence and honesty.
Hamas won, in other words, for the same reason voters all across the world boot out parties that have grown unresponsive and self-interested after years in power. That’s not just Shikaki’s judgment. It’s also Bill Clinton’s. As Clinton explained in 2009, “a lot of Palestinians were upset that they [Fatah] were not delivering the services. They didn’t think it [Fatah] was an entirely honest operation and a lot of people were going to vote for Hamas not because they wanted terrorist tactics…but because they thought they might get better service, better government…They [also] won because Fatah carelessly and foolishly ran both its slates in too many parliamentary seats.”
This doesn’t change the fact that Hamas’ election confronted Israel and the United States with a serious problem. After its victory, Hamas called for a national unity government with Fatah “for the purpose of ending the occupation and settlements and achieving a complete withdrawal from the lands occupied [by Israel] in 1967, including Jerusalem, so that the region enjoys calm and stability during this phase.” But those final words—“this phase”—made Israelis understandably skeptical that Hamas had changed its long-term goals. The organization still refused to recognize Israel, and given that Israel had refused to talk to the PLO until it formally accepted Israel’s right to exist in 1993, it’s not surprising that Israel demanded Hamas meet the same standard.
Still, Israel and the U.S. would have been wiser to follow the counsel of former Mossad chief Efraim Halevy, who called for Sharon to try to forge a long-term truce with Hamas. Israel could also have pushed Hamas to pledge that if Abbas—who remained PA president—negotiated a deal with Israel, Hamas would accept the will of the Palestinian people as expressed in a referendum, something the group’s leaders have subsequently promised to do.
Instead, the Bush administration—suddenly less enamored of Middle Eastern democracy--pressured Abbas to dissolve the Palestinian parliament and rule by emergency decree. Israel, which also wanted Abbas to defy the election results, withheld the tax and customs revenue it had collected on the Palestinian Authority’s behalf. Knowing Hamas would resist Abbas’ efforts to annul the election, especially in Gaza, where it was strong on the ground, the Bushies also began urging Abbas’ former national security advisor, a Gazan named Mohammed Dahlan, to seize power in the Strip by force. As David Rose later detailed in an extraordinary article in Vanity Fair, Condoleezza Rice pushed Egypt, Jordan, Saudi Arabia and the United Arab Emirates to buy weapons for Dahlan, and for Israel to allow them to enter Gaza. As General Mark Dayton, US security coordinator for the Palestinians, told Dahlan in November 2006, “We also need you to build up your forces in order to take on Hamas.”
Unfortunately for the Bush administration, Dahlan’s forces were weaker than they looked. And when the battle for Gaza began, Hamas won it easily, and brutally. In response, Abbas declared emergency rule in the West Bank.
So yes, members of Hamas did throw their Fatah opponents off rooftops. Some of that may have been payback because Dahlan was widely believed to have overseen the torture of Hamas members in the 1990s. Regardless, in winning the battle for Gaza, Hamas—which had already shed much Israeli blood - shed Palestinian blood too.
But to suggest that Hamas “seized power” - as American Jewish leaders often do - ignores the fact that Hamas’ brutal takeover occurred in response to an attempted Fatah coup backed by the United States and Israel. In the words of David Wurmser, who resigned as Dick Cheney’s Middle East advisor a month after Hamas’ takeover, “what happened wasn’t so much a coup by Hamas but an attempted coup by Fatah that was pre-empted before it could happen.”
The Greenhouses
Israel responded to Hamas’ election victory by further restricting access in and out of Gaza. As it happens, these restrictions played a key role in explaining why Gaza’s greenhouses did not help it become Singapore. American Jewish leaders usually tell the story this way: When the settlers left, Israel handed over their greenhouses to the Palestinians, hoping they would use them to create jobs. Instead, Palestinians tore them down in an anti-Jewish rage.
But one person who does not endorse that narrative is the prime mover behind the greenhouse deal, Australian-Jewish businessman James Wolfensohn, who served as the Quartet’s Special Envoy for Gaza Disengagement. In his memoir, Wolfensohn notes that “some damage was done to the greenhouses [as the result of post-disengagement looting] but they came through essentially intact” and were subsequently guarded by Palestinian Authority police. What really doomed the greenhouse initiative, Wolfensohn argues, were Israeli restrictions on Gazan exports. “In early December [2005], he writes, “the much-awaited first harvest of quality cash crops—strawberries, cherry tomatoes, cucumbers, sweet peppers and flowers—began. These crops were intended for export via Israel for Europe. But their success relied upon the Karni crossing [between Gaza and Israel], which, beginning in mid-January 2006, was closed more than not. The Palestine Economic Development Corporation, which was managing the greenhouses taken over from the settlers, said that it was experiencing losses in excess of $120,000 per day…It was excruciating. This lost harvest was the most recognizable sign of Gaza’s declining fortunes and the biggest personal disappointment during my mandate.”
The point of dredging up this history is not to suggest that Israel deserves all the blame for its long and bitter conflict with Hamas. It does not. Hamas bears the blame for every rocket it fires, and those rockets have not only left Israelis scarred and disillusioned. They have also badly undermined the Palestinian cause.
The point is to show—contrary to the establishment American Jewish narrative—that Israel has repeatedly played into Hamas’ hands by not strengthening those Palestinians willing to pursue statehood through nonviolence and mutual recognition. Israel played into Hamas’ hands when Sharon refused to seriously entertain the Arab and Geneva peace plans. Israel played into Hamas’ hands when it refused to support a Palestinian unity government that could have given Abbas the democratic legitimacy that would have strengthened his ability to cut a two state deal. And Israel played into Hamas’ hands when it responded to the group’s takeover of Gaza with a blockade that—although it has some legitimate security features—has destroyed Gaza’s economy, breeding the hatred and despair on which Hamas thrives.
In the ten years since Jewish settlers left, Israeli policy toward Gaza has been as militarily resourceful as it has been politically blind. Tragically, that remains the case during this war. Yet tragically, the American Jewish establishment keeps cheering Israel on.

