Post

Moria Shlomot (ebrea israeliana) : SE È COSÌ SIGNOR GANTZ, IO SONO UNA ORGOGLIOSA TERRORISTA

Palestinesi: cultura-storia-.società civile-economia SE È COSÌ SIGNOR GANTZ, IO SONO UNA ORGOGLIOSA TERRORISTA   Moria Shlomot   Haaretz 27 ottobre Come molte persone in Israele e all’estero, e come l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, sono rimasta scioccata dalla dichiarazione del ministro della Difesa Benny Gantz che ha designato sei ONG della società civile palestinese – senza dubbio organizzazioni per i diritti umani – come organizzazioni terroristiche. Tra queste “organizzazioni terroristiche”,  secondo il ministro della Difesa  , ci sono Al-Haq, una premiata organizzazione per i diritti umani con una reputazione internazionale di alto profilo; il ramo palestinese di Defense for Children International, che tutela i diritti dei minori palestinesi; e Addameer Prisoner Support and Human Rights Association, che difende i prigionieri di sicurezza palestinesi e i detenuti detenuti nelle carceri e nei centri di detenzione sia israeliani che palestinesi. Sono liet

Luigi Daniele :In Palestina, il “terrore” dell’uguaglianza

Immagine
    Palestinesi: cultura-storia-.società civile-economia Nel silenzio assordante delle agenzie di stampa e della politica italiana (mentre in tutto il mondo si susseguono   notizie ,   comunicati   e dure prese di posizione di   parlamentari ),   il Ministero della Difesa israeliano   guidato da Benjamin Gantz si è spinto laddove neanche i governi Netanyahu avevano osato:   sei organizzazioni della società civile palestinese, tra cui ONG di prestigio mondiale e punto di riferimento internazionale per la tutela dei diritti umani nel territorio occupato dello Stato di Palestina, sono state dichiarate “organizzazioni terroristiche”. Il cuore dell’accusa: queste organizzazioni, nella loro interezza, sarebbero “ rami ” sotto copertura del partito del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina. Le  prove:  riservate . Dunque la più antica organizzazione palestinese per i diritti umani,  Al Haq , assieme ad  Addameer, Prisoners Support and Human Rights Association  e  Defense For Chil

William F. Simonds Opinione : confondere l'ebraismo con il sionismo : Elisha Wiesel

antisemtismo-sionismo-antisionismo L'  editoriale di Elisha Wiesel del 13 ottobre:   “ The church is honoring my father, Elie Wiesel — and his legacy includes unapologetic Zionism ”, celebra  i numerosi successi di suo padre, il premio Nobel e  il suo essere l' instancabile difensore dei diritti umani   Non è così. si  è impegnato in uno sforzo intellettualmente disonesto per suggerire che la critica alle politiche israeliane è in qualche modo antisemita, ignorando la parte significativa dell'opinione ebraica americana che è critica nei confronti di Israele: un recente  sondaggio   degli elettori ebrei ha rilevato che un quarto crede che Israele sia uno stato di apartheid .   La stessa conclusione è stata recentemente tratta da rispettati gruppi per i diritti umani B'Tselem e Human Rights Watch, sentenze potenti opportunamente trascurate  nell'articolo citato .   Il signor Wiesel, inoltre, non ha avuto nulla da dire sui milioni di palestinesi che vivono sotto l'

Richard Silverstein - 25 ottobre 2021 : Che ruolo ha avuto Israele nell'odierno colpo di Stato militare in Sudan?

Immagine
 Traduzione sintesi RICHARDSILVERSTEIN.COM Israeli Intelligence Aids African States Threatened by Islamist Insurgencies in Return for Normalization - Tikun Olam תיקון עולם Exposing secrets of the Israeli national security state Israele-piano saudita e mondo arabo Oggi, la giunta militare sudanese ha rovesciato il governo democratico di transizione e arrestato influenti leader civili, compreso il Primo Ministro. Ha spento internet e interrotto il servizio telefonico, ha chiuso l'aeroporto e si è autoproclamata unico governo. Un movimento democratico di massa ha rovesciato l'ultimo dittatore, Omar Bashir iniziando  una difficile coalizione tra le forze militari e civili. Gli attivisti per la democrazia hanno chiesto un movimento di resistenza, sciopero generale e chiusura dell'intero Paese. Ha dichiarato: "Esortiamo  il popolo a uscire per le strade e occuparle, bloccare tutte le strade con barricate, organizzare uno sciopero generale dei lavoratori e non collaborare con

Gideon Levy Non c’è destra o sinistra in Israele, solo sionismo e non sionismo

  La scorsa settimana Angela Merkel ha espresso la sua ammirazione per la solidit à  della nuova coalizione israeliana. L’editorialista di Haaretz Carolina Landsmann si chiede su questo sito se abbiamo a che fare con un  governo  ambiguo  op pure con uno che ha messo allo scoperto il più grande inganno di tutti i tempi. Il giornalista Ron Cahlili afferma che la destra ideologica e la sinistra sionista sono la stessa cosa. Tutti e due evocano una vecchia storia, quella del gatto che esce dal sacco: in Israele non c’è  n é  sinistra n é  destra. L’unica divisione ideologica è tra sionisti, vale a dire quasi tutti, e non sionisti, molto meno numerosi. La cancelliera può quindi tranquillizzarsi. Quando è stato formato l’attuale governo non è avvenuto nessun miracolo e la Germania non ha nulla da imparare da esso. Non c’è  stat a nessuna  “ contingenza politica”, per usare la frase coniata dal primo ministro. L’attuale coalizione si mantiene facilmente poiché è una coalizione basata sul con