Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

 Traduzione sintesi

  

  • scintille di luce e lotta popolare non violenta
  • Vicino al confine dei territori palestinesi con la Giordania, il palestinese  Hayel Mahmoud Bisharat , 76 anni, vive da  42 anni  a Khirbet Humsa al-Tahta, una comunità beduina palestinese nella Cisgiordania nordorientale.

    Insieme ai membri della sua famiglia, Bisharat sta cercando di resistere all'avidità di Israele, ha perso vasti acri della sua terra che si estende su un'area di 200 acri  per l' espansione degli insediamenti, che hanno già costretto 38 membri della sua famiglia a fuggire  nei  villaggi vicini del governatorato di Tubas.

    Le forze israeliane invadono costantemente la collina ,che si estende su un'area di cinque acri, per demolire le case che Bisharat costruisce ripetutamente e per devastare i suoi ovili, principale fonte di sostentamento per Bisharat e la sua famiglia.

    Attualmente vive in cima alla collina montuosa,  circondata da israeliani su tre lati, ossia dal l' insediamento di Hamra , da un campo di addestramento per le forze israeliane e da un posto di blocco militare israeliano ad Hamra.

    Immagine
    (Una veduta della casa e del terreno di Hayel Bisharat il 10 settembre 2021, immagine per gentile concessione di Mahmoud Bisharat)
    (Una veduta della casa e del terreno di Hayel Bisharat il 10 settembre 2021,  per gentile concessione di Mahmoud Bisharat)



    Nel frattempo le forze israeliane continuano a costruire avamposti di insediamento su parti delle terre di Khirbet Humsa al-Tahta , confiscate durante i crescenti attacchi dei coloni contro la famiglia Bisharat e i 140 residenti di Khirbet Humsa al-Tahta.

    Oltre all'espansione degli insediamenti intorno alle terre di Bisharat, Israele ha anche offerto un risarcimento finanziario alla sua famiglia in cambio dell'abbandono della terra   dove vivono dal 1979.

    Al-Monitor ha incontrato Bisharat a casa sua in cima alla montagna. Era con sua moglie; suo figlio, Mahmoud, (che si offre volontario per monitorare le violazioni da parte dei soldati israeliani)  la sua famiglia; e due delle sue figlie. Le forze israeliane sono state schierate al posto di blocco militare israeliano ad Hamra, che dista solo 250 metri (820 piedi) da casa sua.

    "Nel settembre del 2018 tre ufficiali dell'amministrazione civile israeliana hanno fatto irruzione in casa mia   offrendomi  2 milioni di dollari in cambio dell'abbandono della mia terra e della mia casa", ha detto Bisharat.

    Ho chiarito furiosamente che i loro soldi non  corrispondevano al  valore degli ulivi piantati nella mia terra ".

    Israele in seguito ha fatto di nuovo la stessa offerta e ha persino suggerito una vacanza nella capitale francese, Parigi.

    Immagine
    (Hayel Bisharat e sua moglie nella loro casa il 10 settembre 2021, immagine per gentile concessione di Mahmoud Bisharat)
    (Hayel Bisharat e sua moglie nella loro casa il 10 settembre 2021, immagine per gentile concessione di Mahmoud Bisharat)



    “Lo stesso giorno gli ufficiali dell'amministrazione civile israeliana sono tornati e hanno cercato di adescarmi offrendo  sia la stessa somma  sia una vacanza  a Parigi . Ho chiarito che non lascerò la mia terra e i miei ulivi fino alla morte".

    “Quando  ho rifiutato c on decisione la loro offerta, i bulldozer israeliani hanno demolito e confiscato una casa mobile che ospitava i miei familiari".

    Di fronte al rifiuto di Bisharat le forze israeliane hanno imposto misure arbitrarie volte a rafforzare l'assedio della sua famiglia e ad emettere più ordinanze per demolire le loro case e devastare i loro ovili.

    Bisharat ha affermato che i tentativi israeliani per controllare la sua terra attraverso offerte finanziarie sono ancora in corso così come un costante assedio, restrizioni e ordini di demolizione e confisca.  L'obiettivo  è quello di  annettere le sue case e terreni agricoli per espandere l'insediamento di Hamra ,costruendo più unità abitative a solo mezzo chilometro di distanza dalla sua terra. Oltre agli ordini di demolizione  Israele impedisce  qualsiasi ulteriore costruzione delle strutture agricole e pastorali inoltre  i suoi raccolti sono stati distrutti dai bulldozer e bruciati dai coloni.

    “L'occupazione sostiene che la mia terra si trova all'interno di aree archeologiche, ma la verità è che considera la mia terra strategica, poiché si affaccia direttamente sul checkpoint militare di Hamra, sull'insediamento di Hamra e sul campo di addestramento dell'esercito israeliano. Aspira a controllare quell'area per annetterla ai progetti di insediamento a Khirbet Humsa al-Tahta e nelle aree settentrionali della Valle del Giordano palestinesi . L'occupazione ha permesso ai coloni , venuti durante il mese di aprile  di costruire avamposti di insediamento e case mobili in un'area vicino alle nostre case. Hanno anche permesso loro di liberare centinaia di pecore che possedevo", ha detto.