Gideon Levy: Obbedienza cieca



Gideon Levy: Obbedienza cieca
Internazionale n.1060 18/24.7.2014
Gideon Levy, Ha'aretz
Per un pilota israelianola più grande dimostrazionedi coraggio è rifiutarsidi uccidere dei civili
T|ra i soldati delle forze armate israeliane sono i più eloquenti,educati, intelligenti e istruiti. Durante il servizio militare studiano nelle migliori università. Provengono dalle migliori famiglie e dalle migliori scuole superiori. Negli anni di addestramento imparano le tecniche di volo, l'elettronica, le strategie di combattimento. Sono la meglio gioventù di Israele, destinata a fare grandi cose. Ma oggi i piloti israeliani commettono le azioni più crudeli che si possano immaginare.
Comodamente seduti nelle loro cabine, armeggiano con pulsanti e leve. E un gioco di guerra. Dall'alto decidono chi vince e chi muore. Osservano piccoli puntini neri che corrono in preda al panico e scappano per sopravvivere. Alcuni, sui tetti delle case, agitano le mani, sconvolti dal terrore. La freccia nera punta il bersaglio. Un attimo dopo si alza del fumo nero. I piloti israeliani non sono mai stati attaccati da un aereo nemico. Ai tempi dell'ultima battaglia aerea sostenuta dall'aviazione israeliana, non erano ancora nati. E non hanno mai visto da vicino le loro vittime.
Sono gli eroi.di Israele, quelli che avranno successo nella vita. Sposeranno le ragazze più belle. Vivranno in un grazioso insediamento. Diventeranno capitani degli aerei El Al, imprenditori, professionisti. Voteranno per politici di centro, come Yair Lapid, e per partiti di sinistra, come il Meretz. Insegneranno ai figli come diventare cittadini modello. Dimenticheranno in fretta cos'hanno fatto durante il servizio militare. Ma in fondo hanno ben poco da dimenti-
care. Dalla cabina di un F-16 non si vede quasi niente. Non sono poliziotti di frontiera che rincorrono i bambini nei vicoli e poi li picchiano. Non fanno parte della brigata di fanteria Golani, che fa irruzione nelle case dei palestinesi in piena notte. Non sorvegliano i checkpoint. Non usano un linguaggio scurrile e non umiliano l'avversario. Sono educati. Sono i piloti dell'esercito più virtuoso del mondo,
Ma mentre scrivo hanno già ucciso duecento persone e ne hanno ferite più di un migliaio. La maggior parte erano civili. Pochi giorni fa hanno ucciso una ventina di persone della famiglia Al Batash. Il loro bersaglio era il capo della polizia di Gaza, Taysir al Batash. L'attacco ha causato 21 morti, tra cui sei bambini e quattro donne. Un'intera famiglia spazzata via.
Certo, la colpa non è (solo) dei piloti. Loro eseguono gli ordini. Spingono il pulsante giusto al momento giusto. Ma lo fanno con un automatismo e una cecità che fanno venire i brividi. Sono davvero convinti che eseguendo mille operazioni e sganciando mille tonnellate di bombe sulla Striscia di Gaza stiano solo facendo il loro dovere?
Per quanto ne sappiamo, finora nessuno di loro si è ancora "ribellato". Nel 2003 27 piloti non eseguirono gli ordini. Fecero qualcosa di più coraggioso: in una lettera scrissero che si rifiutavano di partecipare a operazioni che mettessero in pericolo i civili. Stavolta non è successo niente di simile.
Non c'è nessun Yonatan Shapira e nessun Iftach Spector (due dei firmatari della lettera). Nessuno si è chiesto se è davvero questo il modo giusto di andare avanti. Nessuno si è rifiutato di far parte di uno squadrone della morte.

Gaza :Noi non vogliamo “il ritorno a una morte vivente” di assedio e di blocco.



immagine1
Noi non vogliamo “il ritorno a una morte vivente” di assedio e di blocco.
Come studiosi, personaggi pubblici e attivisti che testimoniano il genocidio, previsto, di 1.800.000 Palestinesi che vivono nella Striscia di Gaza, chiediamo un cessate il fuoco con Israele solo a condizione della fine del blocco e il ripristino delle libertà fondamentali che sono state negate al popolo per più di sette anni.
Le nostre preoccupazioni principali non sono solo per la salute e la sicurezza delle persone nella nostra comunità, ma anche la qualità della loro vita: la condizione obbligata di vivere nella paura, non liberi sotto ingiusta detenzione, senza possibilità di sostenere le propie famiglie attraverso un lavoro retribuito, di recarsi a visitare i parenti, di migliorare la propria istruzione.
Queste sono le aspirazioni fondamentali dell’uomo che sono state severamente limitate al popolo palestinese per più di 47 anni, ma nei fatti particolarmente negate alla popolazione di Gaza dal 2007. Siamo stati spinti oltre i limiti di ciò che un essere umano può sopportare.
Una morte vivente
Giornalisti e politici vari accusano Hamas di ordinare ai residenti di Gaza di resistere di fronte all’ ordine di evacuazione delle forze armate israeliane e di usarli come scudi umani: tali accuse non sono vere. Con i rifugi temporanei affollati non c’è alcun luogo sicuro a Gaza per la popolazione, che si trova sotto indiscriminati bombardamenti. Inoltre Hamas ha rappresentato il sentimento della stragrande maggioranza della popolazione quando ha respinto il cessate il fuoco unilaterale proposto da Egitto e Israele, una proposta senza consultare Gaza. .
Condividiamo il sentimento pubblico, ampiamente dichiarato, che è inaccettabile ritornare allo status quo in cui Israele continui a negare la libertà di movimento verso la striscia di Gaza e fuori dalla Striscia di Gaza; continui a controllare e limitare gli arrivi delle forniture di vari materiali (tra cui il divieto per la maggior parte dei materiali da costruzione) e vietando contemporaneamente tutte le esportazioni, paralizzando così l’economia, causa che ha determinato per Gaza uno dei più alti tassi di povertà e disoccupazione dei paesi arabi. Lasciare invariate le situazioni significa: proporre una morte vivente.Purtroppo, l’esperienza passata ha dimostrato che il governo israeliano rinnega ripetutamente gli accordi negoziati, così come sugli i impegni presi. e le garanzie date. Allo stesso modo, la comunità internazionale non ha dimostrato alcuna volontà politica nel far rispettare questi impegni.
Pertanto, si potrà parlare di cessate il fuoco solo quando le condizioni degli accordi determinano quanto segue:
  • La libertà di movimento dei palestinesi dentro e fuori la Striscia di Gaza.
  • Importazione ed esportazione illimitata di forniture e merci, provenienti via terra, mare e aria.
  • Utilizzo senza limiti di navigazione del porto di Gaza.
  • Monitoraggio e applicazione di questi accordi da parte di un organo nominato dalle Nazioni Unite, con le opportune misure di sicurezza.
Ognuna di queste richieste è prerogativa dei paesi liberi, è tempo che ai Palestinesi di Gaza vengano riconosciuti i diritti umani.
Sottoscritto:
  • Akram Habeeb, Assistant Professor of American Literature, Islamic University of Gaza (IUG)
  • Mona El-Farra, Vice President and Health Chair of the Palestinian Red Crescent Society
  • Ramy Abdu PhD, Chairman of the Euro-mid Observer
  • Abdullah Alsaafin, Palestinian Writer/journalist
  • Ali Alnazli, Businessman
  • Adel Awadallah, Head of the Scientific Research Council
  • Hanine Hassan, Graduate Research Assistant
  • Sheren Awad, Journalist
  • Yahia Al-Sarraj, Associate Professor of Transportation, IUG
  • Tawfik Abu Shomar, Writer and political analyst
  • Hasan Owda, Businessman
  • Ibrahim AlYazji, Businessman
  • Walid Al Husari, Chair, Gaza Chamber of Commerce
  • Nael Almasri, Dentist
  • Wael El-Mabhouh, Political researcher
  • Rami Jundi, Political researcher
  • Ashraf Mashharawi, Filmmaker
  • Mohammad Alsawaf, Journalist
  • Hasan Abdo, Writer and political analyst
  • Kamal El Shaer, Political researcher
  • Omar Ferwana, Dean of Medicine Faculty, IUG
  • Iyad I. Al-Qarra, Journalist, Palestine newspaper
  • Musheir El-Farra, Palestinian activist and author
  • Khalil Namrouti, Associate Professor in Economics, IUG
  • Moein Rajab, Professor in Economics, Al-Azhar University – Gaza
  • Basil Nasser, Planning advisor
  • Hani Albasoos, Associate Professor in Political Science, IUG
  • Arafat Hilles, Assistant Professor, Al-Quds Open University
  • Imad Falouji, Head of Adam Center for Dialogue of Civilizations
  • Moin Naim, Writer and political analyst
  • Yousri Alghoul, Author
  • Mohammad Jayyab, Editor of Gaza Journal of Economics
  • Mousa Lubbad, Lecturer in Finance, Al-Aqsa University
  • Iskandar Nashwan, Assistant Professor in Accounting, Al-Aqsa University
  • Shadi AlBarqouni, Graduate Research Assistant
  • Adnan Abu Amer, Head of Political Department, Al-Umma University
  • Wael Al Sarraj, Assistant Professor in Computer Science, IUG
  • Said Namrouti, Lecturer in Human Resource Management, IUG
  • Khaled Al-Hallaq, Assistant Professor in Civil Engineering, IUG
  • Asad Asad, Vice Chancellor for Administrative Affairs, IUG
  • Hazem Alhusari, Lecturer in Finance, Al-Aqsa University
  • Shadi AlBarqouni, Graduate Research Assistant
  • Deya’a Kahlout, Journalist, Al-Araby newspaper
  • Raed Salha, Assistant Professor in Geography, IUG
  • Sameeh Alhadad, Businessman
  • Tarek M. Eslim, CEO, Altariq Systems and Projects
  • Sami Almalfouh PhD, Senior engineer
  • Fayed Abushammalah, Journalist
  • Fadel Naeim, Chairman of Palestine Physicians Syndicate
  • Zeyad Al-Sahhar, Associate Professor in Physics , Al-Aqsa University
  • Iyad Abu Hjayer, Director, Palestinian Center for Democracy and Conflict Resolution
  • Wael Al-Daya, Associate Professor in Finance, IUG
  • Younis Eljarou, Head of the Red Crescent Society for the Gaza Strip
  • Donia ElAmal Ismail, Head of the Creative Women Association
  • Zeinab Alghonemi, Head of Women for Legal Consulting Association
  • Amjad AlShawa, Palestinian Nongovernmental Organizations Network (PNGO)
  • Mohsen Abo Ramadan, Head of Palestinian Nongovernmental Organziations Network (PNGO)
  • Abed Alhameed Mortaja, Assistant Professor of Linguistics, IUG
  • Talal Abo Shawesh , Head of Afaq Jadeeda Association
  • Zohair Barzaq, Red Crescent Society for the Gaza Strip
  • Marwan Alsabh, Red Crescent Society for the Gaza Strip
  • Ghassan Matar, Red Crescent Society for the Gaza Strip
  • Rania Lozon, Writer
  • Ashraf Saqer, IT Specialist
  • Samir AlMishal, Mishal Cultural Centre
  • Jamila Sarhan, Independant Commission for Human Rights
  • Jalal Arafat, Union of Agricultrual Work Committees
  • Khalil Abu Shammala, Aldameer Association for Human Rights
  • Jamila Dalloul, Association Head of Jothor ElZaiton
  • Maha Abo Zour, Psychologist
  • Psychologist Ferdous Alkatari
  • Yousef Awadallah, Health Work Committee
  • Yousef Alswaiti, Al-Awda Hospital Director
  • Taysir Alsoltan, Head of Health Work Committees
  • Taghreed Jomaa, Union of Palestinian Women’s Committees
  • Imad Ifranji, Journalist, Alquds TV
  • Jehal Alaklouk, Activist
  • Adel Alborbar, Boycott Committee
  • Hatem AbuShaban, Board of Trustees of Al-Azhar University – Gaza
  • Saleh Zaqout, Secretary of the Red Crescent Society for the Gaza Strip
  • Mohammed Alsaqqa, Lawyer
  • Nihad Alsheikh Khalil, Professor of Modern and Contemporary History, IUG
  • Mohsen Alafranji, Lecturer at Media Department, IUG
  • Nedal Farid, Dean of Business Faculty, Al-Aqsa University
  • Salem Helles, Dean of Commerce Faculty, IUG
  • Ahmad Ali PhD, Economic Analysis
  • Raed M. Zourob PhD, Head of the Department of Preventive Medicine, Ministry of Health
  • Mosheer Amer, Professor of Lingusitics, IUG
  • Moheeb Abu Alqumboz, Lecturer
  • Fatma Mukhalalati, Supreme Court judge
  • Fahmi Alnajjar, Supreme C