    Le  forze israeliane hanno portato un gran numero di coloni nell'insediamento dopo aver condotto operazioni di espansione dell'insediamento. I settler hanno  attaccato la sua famiglia e le sue proprietà con l'obiettivo di costringerlo a lasciare la sua terra.





    Near the border of the Palestinian territories with Jordan, Palestinian Hayel Mahmoud Bisharat, 76, has lived for 42 years on a high peak in Khirbet Humsa al-Tahta, which is a Palestinian Bedouin community within the Tubas governorate and the northern Jordan Valley in the northeastern West Bank.



    Along with members of his family, Bisharat is trying to resist Israel’s greed, as he lost vast acres of his land that extends over an area of ​​200 acres in favor of settlement expansion projects that already forced 38 members of his family to flee to the neighboring villages of the Tubas governorate.

    Israeli forces constantly invade the hill stretching over an area of ​​five acres to demolish the houses Bisharat repeatedly builds and ravage his sheep pens, which are the main source of livelihood for Bisharat and his family.

    He currently lives on top of the mountainous hill, which is surrounded by Israelis on three sides — namely the Hamra settlement, a training camp for the Israeli forces and an Israeli military checkpoint in Hamra.
    Image

    (A view of Hayel Bisharat's home and land on Sept. 10, 2021, image courtesy of Mahmoud Bisharat)

    Meanwhile, Israeli forces continue to build settlement outposts on parts of the Khirbet Humsa al-Tahta lands they confiscated amid increasing settler attacks against the Bisharat family and the 140 remaining residents of Khirbet Humsa al-Tahta.

    In addition to settlement expansion around Bisharat’s lands, Israel has also offered financial compensation to his family in return for leaving the land they have lived on since 1979.

    Al-Monitor met Bisharat at his house on top of the mountain peak. He was with his wife; his son, Mahmoud (who volunteers to monitor violations by Israeli soldiers), and his family; and two of his daughters. Israeli forces were deployed at the Israeli military checkpoint in Hamra, which is only 250 meters (820 feet) from his house.

    “In September of 2018, I was surprised that three officers from the Israeli Civil Administration broke into my house, introduced themselves and made me a financial offer worth $2 million in exchange for leaving my land and house,” Bisharat said.

    “I did not give them the chance to go on. I furiously made it clear that their money was by no means worth the value of the olive trees planted in my land,” he added.

    Israel later made the same offer again and even suggested a vacation to the French capital, Paris.
    Image

    (Hayel Bisharat and his wife in their home on Sept. 10, 2021, image courtesy of Mahmoud Bisharat)

    “On the same day, the Israeli Civil Administration officers returned and tried to lure me by offering the same amount in exchange for leaving my land and traveling to Paris for vacation. Likewise, I immediately made it clear that I shall not leave my land and olive trees until I die,” he said.

    “The occupation did not settle for the financial offer. And when I strictly refused their offer, Israeli bulldozers demolished and confiscated a mobile home that was housing my family members,” the elderly said.

    In the face of Bisharat’s refusal, Israeli forces imposed more arbitrary measures aimed at tightening the siege on his family and issuing more decisions to demolish their houses and ravage their sheep pens.

    Bisharat asserted that Israeli attempts to control his land through financial offers are still ongoing via a constant siege, restrictions, and demolition and confiscation operations and orders.

    He said the goal behind the arbitrary practices is to expel him from Khirbet Humsa al-Tahta and annex his homes and agricultural land in order to expand the Hamra settlement by building more housing units just half a kilometer distance from his land.

    Following the financial offers they made to him, he said Israeli forces issued in 2020 demolition orders on the houses in which he lives along with members of his family. Orders also prevented any further construction on agricultural and pastoral facilities he handles.

    Bisharat said his agricultural crops were bulldozed and burned to the ground by settlers.

    “The occupation claims that my land is located within archaeological areas, but the truth is that it considers my land to be strategic, as it directly overlooks the Hamra military checkpoint, the Hamra settlement and the Israeli army training camp. It aspires to control that area in order to annex it to settlement projects in Khirbet Humsa al-Tahta and the northern Palestinian Jordan Valley areas,” he added.

    As he spoke, Bisharat pointed to the ruins of his homes and sheep pens.

    “The occupation allowed settlers who came during the month of April to Al-Hamra settlement to build settlement outposts and mobile homes in an area close to our houses. They also let them release hundreds of sheep I owned," he said.
    Bisharat said Israeli forces brought large numbers of settlers to the settlement after conducting settlement expansion operations, as they carried out attacks on his family and their property with the aim of forcing him to leave his land.ElOR



    derly Palestinian resists Israel’s settlement ambitions











    Commenti

    Post popolari in questo blog

    Richard Silverstein :Il sionismo liberale e l'illusione dei due Stati

    Yehudit Karp :È giunto il momento di ammettere: Israele è un regime di apartheid

    Gideon Levy : | Un'immagine, 2 milioni di persone private della loro dignità. Gaza

    Offer Aderet Gli ARCHIVI DELLA GUERRA DEL KIPPUR RIVELANO LA SPIA EGIZIANA CHE HA SALVATO ISRAELE E LA PAURA DELL'UNIONE SOVIETICA DI GOLDA MEIR