Da Gaza un gruppo di leader della Società Civile – 24 Luglio 2014

http://www.gazzella-onlus.com/2014/07/24/24-luglio-2014-da-gaza-un-gruppo-di-leader-della-societa-civile/
gazzella
Contrassegnato con i tag:

Abuna Mario : La Montagna Coraggiosa…

di
la Montagna Coraggiosa
Finalmente verso le 22.00 sono riuscito ad avere sue notizie…ci eravamo lasciati ieri sera alle due di notte ed oggi non ero riuscito a parlarci. Vi affido le sue parole:
“La giornata di oggi ha avuto una piccola tregua dalle h.14 alle h.16….prima e dopo sono ripresi colpi sparsi sopra la chiesa….in questo momento li senti gli aerei e i droni che ripartono per bombardare ? Sarà un altra lunga notte…”.
Ascolto in sottofondo il rumore dei droni ed inizio a pregare nel mio cuore in silenzio…ed allora lui riprende:
Fino ad oggi la Madonna ci ha protetto…continuerà a farlo servendosi anche della collaborazione di tanti amici che pregano per noi”  mi dice con voce forte e piena di fede, il mitico abuna George…o meglio la Montagna Coraggiosa, come lo hanno definito alcuni ragazzi musulmani nel vederlo all’opera!
La situazione è al limite dell’umano- prosegue abuna - per esempio nelle scuole dove si sono raccolti i profughi iniziano le prime risse ed anche qualche accoltellamento perché iniziano a scarseggiare gli aiuti e non bastano per tutti… La corrente elettrica manca da tre giorni e le tenebre di notte sono davvero pesanti e molto lunghe dato che ogni due minuti quando cade una nuova bomba pensi che potrebbero essere gli ultimi due minuti….tutta la notte passa in questo modo tra attesa e preghiera!!!”
Sono contento di averlo risentito…avevo provato tutto il giorno ma non ero riuscito e chissà per quanto ancora ci sentiremo dato che mancando l’elettricità, oltre ai tanti enormi problemi, non si potrà nemmeno ricaricare i cellulari e la paura che restino isolati fuori dal mondo è davvero tanta. Approfitto di questo momento e lo lascio raccontare:
“Oggi dopo altri bombardamenti un gruppo di circa 50 persone ha tentato di sfondare il cancello per entrare in chiesa…gli ho mostrato le macerie dell’ultimo bombardamento ed ecco che sono ripartiti chissà verso dove…. I carriarmati sono arrivati all’ingresso della strada che porta alla parrocchia ed oggi gli sono passato davanti per andare a parlare con le nostre famiglie che non ce la fanno più…questa attesa e questa paura sta devastando la psiche di tutti: i piccoli hanno problemi e piangono in continuo ma anche i grandi non sono da meno…la paura è tanta ma anche la fiducia che questo incubo finisca presto!!!”
Lo saluto con il cuore gonfio di sofferenza e dolore ma anche di speranza perchè finchè la nostra piccola comunità è protetta da questa Montagna coraggiosa, non posso non essere fiducioso come lui!!!   STAY IN PRAYER TO STAY HUMAN!!!

Gaza :SCUOLA BOMBARDATA, CAPO UNRWA: “VERGOGNA UNIVERSALE”

 Misna

 

STRISCIA DI GAZA SCUOLA BOMBARDATA, CAPO UNRWA: “VERGOGNA UNIVERSALE”

“Ieri notte i bambini stavano dormendo sul pavimento, vicino ai loro genitori, in una delle nostre scuole a Gaza designate per dare rifugio agli sfollati. Questi bambini sono stati uccisi durante il sonno: un affronto per tutti noi, una vergogna di proporzioni universali. Oggi il mondo si trova davanti a una tragedia”.
Non lasciano spazio all’interpretazione le parole di Pierre Krähenbühl, commissario generale dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (Unrwa), affidate a un comunicato ufficiale diffuso poco fa.
“Siamo stati sul luogo di questa disgrazia – ha dichiarato Krähenbühl – e abbiamo raccolto le prove. Abbiamo analizzato i frammenti, esaminato i crateri e gli altri danni. La prima ricognizione prova che sia stata l’artiglieria israeliana a colpire la nostra scuola, dove 3.300 persone avevano trovato rifugio. Crediamo che l’area sia stata colpita almeno tre volte. È ancora troppo presto per confermare il numero ufficiale delle vittime, ma sappiamo che sono diversi i morti e i feriti, tra loro donne e bambini e una delle guardie dell’Unrwa a protezione della scuola. Tutte queste persone avevano seguito l’avviso delle Forze armate israeliane di lasciare le proprie case”.
Le coordinate precise della Scuola elementare per bambine di Jabalia, insieme al fatto che stesse ospitando migliaia di sfollati, sottolinea ancora il commissario generale dell’Unrwa, “erano stati comunicati alle Forze armate israeliane in 17 diverse occasioni, proprio per assicurarne la protezione. L’ultima comunicazione è stata fornita alle 20:50 la scorsa notte, poche ore prima del bombardamento fatale. Condanno nella maniera più risoluta questa grave violazione delle leggi internazionali da parte dell’esercito israeliano”.
Krähenbühl ricorda che “è la sesta volta che una delle nostre scuola viene colpita. Il nostro staff, le persone che guidano la risposta umanitaria, viene ucciso. I nostri rifugi che ospitano gli sfollati sono al massimo della capacità. Decine di migliaia di persone presto non avranno altra alternativa se non riversarsi nelle strade di Gaza, senza cibo né acqua e nessun rifugio, se l’offensiva continuerà”.
Per Krähenbühl, “siamo oramai oltre il regno del puro intervento umanitario, siamo entrati nel regno delle responsabilità. Mi appello alla comunità internazionale – conclude – per intraprendere un’azione politica per fermare immediatamente questa carneficina”.
(vedi anche notizia delle ore 8:30)
[FB]

Gaza :BOMBARDATO UN MERCATO, È STRAGE

Misna

Almeno 15 persone sono state uccise e 160 ferite in conseguenze di un bombardamento israeliano su un mercato popolare alla periferia di Gaza City: lo ha riferito un portavoce del governo palestinese, sottolineando che l’esplosione si è verificata mentre tra i banchi di frutta e verdura c’erano donne e bambini.
Sulla base delle informazioni disponibili, il raid è avvenuto dopo l’entrata in vigore di quella che Israele aveva presentato come “una tregua umanitaria” di quattro ore. Il mercato colpito si trova a Shejaiya, un sobborgo orientale di Gaza City dove negli ultimi giorni i bombardamenti erano stati particolarmente devastanti.
(Vedi anche notizie delle 8.30 e delle 15.30)
[VG]

DOPO ECUADOR E BRASILE, ANCHE PERÙ, CILE E SALVADOR CONTRO OFFENSIVA A GAZA

 Misna

 

DOPO ECUADOR E BRASILE, ANCHE PERÙ, CILE E SALVADOR CONTRO OFFENSIVA A GAZA 

NTERNAZIONALE DOPO ECUADOR E BRASILE, ANCHE PERÙ, CILE E SALVADOR CONTRO OFFENSIVA A GAZA

“La portata e l’intensità delle operazioni israeliane a Gaza violano il principio di proporzionalità nell’uso della forza” e pertanto non rispettano “norme fondamentali del diritto internazionale umanitario”: con questa motivazione il Cile ha richiamato per consultazioni il suo ambasciatore a Tel Aviv, Jorge Montero. “Non sappiamo quanto tempo resterà a Santiago, dovremo valutarlo” ha detto il capo della diplomazia di Santiago, Heraldo Muñoz, da Caracas, dove partecipa al vertice del Mercosur (Mercato comune sudamericano). Allo stesso summit, il Brasile, capofila dell’opposizione latinoamericana all’offensiva su Gaza, chiederà formalmente il sostegno dei suoi soci – Argentina, Paraguay, Uruguay e Venezuela – dopo essere stato aspramente contestato da Israele.
Di pari passo con il Cile, anche il Perù ha annunciato il richiamo del suo ambasciatore, José Salinas: “Non può protrarsi una situazione in cui tanti civili e tanti bambini stanno morendo…Guardavamo con grande speranza alla tregua dichiarata, sperando che fosse la cessazione dell’ostilità e l’inizio di negoziati. Purtroppo non è stato così” ha detto il ministro degli Esteri di Lima, Gonzalo Gutiérrez. La decisione, ha aggiunto, è stata presa contemporaneamente al Cile, come dimostrato sulla perfetta sincronia con cui sono stati diffusi i relativi comunicati.
E anche il Salvador si è unito a Cile e Perù, dando istruzioni per il richiamo per consultazioni del suo ambasciatore in Israele, Susana Edith Gun de Hasenson, “fino a nuovo ordine”. “Esprimiamo la nostra solidarietà con i bambini, le bambine, le donne, gli uomini, gli anziani che sono vittime dei bombardamenti indiscriminati nella Striscia di Gaza, mentre allo stesso tempo condanniamo nel modo più energico queste azioni” ha detto il presidente Salvador Sánchez Cerén, parlando a margine del summit del Mercosur. In modo analogo si erano comportati nei giorni scorsi anche Ecuador e Brasile.
[FB]

Gaza:una lavagna, una scuola che non c'è più

Foto: Gaza. Sulla lavagna: "Scherzavamo (come tutti gli scolari del mondo) quando dicevamo speriamo che caschi questa scuola!"


 Sulla lavagna: "Scherzavamo (come tutti i ragazzi del mondo)quando dicevamo speriamo che caschi questa scuola

(foto tratta da FB)

Non è auto-difesa: l'assalto a Gaza e la corruzione della lingua

Un uomo palestinese trova in mezzo a detriti a seguito di un attacco aereo israeliano a Gaza City il 11 luglio (Foto: Mohammed Abed / AFP / Getty Images).

Un uomo palestinese in mezzo a detriti a seguito di un attacco aereo israeliano a Gaza City il 11 luglio (Foto: Mohammed Abed / AFP / Getty Images).
Stiamo assistendo all' 'indicibile, di nuovo. Ci sono parole  sufficienti per l'abominio di questo  assalto continuo di Israele su Gaza, ?1400 palestinesi sono stati uccisi in Operazione Piombo Fuso 161 sono stati uccisi nel 2012 .Già più di un migliaio di palestinesi sono morti  e il presidente Obama continua a chiamarla auto-difesa, anche se si rammarica doverosamente per la perdita di vite civili innocenti.
 E 'questa variegata, differenziata, creativa , vitale, persistente esistenza dei palestinesi che frustra Israele, non l'esistenza di Hamas o dei suoi razzi, che Israele non ha mai realmente cercato di sradicare, utilizzandoli come  comoda scusa  per le sue incursioni periodiche e stragi. E'   un  diritto dei palestinesi, come un popolo occupato, a resistere a  Israele  che nega loro il diritto di esistere.
Israele sembra ancora una volta voler uccidere così tanti palestinesi in modo che le loro identità individuale si dissolvano   in una massa statistica indifferenziata e diventino senza nome . Non è sufficiente che siano uccisi. La loro stessa esistenza deve essere annullata, in linea con la vecchia menzogna sionista di una terra senza popolo.
Ma per farlo i palestinesi devono essere moralmente sfrattati oltre la linea che separa gli esseri umani dalle cose . Così  Israele e il loro gregge globale di pappagalli dei media chiacchierano  seriamente su come la cultura araba non apprezzi la vita umana come gli israeliani fanno. Oppure, come negli Stati Uniti il generale James Conway  bela sull'"abisso morale profondo " che separa Israele dai suoi nemici  e  Ruth Wisse  riporta fino alla nasua quanto  Golda Meir disse "  la pace sarebbe venuto ", quando gli arabi ameranno i loro figli più di quanto odino noi"  o come  Ari Shavit   che si chiede perché la Palestina non abbia ancora prodotto un Nelson Mandela, dimenticando che per decenni Mandela fu incarcerato come terrorista.
E questo contorto, moraleggiante vizioso circolo  è sostenuto dal coro degli alleati di Israele  che ripetono la canzone dell' auto-difesa, della protezione dei civili israeliani innocenti a scapito della vita dei palestinesi, della democrazia che  lotta contro il terrorismo. In particolare  questo coro  è guidata dagli Stati Uniti e ripreso da tutte le ex potenze coloniali e coloni che l'Europa ha generato.
Se l'espansione coloniale e l'intervento militare contro le popolazioni sottomesse non fossero state definite   difesa, come potrebbero gli Stati Uniti continuare a massacrare  civili pakistani o yemeniti  con attacchi dei droni ? Come potrebbero  continuare a torturare e imprigionare gente a tempo indeterminato senza  processo nel suo arcipelago extraterritoriale di campi di prigionia? Anche questi sono fatti in nome della difesa.
Nel frattempo il massacro di bambini palestinesi continua, la loro carne  è lacerata in troppi casi da dardi che le bombe di Israele deliberatamente disperdono in quartieri densamente popolati :Decine di migliaia di sfollati e  civili sono intrappolati tra le rovine.I termini sono: 
 "falciatura del prato",  i palestinesi "scarafaggi in una bottiglia",  e si chiede lo stupro o la macellazione delle donne palestinesi le cui uteri  producono  serpenti . La  democrazia e la civiltà sono pervertiti in termini che disegnano la linea tra esseri umani e bruti che possono essere sterminati impunemente; dove la difesa diventa il nome per la macellazione e la distruzione indiscriminata; dove per cura per i civili si intende  perseguitare coloro che non hanno nessun posto dove scappare, parole che meglio esprimono nella loro stessa corruzione  ,la catastrofe che è stata ancora una volta inflitta a Gaza.



Gli hacker cinesi hanno rubato i segreti dell'Iron Dome israeliana

 

 Scritto da:  - 

Iron Dome Israeliana | guerra a Gaza | hacker cinesi

www.downloadblog.it › Sicurezza Informatica

A distanza di anni, la famigerata gang di hacker cinesi finanziati dal loro governo nota come Comment Crew fa parlare ancora di sè, con un cybercrime straordinariamente attuale in questi tempi di guerra

 

Sono ben tre i contractor per la difesa missilistica Iron Dome israeliana a essere rimasti vittima di misteriosi hacker. Si è trattata di un’operazione di spionaggio in piena regola, che ha causato il furto di quantità significative di dati coperti da segreto. I cybercrime sarebbero avvenuti tra il 2011 e il 2012, quando il problema della sicurezza informatica non era altrettanto sentito - ma le attività di gruppi di criminali informatici finanziati da governi senza scrupoli erano probabilmente ad un picco.
Uno dei paesi più tristemente noti per le scorribande informatiche è la Cina, e secondo la Cyber Engineering Services sono stati proprio i famigerati hacker cinesi ad aver invaso i network delle aziende di sicurezza militare israeliane Elistra Group, Israel Aerospace Industries e Rafael Advanced Defense Systems.
La Cyber Engineering Services (CyberESI) è un’azienda di sicurezza informatica statunitense, impegnata in questo periodo nell’infiltrazione di un network informatico clandestino operato dagli hacker cinesi. Nel corso dell’indagine ha scoperto informazioni su queste scorribande informatiche, che finora erano rimaste sotto silenzio. Secondo CyberESI il bersaglio erano proprio le informazioni sul sistema Iron Dome.
I responsabili sembrano essere proprio quella Comment Crew cinese di cui abbiamo spesso avuto modo di parlare.
Gli israeliani hanno risposto alle domande in merito da parte di CyberESI con la loro caratteristica cordialità, definendole una “notizia vecchia” e rifiutando altri contatti. Secondo KrebsOnSecurity, i contractor in questione non hanno affatto informato i loro partner statunitensi della fuoriuscita di queste tecnologie militari, nonostante il ruolo chiave che le industrie americane (e i fondi del loro governo) giocano nel funzionamento dell’Iron Dome.
Il missile Arrow 3 e i droni che costituiscono parte integrante di questo sistema infatti sono nati nei laboratori di Boeing e altri contractor della difesa USA. Una portavoce di Israeli Air Industry ha fatto sapere che l’azienda ha “intrapreso tutti i passi necessari per impedire altri incidenti similari in futuro”.
© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

Amira Hass : LA DISFATTA MORALE DI ISRAELE CI PERSEGUITERA' PER ANNI.


An Israeli tank is seen before entering the Gaza Strip near Israel's border with the Gaza strip on July 24, 2014. (photo: Activestills) 
Abbiamo superato I 1.000 morti palestinesi. Quanti altri ancora?

di Amira Hass, - Haaretz 28 luglio 2014

Se la vittoria si misura in base al numero dei morti, allora Israele e il suo esercito sono dei grandi vincitori. Da sabato, quando ho scritto queste parole, a domenica, quando voi le leggete, il numero [dei morti palestinesi] non sarà più di 1.000 (di cui il 70-80% civili), ma anche di più.[sono 1200 ndt]
Quanti altri ancora? Dieci corpi, diciotto? Altre tre donne incinte? Cinque bambini uccisi, con gli occhi semichiusi, le bocche aperte, i loro piccoli denti sporgenti, le loro magliette coperti di sangue e tutti trasportati su una sola barella? Se vittoria vuol dire causare al nemico una pila di bambini massacrati su una sola barella, perché non ce ne sono abbastanza, allora avete vinto, capo di stato maggiore Benny Gantz e ministro della Difesa Moshe Ya’alon, voi e la nazione che vi ammira.
E il trofeo va anche alla Nazione delle Start Up, questa volta alla start up premiata per sapere e riferire il meno possibile al maggior numero possibile di mezzi di comunicazione e siti web internazionali. “Buon giorno, è stata una notte tranquilla” ha annunciato plaudente il conduttore della radio militare giovedì mattina. Il giorno precedente il felice annuncio, l’esercito israeliano ha ucciso 80 palestinesi, 64 dei quali civili, compresi 15 bambini e 5 donne. Almeno 30 di loro sono stati uccisi durante quella stessa notte tranquilla da una devastante cannoneggiamento, bombardamento e fuoco di artiglieria israeliana, e senza contare il numero di feriti o di case distrutte.
Se la vittoria si misura con il numero di famiglie distrutte in due settimane – genitori e bambini, un genitore e qualche bambino, una nonna e alcune nuore, nipoti e figli, fratelli e i loro bambini, in tutte le variabili che si possono scegliere – allora noi siamo i vincitori. Ecco qui i nomi a memoria: Al-Najjar, Karaw’a, Abu-Jam’e, Ghannem, Qannan, Hamad, A-Salim, Al Astal, Al Hallaq, Sheikh Khalil, Al Kilani. In queste famiglie, i pochi membri sopravvissuti ai bombardamenti israeliani nelle scorse due settimane invidiano la loro morte.E non bisogna dimenticare la corona di alloro per i nostri esperti giuridici, quelli senza i quali l’esercito israeliano non fa una mossa. Grazie a loro, far saltare in aria una casa intera – sia vuota o piena di gente – è facilmente giustificato se Israele identifica uno dei membri della famiglia come obiettivi legittimi ( che si tratti di un importante dirigente o semplice membro di Hamas, militare o politico, fratello o ospite della famiglia).
“Se questo è ammesso dalle leggi internazionali” mi ha ditto un diplomatico occidentale, scioccato dalla posizione a favore di Israele del suo stesso Stato, “vuol dire che qualcosa puzza nelle leggi internazionali.”
E un altro mazzo di fiori per i nostri consulenti, i laureati delle nostre esclusive scuole di diritto in Israele e negli Stati Uniti, e forse anche in Inghilterra: sono certo loro che suggeriscono all’esercito israeliano perché è consentito sparare alle squadre di soccorso palestinesi e impedirgli di raggiungere i feriti. Sette membri delle equipe mediche che stavano cercando di soccorrere i feriti sono stati uccisi da colpi sparati dall’esercito israeliano in due settimane, gli ultimi due solo lo scorso venerdì. Altri sedici sono stati feriti. E questo non include i casi nei quali il fuoco dell’esercito israeliano ha impedito alle squadre di soccorso di arrivare sulla scena del disastro.Ripeterete sicuramente quello che sostiene l’esercito:”Le ambulanze nascondevano dei terroristi” – poiché i palestinesi non vogliono veramente salvare i loro feriti, non voglio veramente evitare che muoiano dissanguati sotto le macerie, non è questo che pensate? Forse che i nostri acclamati servizi di sicurezza, che in tutti questi anni non hanno saputo scoprire la rete di tunnel, sa in tempo reale che in ogni ambulanza colpita direttamente dal fuoco dell’esercito, o il cui cammino per salvare persone ferite è stato bloccato, ci sono davvero palestinesi armati? E perché è ammissibile salvare un soldato ferito al prezzo del bombardamento di un intero quartiere, ma non è consentito salvare un anziano palestinese sepolto sotto le macerie? E perché è proibito salvare un uomo armato, o meglio un combattente palestinese, ferito mentre respingeva un esercito straniero che ha invaso il suo quartiere?
Se la vittoria si misura con il successo nel provocare trauma permanenti a un milioneottocentomila persone (e non per la prima volta) che si aspettano in ogni momento di essere giustiziati – allora la vittoria è vostra.Queste vittorie si aggiungono alla nostra implosione morale, la sconfitta etica di una società che ora si impegna a non fare un’auto-analisi, che si bea nell’autocommiserazione a proposito di ritardi nei voli aerei e che si fregia dell’arroganza di chi è di è libero da pregiudizi. È una società che ovviamente è in lutto per i propri oltre 40 soldati uccisi, ma allo stesso tempo indurisce il proprio cuore e la propria mente di fronte a tutte le sofferenze e al coraggio morale ed eroismo del popolo che stiamo attaccando. Una società che non capisce quale sia il limite oltre il quale l'equilibrio delle forze gli si ritorcerà contro.
“In tutte le sofferenze e la morte “ ha scritto un mio amico da Gaza “ ci sono tante manifestazioni di tenerezza e di gentilezza. Le persone si prendono cura le une delle altre, si confortano a vicenda.
Soprattutto i bambini, che cercano il modo migliore per aiutare i loro genitori. Ho visto tanti bambini di meno di 11 anni che abbracciano e consolano i loro fratellini più piccoli, cercando di distrarli dall’orrore. Così giovani e già si prendono in carico qualcun altro. Non ho incontrato un solo bambino che non abbia perso qualcuno – un genitore, una nonna, un amico, una zia o un vicino. E penso: se Hamas è nato dalla generazione della prima Intifada, quando i giovani che tiravano pietre sono stati presi a fucilate, cosa nascerà dalla generazione che ha sperimentato i ripetuti massacri degli ultimi sette anni?”
La nostra sconfitta morale ci perseguiterà per molti anni in futuro.

Traduzione di Amedeo Rossi

Un anno fa scompariva in Siria padre Paolo Dall’Oglio. Che manca a tutti noi di Tytty Cherasien

Torna Abu
Un anno fa scompariva in Siria padre Paolo Dall’Oglio. Che manca a tutti noi

di Tytty Cherasien. Cittadina del mondo, che da sempre respira il Medio Oriente, grazie anche alla fortuna di fare la cooperante internazionale. Il mio blog: Biscotti allo zenzero

29 luglio 2014 – La notte che precede l’Eid per me è sempre stato momento introspettivo forte, momento di ricordo, di nostalgie o di sorrisi.
Questa notte di Eid ho pensato, non credo solo io, ad una persona, sequestrata all’inizio dello scorso ramadan e di cui non abbiamo mai avuto nessuna notizia, se non mistificanti deliri o parziali verità.
La verità é che di Abuna Paolo dal 29 luglio scorso non abbiamo più notizie.
La verità é che il nostro cuore non ha mai smesso di sanguinare, che il dolore invece di lenirsi si è fatto più grande e spaventoso.

10572253_10204385454182539_1816613017_n

Sì, perché il pensiero di dove sia Paolo, se sia ancora in vita, arrestato, sequestrato, torturato o addirittura ucciso, toglie il fiato.
A volte cerco di immaginarlo ancora in vita, ma vedo immagini che rendono tutto questo mostruoso.
In un anno non l’ho mai sognato, neanche una volta. Nel bene e nel male. Forse questo qualche cosa vorrà dire.
In questo anno la rivoluzione è cambiata molto, moltissimo, iniziava a perdere un po’ colpi prima che tu Paolo venissi portato via.
Forse erano “sensazioni”, come avevi detto. Ma dalla tua anima non escono sensazioni, esce verità.
Tu sei il padre di questa Rivoluzione e tutti siamo orfani di un padre meraviglioso, sbandiamo alla ricerca di dove andare.
Parlo per me, ma non solo per me forse… Io ho paura senza di te.

photo1

Ho paura dello sfuggire di mano, fragile come una farfalla che vola via.
Sì, perché di base la domanda che ci tormenta è questa. Sei volato via Abu? Ci hai lasciati Abu?
Anche se non volevi, anche se avevi bisogno di non lasciarci soli? Dove sei Padre Paolo?
Dove sei in questo momento che la mia testa è sul punto di scoppiare e il mio cuore anche.
Qualcuno ci dia una risposta, qualcuno ci dia una speranza.
Qualcuno ci dia qualcosa, perché noi così non riusciamo più a vivere.
Torna Abu.